Il presidente Joe Biden (Democratico) ha detto venerdì 3 settembre che non crede che la vita inizi al momento del concepimento – contraddicendo le sue precedenti dichiarazioni su quando inizia la vita.

Un articolo di Christine Rousselle, pubblicato su Catholic News Agency, nella mia traduzione.

 

Joe Biden (AP PHOTO / Matt Slocum)
Joe Biden (AP PHOTO / Matt Slocum)

 

Il presidente Joe Biden (Democratico) ha detto venerdì 3 settembre che non crede che la vita inizi al momento del concepimento – contraddicendo le sue precedenti dichiarazioni su quando inizia la vita.

Biden ha risposto alla domanda di un giornalista sull’aborto venerdì, dopo aver parlato dei numeri di agosto sui posti di lavoro alla Casa Bianca. “Rispetto coloro che credono che la vita inizi al momento del concepimento”, ha detto Biden. “Non sono d’accordo, ma lo rispetto. Non ho intenzione di imporlo alle persone”.

La dichiarazione di Biden di non credere che la vita inizi al momento del concepimento è in contrasto con quanto ha dichiarato in passato. 

Al dibattito vice-presidenziale del 2012 contro il candidato repubblicano Paul Ryan (R-Wisc.), Biden ha dichiarato chiaramente che credeva che la vita iniziasse al concepimento. 

“La vita inizia al concepimento, questo è il giudizio della Chiesa. Lo accetto nella mia vita personale”, ha detto. “Ma mi rifiuto di imporlo a cristiani e musulmani ed ebrei altrettanto devoti, e mi rifiuto di imporlo ad altri, a differenza del mio amico qui, il deputato”.

Biden ha detto all’epoca che lui “non crede che abbiamo il diritto di dire ad altre persone che, le donne, non possono controllare il loro corpo. È una decisione tra loro e il loro medico, secondo me, e la Corte Suprema. Non ho intenzione di interferire con questo”.

In un’intervista del settembre 2008, poco prima di essere eletto vicepresidente, Biden ha detto di essere “preparato come una questione di fede ad accettare che la vita inizia al momento del concepimento”.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica al paragrafo 2270 afferma: “La vita umana deve essere rispettata e protetta assolutamente dal momento del concepimento”.

Venerdì pomeriggio, il vescovo Donald Hying di Madison ha risposto ai commenti di Biden su Twitter: “La gente ha sempre sostenuto che il presidente Biden era personalmente contrario all’aborto”.

“Oggi, abbiamo tutti imparato la dolorosa e inquietante verità”, ha detto.

A Biden è stato chiesto da un giornalista di parlare alle donne in Texas, dopo che la legge pro-vita dello stato è entrata in vigore mercoledì. La legge vieta l’aborto dopo il rilevamento di un battito cardiaco fetale, che può essere già alla sesta settimana di gravidanza. Permette alle persone di denunciare gli aborti illegali e viene applicata attraverso cause private.

A Biden è stato chiesto cosa, se non altro, la sua amministrazione potrebbe fare per “proteggere i diritti all’aborto a livello federale”. 

Il presidente ha detto che è stato e continuerà ad essere “un forte sostenitore di Roe v. Wade”, la sentenza della Corte Suprema del 1973 che ha legalizzato l’aborto a livello nazionale. 

Biden ha detto che la legge del Texas “crea una sorta di sistema di vigilanza” che premia le persone che denunciano gli aborti illegali. 

“So che questo suona ridicolo, quasi anti-americano, quello di cui stiamo parlando”, ha detto. 

Mentre il presidente ha detto che “rispetta le opinioni” delle persone “che non sostengono Roe v. Wade”, ha sottolineato che non è d’accordo con loro. Ha detto di aver chiesto al Dipartimento di Giustizia di verificare se si può fare qualcosa per prevenire “azioni indipendenti di individui” che applicano la legge sul battito cardiaco del Texas.

“Non so ancora abbastanza per darle una risposta”, ha detto Biden al giornalista. “Ho chiesto che questo venga verificato”.

Mercoledì sera, la Corte Suprema ha respinto una petizione tesa a bloccare la legge del Texas in una decisione 5-4. La corte non si è pronunciata sulla legge stessa, ma piuttosto ha rifiutato di concedere una sospensione che avrebbe bloccato l’entrata in vigore della legge. 

I giudici Clarence Thomas, Samuel Alito, Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett hanno deciso di declinare la richiesta di petizione dei fornitori [del servizio] di aborti tesa a bloccare la legge. Il presidente della Corte Suprema John Roberts, così come i giudici Stephen Breyer, Elena Kagan e Sonia Sotomayor, hanno dissentito dalla decisione.

Il giorno seguente, Biden ha spinto la sua amministrazione ad esaminare “quali passi può fare il governo federale per assicurare che le donne in Texas abbiano accesso ad aborti sicuri e legali”.

 

 

 

Facebook Comments