Di seguito di propongo un articolo scritto da Bill Rice, Jr.,giornalista freelance, rispreso dal suo Substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Joe Biden
Joe Biden, Presidente degli Stati Uniti

 

Di solito provo grande simpatia per qualsiasi persona che lotta contro la terribile malattia della demenza. Tuttavia, nel caso del Presidente Biden, che tutto il mondo sa essere affetto da questa malattia, il sentimento che provo è più vicino al disgusto.

Il motivo per cui la mia normale empatia viene meno è che il Presidente Biden stesso deve sapere di essere affetto da questa malattia… e non vuole riconoscerlo e fare ciò che è meglio per il Paese e dimettersi.

Non solo il Presidente Biden lo sa, ma anche sua moglie e i suoi figli. Lo sanno anche tutte le persone che lavorano alla Casa Bianca. In effetti, ora gli assistenti della Casa Bianca devono essere impegnati 24 ore su 24 a scrivere i copioni del teleprompter e le indicazioni sceniche che devono produrre per il Presidente Biden.

Il miglior pezzo di commedia (dark) che dimostra le mie congetture si è verificato quando gli assistenti della Casa Bianca hanno vestito un volontario da coniglietto pasquale e quest’ultimo ha svolto il compito assegnatogli di tenere il Presidente lontano dai giornalisti e dai cacciatori di uova di Pasqua.

Ciò che mi ha spinto a scrivere questa rubrica è stato il momento di commozione che si è verificato ieri, quando il Presidente Biden (uscendo dal copione) ha chiesto se un membro del Congresso deceduto fosse presente nella stanza.

Tutti conosciamo persone che stanno evidentemente perdendo la loro lucidità mentale. Conosco diversi amici che in questo momento stanno lottando con questa condizione. (In effetti, mi chiedo se questa “nebbia cerebrale”, almeno in alcune persone, possa essere una reazione avversa ai “vaccini” Covid).

Indipendentemente dalla causa, la maggior parte delle persone che si trovano in questa situazione lo ammette, sia a se stesse che agli altri. Quando le persone iniziano a soffrire di questa condizione, hanno molti momenti in cui il loro cervello funziona bene come sempre. Ho avuto persone (tutte in pensione, tra l’altro) che mi hanno confidato: “Bill, sto perdendo la testa”.

Quindi non ho dubbi che il Presidente Biden sappia cosa gli sta succedendo.

Il punto principale è che qualsiasi persona con un briciolo di carattere genuino riconoscerebbe ciò che gli sta accadendo e, per il bene del Paese che dovrebbe guidare, si farebbe da parte. In mancanza di ciò, si spera che le persone che amano e si preoccupano di questa persona lo convincano a farlo.

Ma non sono queste le persone che “guidano” il nostro Paese. Sono invece persone che si preoccupano solo della loro posizione, del loro status e del loro potere e non si fanno scrupoli a partecipare a una cospirazione per insabbiare la verità. (Una possibilità ancora più sinistra è che le Potenze che stanno dietro le quinte apprezzino il fatto di avere un burattino così facile da controllare).

 

Il vero scandalo (il solito solito) …

La cospirazione per ignorare l’evidente demenza di Biden è grande quasi quanto la cospirazione per nascondere il fatto che i “vaccini” sono pericolosi e inefficaci. Certamente ogni giornalista che si occupa del Presidente e della Casa Bianca conosce le sue condizioni. Ma proprio come tutte le verità “off-limits” di Covid, è tabù dire che l’imperatore non ha cervello.

Probabilmente tutti noi abbiamo conosciuto una persona cara affetta da demenza. Sapendo questo, sappiamo tutti che questa condizione non migliora mai. Peggiora, spesso in modo rapido. Quindi a un certo punto, si presume, un “adulto nella stanza” prenderà da parte il Presidente Biden e lo convincerà che deve dimettersi.

Quando questo giorno accadrà, la stampa DOVRA’ riferire il vero motivo per cui il nostro Presidente ha deciso di uscire tardivamente dal palco politico di sinistra …. probabilmente dopo essersi prima allontanato verso il palco di destra, cosa che – scherzo di cattivo gusto o meno – è effettivamente accaduta diverse volte.

Non vedo l’ora che arrivi questo giorno, se non altro per vedere come la stampa si distingue per aver insabbiato questa storia per anni. (“Il nostro Presidente soffre di demenza” è, in effetti, una storia). Quando arriverà questo giorno, spero che più di qualche americano faccia una domanda ai nostri giornalisti in cerca di verità: Perché non avete trattato questa storia? E poi una domanda ancora più importante: Quali altre storie importanti vi siete rifiutati di indagare e raccontare?

A dire il vero, la storia non raccontata di Biden affetto da demenza è legata a tutte le altre storie non raccontate. Il vero scandalo è che l’America è “servita” da un organo di stampa che sembra esistere per coprire i veri scandali, soprattutto quando questi coinvolgono politici e leader della “loro squadra”.

La storia della demenza di Biden ci dà probabilmente anche una ragione per cui l’organo di stampa non rivelerà mai tutti gli scandali e le bugie di Covid. Se la stampa tradizionale ne desse tardivamente notizia, ammetterebbe di aver insabbiato o ignorato per anni una storia di enorme importanza. Non succederà.

Sopra, prevedo che il Presidente Biden si dimetterà prima della fine del suo mandato. Ma questa è probabilmente una supposizione ingenua. (Una volta pensavo anche che se e quando i “vaccini” si fossero dimostrati inefficaci nel prevenire l’infezione o la diffusione, il nostro governo non avrebbe potuto imporre una simile iniezione sperimentale).

La mia nuova massima è che ciò che non dovrebbe accadere… accadrà (e viceversa). Quindi è molto probabile che il presidente Biden sarà ancora presidente nel gennaio 2025. A quel punto, non riesco a immaginare lo stress post-traumatico dei responsabili della Casa Bianca che hanno fatto superare a “Bernie” non un fine settimana, ma 208 fine settimana.

Ogni giorno ci saranno altre “gaffes” presidenziali, gaffes che un tempo avrebbero potuto fornire alla nazione il necessario sollievo comico, ma che ora non fanno più ridere.

Mi sembra davvero crudele che tante persone che apparentemente si preoccupano del Presidente Biden non facciano nulla per aiutarlo. È anche una malafede o un’abdicazione a qualche dovere morale o etico che queste persone permettano a un uomo che potrebbe scatenare una guerra nucleare di rimanere in carica.

Un giorno qualcuno scriverà il racconto di tutti i racconti della Casa Bianca e il pubblico apprenderà tardivamente quanto fosse grave la condizione cognitiva del Presidente Biden. Fino a quel giorno, continueremo a vivere nel mondo surreale descritto nel classico cult di Peter Sellers “Being There” (il famoso film Oltre il giadino).

In quel film, il giardiniere sempliciotto non era ancora stato eletto presidente. Quindi l’America ci è arrivata.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments