Un vescovo belga ha fortemente criticato il recente chiarimento della Congregazione per la Dottrina della Fede che la Chiesa non può benedire le relazioni omosessuali, dicendo che è contrario alla “dinamica” del Sinodo sulla Famiglia del 2015 e mina la “credibilità del ‘percorso sinodale’ sostenuto da Papa Francesco”. 

Un articolo di Edward Pentin, pubblicato sul National Catholic Register, nella mia traduzione. 

 

Johan Bonny, vescovo di Antwerp (Belgio)
Johan Bonny, vescovo di Antwerp (Belgio)

 

Un vescovo belga ha fortemente criticato il recente chiarimento della Congregazione per la Dottrina della Fede che la Chiesa non può benedire le relazioni omosessuali, dicendo che è contrario alla “dinamica” del Sinodo sulla Famiglia del 2015 e mina la “credibilità del ‘percorso sinodale’ sostenuto da Papa Francesco”. 

Il vescovo Johan Bonny di Anversa, che era a favore della benedizione delle unioni omosessuali al sinodo sulla famiglia, si è scusato in un articolo del 17 marzo sul giornale belga De Standaard “a tutti coloro per i quali la posizione del Vaticano è dolorosa” e ha detto di provare “vergogna indiretta per la mia Chiesa”.

“Sento soprattutto incomprensione intellettuale e morale”, ha continuato il vescovo Bonny, aggiungendo che l’insegnamento della dichiarazione che la Chiesa non può approvare il peccato era “precisamente il linguaggio che i padri sinodali [della famiglia] non volevano usare” e non è “il linguaggio di Amoris Laetitia” – l’esortazione apostolica di Papa Francesco del 2016 sul sinodo.  

Nel suo responsum a un dubium, o domanda formale, se la Chiesa abbia l’autorità di benedire le unioni dello stesso sesso, la CDF ha affermato il 15 marzo che la Chiesa non ha l’autorità di benedire le unioni dello stesso sesso.

In una spiegazione di due pagine approvata da Papa Francesco e firmata congiuntamente dal cardinale Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, e dall’arcivescovo Giacomo Morandi, segretario della congregazione, la CDF ha sottolineato che le benedizioni sono sacramentali e hanno “singolare importanza” nella liturgia della Chiesa. Come tali, possono essere impartite solo su ciò che è conforme alla natura dei sacramentali. Dio, ha detto la CDF, “non benedice e non può benedire il peccato”. 

La dichiarazione continuava dicendo che il chiarimento non voleva essere “una forma di ingiusta discriminazione”, ma piuttosto un “richiamo alla verità del rito liturgico e alla natura stessa dei sacramentali, come la Chiesa li intende”. 

Il cardinale Ladaria e l’arcivescovo Morandi hanno anche detto che i pastori sono chiamati ad accogliere e accompagnare tali individui, e che la dichiarazione non preclude le benedizioni date alle persone che hanno inclinazioni omosessuali e cercano di vivere in fedeltà a Dio e all’insegnamento della Chiesa. 

Ma per il vescovo Bonny, il responsum “manca della cura pastorale, del fondamento scientifico, della sfumatura teologica e del rigore etico” che, ha detto, era presente tra i padri del sinodo della famiglia “che hanno poi approvato le condizioni finali”. 

Ha poi contestato l’affermazione della dichiarazione che le unioni omosessuali non sono “in alcun modo simili o anche lontanamente analoghe al piano di Dio per il matrimonio e la famiglia” – anche se la CDF stava citando direttamente dal paragrafo 251 di Amoris Laetitia.

“Io stesso conosco coppie gay, sposate civilmente, con figli, che formano una famiglia calda e stabile, e inoltre partecipano attivamente alla vita parrocchiale”, ha insistito il vescovo Bonny. “Alcuni di loro sono attivi a tempo pieno come operatori pastorali o ecclesiastici. Sono particolarmente grato a loro”.

Fino agli anni ’60, il Belgio era uno dei paesi cattolici più fedeli in Europa, con una ricca cultura ed eredità cattolica, ma da allora ha affrontato un crollo nella fede. Nel 1981, la popolazione cattolica registrata era del 72%, ma nel 2018 era scesa al 57% con una frequenza alla messa domenicale inferiore al 7%. 

Nello spazio lasciato dalla Chiesa, l’Islam ha preso il suo posto nel paese che ora ha proporzionalmente una delle più grandi popolazioni musulmane in Europa. Nel 2019, la popolazione musulmana di Anversa era del 16,9%, mentre nella capitale Bruxelles era del 25%.

Il vescovo Bonny ha servito molti anni sotto il cardinale Walter Kasper come funzionario vaticano nel Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, è stato nominato cappellano di Papa San Giovanni Paolo II nel 2002, ed è stato consacrato vescovo di Anversa da Benedetto XVI nel 2008. 

Nel 2014, ha detto di essere a favore della benedizione delle unioni omosessuali, ma non ha sollevato l’argomento al sinodo sulla famiglia; invece ha “chiesto il riconoscimento dei valori che sono presenti in quel tipo di relazione”. 

Ma non c’è stato alcun errore nel suo articolo del 17 marzo nel notiziario in lingua olandese, quando ha continuato a criticare la menzione del peccato da parte della CDF. 

Il concetto di peccato, ha detto, è “una delle categorie teologiche e morali più difficili da definire e una delle ultime da attribuire alle persone e al loro modo di vivere insieme” e “certamente non a categorie generali di persone”. La teologia morale classica, ha sostenuto, “non ha mai affrontato queste questioni in modo semplice”. 

Infine, ha contestato il riferimento della dichiarazione alla liturgia, chiedendo “da quale retrobottega ideologica” provengano questi riferimenti. 

“Ancora una volta”, ha detto, “questa non era chiaramente la dinamica del sinodo”, e ha aggiunto che i padri sinodali “non hanno optato per un approccio liturgico in bianco e nero o per un modello tutto o niente”. Al contrario, ha sostenuto, “il sinodo ha dato impulsi per cercare saggiamente forme intermedie che rendano giustizia sia all’unicità di queste che alla loro relazione”. 

Il vescovo Bonny ha detto che gli sembrava “irrispettoso” affrontare la questione della possibile benedizione delle coppie omosessuali dall'”Ordine del servizio delle benedizioni”, dove è prevista anche la “benedizione di animali, automobili ed edifici”. 

Le benedizioni dello stesso sesso, ha sostenuto, dovrebbero avvenire solo “nel più ampio contesto” dell'”Ordine del Servizio del Matrimonio”, con un “onesto riconoscimento sia delle somiglianze che delle differenze effettive”. Dio, ha detto, “non è mai stato avaro o pedante con la sua benedizione sulle persone”. 

Ha concluso il suo articolo dicendo che sentiva che le coppie omosessuali, le loro famiglie e gli amici non erano stati trattati “in modo equo o veritiero”, e che il documento della CDF “mina la credibilità sia del ‘percorso sinodale’ sostenuto da Papa Francesco” e l'”Anno della Famiglia di Amoris Laetitia”, che inizia venerdì e va fino al 26 giugno 2022. Ha concluso chiedendo: “Il vero sinodo si alzerà?”. 

Il vescovo Bonny, che era membro di un gruppo di lavoro in lingua francese nel sinodo della famiglia del 2015 insieme al cardinale Robert Sarah, si è scontrato con il cardinale guineano e ha lamentato di essere stato impedito di sollevare la questione della cura pastorale per i cattolici omosessuali nelle discussioni. Egli ha affermato che non è stato possibile discutere la questione “in modo pacifico”. 

I vescovi del Belgio hanno anche rilasciato una dichiarazione mercoledì dicendo che “si sono resi conto” che la dichiarazione della CDF “è particolarmente dolorosa per molti credenti gay, i loro genitori e nonni, le loro famiglie e amici”. 

Hanno aggiunto che “per anni” la Chiesa in Belgio ha lavorato per creare un “clima di rispetto, riconoscimento e integrazione”, e che i vescovi “incoraggiano i loro collaboratori a continuare su questa strada”. Hanno detto di sentirsi sostenuti in questo dall’Amoris Laetitia e dalla sua chiamata a “discernere, accompagnare e integrare” che, hanno detto, “rimangono le principali parole chiave per i vescovi”. 

 





Facebook Comments
image_pdfimage_print
1