Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ilana Mercer e pubblicato su Ron Paul Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

ragazzo disperato a Gaza dopo i bmbardamenti di Israele nell'ottobre 2023
ragazzo disperato a Gaza dopo i bmbardamenti di Israele nell’ottobre 2023

 

È semplice: Se sapete in anticipo che le vostre azioni causeranno la morte di migliaia di civili, alle vostre azioni criminali (actus reus) è associata una mente colpevole (mens rea), che significa premeditazione, nota anche come intenzione, nella giurisprudenza e nella filosofia giudiziaria occidentale. Il rastrellamento di Gaza e il continuo assassinio di migliaia di civili da parte delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), con l’imprimatur occidentale, è un crimine di guerra. Colpire le popolazioni civili e polverizzare interi quartieri per “ammorbidire” apparentemente i pochi obiettivi nascosti all’interno: questo viola il diritto naturale, il diritto internazionale, il diritto libertario e la Teoria della Guerra Giusta.

È stato vero quando Gengis Bush ha sganciato taglierini e bombe a grappolo sui civili iracheni, uccidendone e sfollando centinaia di migliaia; è stato vero quando le forze alleate hanno bombardato a fuoco Dresda e Amburgo, ed è stato vero quando Harry Truman ha sganciato bombe atomiche sui civili giapponesi.

Non che questo abbia aiutato le sue vittime, ma Truman espresse gelidamente un certo “rammarico” per “la necessità [bestiale] di spazzare via intere popolazioni”: “So che il Giappone è una nazione terribilmente crudele e incivile in guerra”, disse Truman a un ardente sostenitore, “ma non riesco a credere che, poiché sono bestie, noi stessi dovremmo agire nello stesso modo”.

Sappiamo ineluttabilmente che Gaza può essere “una nazione terribilmente crudele e incivile in guerra”. La solidarietà espressa dai gazesi nei confronti dei loro vicini, vittime del massacro del 7 ottobre, è stata spesso esigua e rancorosa. I leader egiziani e giordani non sono del tutto sinceri sul perché si rifiutino di accogliere i rifugiati di Gaza tra di loro come i polacchi hanno accolto gli ucraini. In effetti, gli egiziani non hanno alcuna intenzione di permettere ai palestinesi, che considerano un elemento radicalizzante, di entrare nel loro Paese. Come il presidente Hosni Mubarak prima di lui, il presidente El-Sisi teme di ingrossare le già folte file dei Fratelli Musulmani in Egitto. Mubarak aveva periodicamente condotto mini-massacri contro la Fratellanza – l’organizzazione che ha generato Hamas – senza particolare clamore da parte dell’Occidente.

Nel 1970, il re Hussein (ibn Talal) di Giordania massacrò migliaia di palestinesi per aver fomentato un colpo di stato contro la monarchia hashemita. Per evitare l’anarchia che Hussein associava ai palestinesi e ai loro risentimenti, il re espulse l’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) e molte migliaia di palestinesi in Libano.

Contrariamente alla narrativa occidentale sulla politica estera degli angeli e dei demoni, il miraggio di Hamas come oppressore del suo popolo è proprio questo: un miraggio. Il popolo palestinese ha votato per il “Movimento di resistenza islamica” (Hamas), un’organizzazione la cui esistenza ruota attorno alla distruzione di Israele. Alle ultime elezioni, Hamas ha ottenuto la maggioranza in tutti i 16 distretti della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, tranne due.

Secondo Mark Mellman, un sondaggista, “se si tenessero nuove elezioni presidenziali con due candidati, Mahmoud Abbas di Fatah e Ismail Haniyeh di Hamas, Abbas otterrebbe il 37% dei voti e Haniyeh vincerebbe in modo schiacciante con il 58%”. Una maggioranza sostanziale in Cisgiordania e a Gaza è favorevole al “conflitto armato” piuttosto che a soluzioni pacifiche e politiche del conflitto.

