Condivido ogni parola di quanto scritto da padre Gerald E. Murray nel suo articolo pubblicato su The Catholic Thing che vi propongo nella mia traduzione. 

padre Gerald E. Murray
padre Gerald E. Murray

 

Come tutto il mondo sa, lo scorso luglio il cardinale Raymond Burke e quattro altri cardinali (Brandmüller, Sarah, Sandoval e Zen) hanno inviato cinque dubia (domande) a Papa Francesco. Quest’ultimo ha risposto quasi immediatamente, facendo credere a molti vecchi vaticanisti che i dubia fossero stati anticipati. I dubia e le risposte del Papa, tuttavia, sono stati resi pubblici solo il 2 ottobre, poco prima dell’apertura dell’attuale Sinodo sulla sinodalità. Le risposte includono alcune affermazioni molto preoccupanti, soprattutto sulla benedizione delle unioni omosessuali. Papa Francesco ha purtroppo autorizzato vescovi e sacerdoti – dopo un non meglio definito processo di “discernimento” – a conferire la benedizione sacerdotale alle coppie dello stesso sesso. In quasi quarant’anni di vita sacerdotale, non ho mai sognato che un Papa potesse fare questo. Sono inorridito e rattristato.

Papa Francesco ha iniziato la sua risposta al secondo dei dubia affermando che “la Chiesa ha una concezione molto chiara del matrimonio: un’unione esclusiva, stabile e indissolubile tra un uomo e una donna, naturalmente aperta alla procreazione. Solo questa unione può essere chiamata ‘matrimonio'”. Egli definisce il matrimonio una “realtà” che “ha una costituzione essenziale unica che richiede un nome esclusivo, non applicabile ad altre realtà. . . .Per questo motivo, la Chiesa evita qualsiasi tipo di rito o sacramento che possa contraddire questa convinzione e suggerire che qualcosa che non è matrimonio sia riconosciuto come matrimonio”.

Fin qui, molto bene… ma poi, devia in una giustificazione della benedizione delle unioni omosessuali. Tali unioni sono di solito matrimoni civili nei Paesi in cui ciò è legale, o in cui i due aspiranti sposi o aspiranti spose probabilmente considerano le loro unioni di fatto pari a un matrimonio. Papa Francesco sostiene che “nei nostri rapporti con le persone non dobbiamo perdere la carità pastorale, che deve permeare tutte le nostre decisioni e i nostri atteggiamenti. . . .La difesa della verità oggettiva non è l’unica espressione di questa carità; essa comprende anche la gentilezza, la pazienza, la comprensione, la tenerezza e l’incoraggiamento. Pertanto, non possiamo essere giudici che si limitano a negare, rifiutare ed escludere”.

Non conosco nessuno che si limiti a negare, rifiutare o escludere, e l’enfasi qui pone un uomo di paglia. La carità pastorale che ignora o, peggio, contraddice la verità rivelata da Dio non è carità, ma pseudo-carità. La gentilezza o la tenerezza hanno il loro posto, ma quando degenerano nel confermare i fedeli nella commissione di atti mortalmente peccaminosi diventano una crudele caricatura dell’amore che un pastore della Chiesa deve ai peccatori quando si rivolgono a lui. I sacerdoti devono essere giudici affidabili – che rifiutano tutto ciò che è contrario al Vangelo e negano qualsiasi richiesta di un rituale volto a trasmettere la falsa impressione che Dio e la Chiesa siano contenti dell’impegno di due persone a praticare la sodomia.

Ma Papa Francesco persiste: “Pertanto, la prudenza pastorale deve discernere adeguatamente se esistono forme di benedizione, richieste da una o più persone, che non trasmettano un concetto errato di matrimonio”.

È possibile per un sacerdote benedire l’unione di due persone che sono sposate civilmente o che si considerano a tutti gli effetti sposate, senza dare la falsa impressione che, secondo la Chiesa, siano in qualche modo sposate? Gli sposi sanno di non poter celebrare un matrimonio regolare in chiesa, quindi scelgono l’opzione successiva, ossia quella di fingere che la benedizione del sacerdote lo renda una “specie” di matrimonio o un matrimonio “non ufficiale”. Il sacerdote che impartisce una benedizione così sacrilega asseconda questa parodia di matrimonio.

Eppure Papa Francesco cerca di avere entrambe le cose: “Quando si chiede una benedizione, infatti, si esprime una richiesta di aiuto a Dio, una supplica per vivere meglio, una fiducia in un Padre che può aiutarci a vivere meglio”. . . .anche se ci sono situazioni che non sono moralmente accettabili da un punto di vista oggettivo, la stessa carità pastorale ci impone di non trattare semplicemente come “peccatori” altre persone la cui colpa o responsabilità può essere attenuata da vari fattori che influiscono sulla responsabilità soggettiva”.

Siamo sinceri. La richiesta di una benedizione non è per vivere meglio nel senso di vivere secondo la legge morale immutabile di Dio. È una richiesta di rassicurazione sul fatto che la Chiesa è d’accordo con loro nel considerare che la legge di Dio che proibisce la sodomia non si applica più – non proprio – nell’epoca più illuminata in cui viviamo.

Ciò che è oggettivamente moralmente inaccettabile è anche soggettivamente inaccettabile. Nessuno può esimersi dalla legge di Dio sostenendo che non si applica a lui per qualche motivo di interesse personale. Se qualcuno vuole commettere un peccato e nega che sia un peccato, non per questo improvvisamente non è più un peccato.

Perché la parola “peccatori” è tra virgolette nel passo citato? Questo uso di solito suggerisce che qualcosa è “cosiddetto” o “presunto”. Questo sposta la parola da una descrizione oggettiva a una descrizione soggettiva di una percezione incompleta, se non errata, della realtà. Le persone che promettono pubblicamente di commettere un grave peccato l’una con l’altra non sono peccatori, semplicemente?

E perché qui vengono introdotti fattori che attenuano la colpevolezza soggettiva? Solo Dio conosce il grado di colpevolezza di ogni peccato commesso. I cristiani che vogliono seguire la legge di Dio esaminano la propria coscienza per scoprire dove sono consapevoli di essersi allontanati da Dio. I pastori sono chiamati a far conoscere questa legge ai peccatori e ad avvertirli di astenersi da qualsiasi comportamento che violi la legge di Dio, indipendentemente da ciò che essi possono affermare per giustificare il loro comportamento. L’affermazione che spesso non si è in grado di adempiere ai comandamenti di Dio può essere vera – a causa della debolezza e delle cattive abitudini. Ma è falsa se significa che l’obbedienza ai comandamenti di Dio, con l’aiuto della grazia di Dio, è impossibile.

Considerando tutto ciò che Papa Francesco ha detto fino a questo punto, è strano che aggiunga che “le decisioni che possono rientrare nella prudenza pastorale in alcune circostanze non devono necessariamente diventare una norma”. Ha appena esposto quelle che considera buone ragioni per giustificare un’innovazione inaudita che nessun Papa ha mai nemmeno accennato essere la cosa giusta da fare per la Chiesa. Se un sacerdote o un vescovo conclude che la carità pastorale gli impone di non negare la richiesta di una cerimonia di benedizione fatta da una particolare coppia omosessuale, poiché questa è la loro “richiesta di aiuto a Dio”, quale ragione avrebbe per non rendere questa norma per tutte le coppie omosessuali?

Intenzionalmente o meno, Papa Francesco sta incoraggiando le persone a intraprendere e a rimanere in relazioni sessuali immorali. Sta incoraggiando vescovi e sacerdoti a suggerire che Dio favorirà tali relazioni con la sua grazia, e che quindi tali relazioni non meritano di essere condannate ma benedette. Sostiene che la carità pastorale consiste nel confermare le persone in ciò che è di fatto peccaminoso, e non nel rimproverarle di allontanarsi dal peccato. Tutto questo, sostiene, rientra nella carità pastorale. Tutti questi giudizi sono sbagliati.

I cinque cardinali hanno fatto bene a chiedere risposte a Papa Francesco. Purtroppo, in questa vicenda hanno ricevuto una risposta sbagliata che senza dubbio produrrà molti danni per la salvezza delle anime e per l’unità dottrinale della Chiesa.

Dobbiamo pregare e offrire penitenze per il nostro Papa e per la nostra Santa Madre Chiesa nella sua afflizione.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments