“Al contrario, noi assumiamo che la vita e l’amore delle coppie dello stesso sesso non hanno meno valore davanti a Dio della vita e dell’amore di qualsiasi altra coppia”, hanno detto più di 200 professori di teologia del mondo di lingua tedesca hanno firmato una dichiarazione che critica il rifiuto del Vaticano di benedire le coppie dello stesso sesso.

Un articolo dello staff del Catholic News Agency, nella mia traduzione. 

 

benedizione-unioni-omosessuali

 

Più di 200 professori di teologia del mondo di lingua tedesca hanno firmato una dichiarazione che critica il rifiuto del Vaticano di benedire le coppie dello stesso sesso.

La dichiarazione, redatta presso l’Università di Münster, ha descritto il chiarimento della Congregazione vaticana per la dottrina della fede come privo di “profondità teologica, comprensione ermeneutica e rigore esplicativo”.

“Se le scoperte scientifiche vengono ignorate e non accolte, come nel caso del documento, il Magistero mina la sua stessa autorità”, hanno detto i professori, secondo CNA Deutsch, il partner di notizie in lingua tedesca della CNA.

“Il testo è caratterizzato da un gesto paternalistico di superiorità e discrimina le persone omosessuali e i loro progetti di vita”.

La Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha emesso un “Responsum ad dubium” il 15 marzo rispondendo alla domanda: “La Chiesa ha il potere di dare la benedizione alle unioni di persone dello stesso sesso?” La congregazione dottrinale ha risposto: “Negativo”, spiegando il suo ragionamento in una “nota esplicativa” e nel commento di accompagnamento.

Il responso è stato approvato per la pubblicazione da Papa Francesco e firmata dal prefetto della CDF, il cardinale Luis Ladaria, e dal segretario, l’arcivescovo Giacomo Morandi.

Il documento ha provocato forti reazioni nei paesi di lingua tedesca, dove un certo numero di vescovi hanno espresso pubblicamente il loro sostegno alla benedizione delle unioni dello stesso sesso. Essi includono il vescovo Georg Bätzing, il presidente della conferenza episcopale tedesca.

Bätzing ha detto il 15 marzo che la risposta della CDF riflette “lo stato dell’insegnamento della Chiesa come espresso in diversi documenti romani”.

Egli ha commentato: “In Germania e in altre parti della Chiesa mondiale, ci sono state discussioni per qualche tempo sul modo in cui questo insegnamento e lo sviluppo dottrinale in generale possono essere avanzati con argomenti validi – sulla base delle verità fondamentali della fede e della morale, della riflessione teologica progressiva, e anche nell’apertura ai risultati più recenti delle scienze umane e alle situazioni di vita delle persone oggi. Non ci sono risposte facili a domande di questo tipo”.

Alcuni sacerdoti cattolici hanno detto sui social media che avrebbero continuato a benedire le unioni omosessuali, mentre diverse chiese cattoliche hanno esposto bandiere arcobaleno, tra cui la cattedrale della diocesi di Rottenburg-Stuttgart.

Ma altri vescovi tedeschi hanno accolto con favore il chiarimento del Vaticano, tra cui il vescovo Rudolf Voderholzer di Regensburg e il vescovo Stefan Oster di Passau.

Nella loro dichiarazione, i professori di teologia hanno preso “fermamente” le distanze dall’intervento della CDF.

“Al contrario, noi assumiamo che la vita e l’amore delle coppie dello stesso sesso non hanno meno valore davanti a Dio della vita e dell’amore di qualsiasi altra coppia”, hanno detto.

“In molte congregazioni, sacerdoti, diaconi e altri ministri pastorali riconoscono le persone gay, anche offrendo celebrazioni di benedizione per le coppie dello stesso sesso e riflettendo su forme liturgiche appropriate per tali celebrazioni. Accogliamo con forza queste pratiche affermative”.

Nella sua nota esplicativa, la CDF ha detto: “La comunità cristiana e i suoi Pastori sono chiamati ad accogliere con rispetto e sensibilità le persone con inclinazioni omosessuali, e sapranno trovare i modi più appropriati, coerenti con l’insegnamento della Chiesa, per annunciare loro il Vangelo in pienezza.”

“Allo stesso tempo, esse devono riconoscere la genuina vicinanza della Chiesa – che prega per loro, le accompagna e condivide il loro cammino di fede cristiana – e ne accolgano con sincera disponibilità gli insegnamenti.”

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1