La strada araba è sempre stata più militante dei suoi leader. Lo studioso arabo-americano Fouad Ajami ha affermato: “È una peculiarità dell’ordine politico arabo che molti dei governanti e delle dinastie siano più moderati della popolazione”. È per questo che gli iracheni si sono rivolti in massa alla Sharia. E perché, grazie a George W. Bush e a Condoleezza Rice, il popolo egiziano ha cercato di sostituire il partito al potere di Hosni Mubarak con i banditi Fratelli Musulmani. Le inclinazioni del popolo hanno catapultato Hezbollah al governo in Libano. E spiegano il successo strepitoso degli islamisti nelle elezioni saudite e afghane.

Nonostante questi fatti scomodi, un omicidio con l’approvazione della maggioranza è sempre un omicidio, chiunque sia il suo autore. Che sia commesso da attori interni o esterni allo Stato, dai “buoni” o dai “cattivi” designati, l’omicidio di civili innocenti e non militanti è sempre un omicidio.

Così, il rastrellamento di Gaza da parte di Benjmain Netanyahu, con l’aiuto di Joe Biden e dei suoi complici dell’Uniparty, nel corso del quale stanno morendo dei civili, è un omicidio con premeditazione, un concetto che include “le morti derivanti da azioni che mostrano una depravata indifferenza per la vita”. Un’altra depravata indifferenza nei confronti della vita è la limitazione da parte di Israele delle forniture di acqua, cibo ed energia elettrica ai milioni di gazesi che dipendono dagli aiuti, poiché Israele sa benissimo che questo metterà indirettamente in pericolo i civili.

Gli sciocchi soliloqui riversati nelle nostre orecchie sul fatto che “Hamas usa i civili come scudi umani” equivalgono a non sequitur moralmente fallimentari. È vero: Hamas ha invitato l’IDF a “venite a prenderci se ci trovate tra i civili di Gaza”. L’IDF e i suoi responsabili, tuttavia, hanno accettato l’invito di Hamas a polverizzare le comunità civili.

In altre parole, la colpevolezza di Hamas non esime Israele dalle sue colpe. Un programma di torti non ne cambia un altro.

“Essere molto bravi in qualcosa di intrinsecamente stupido”, ha detto un grande romanziere inglese, “non è il segno di un’alta intelligenza”. Oltre a tradire i propri cittadini, non riuscendo a sostenere i loro diritti fondamentali, l’IDF non pensante ha di fatto bombardato Gaza riportandola all’età della pietra. Questo non servirà a sradicare Hamas! Le precedenti incursioni in Cisgiordania e a Gaza hanno fallito clamorosamente nel portare a termine questa missione necessaria.

I gazesi, in un momento di estrema sofferenza, vengono istruiti a “evacuare nella parte meridionale della striscia”. Questa esortazione mi ricorda il ridicolo consiglio di Ivanka Trump agli uomini con l’elmetto, le cui occupazioni sono state esternalizzate per sempre: “Imparate a codificare”. “Evacuare nella parte meridionale della Striscia di Gaza” è solo un meme ridicolo, dato che Gaza è stata rasa al suolo. Non c’è più nessun posto dove scappare.

Tragicamente, Israele ha sprecato gran parte della buona volontà generata dall’atroce, diabolico pogrom del 7 ottobre. Alla fine, Bibi ha cancellato la memoria dei martiri del 7 ottobre creando nuovi martiri a Gaza.

Quindi, “Come sconfiggere Hamas e fermare la carneficina a Gaza”?

IN UN NUOVO PODCAST DI HARD TRUTH, il vostro editorialista sostiene che è necessaria una risposta più intelligente ed efficace che prenda di mira solo i colpevoli del massacro del 7 ottobre, e non gli innocenti. Tale risposta è descritta in dettaglio. David Vance ed io discutiamo ulteriormente l’idea che Netanyahu abbia profanato la memoria dei martiri del 7 ottobre, creando nuovi martiri a Gaza, attraverso la sua cruda risposta al massacro di Hamas. La solidarietà del mondo è stata sprecata. In ogni caso, David e io concordiamo sul fatto che l’interferenza degli Stati Uniti e del Regno Unito nella regione non sia utile e che il REGIONALISMO BATTA SEMPRE IL GLOBALISMO.

Ilana Mercer

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments