Un articolo di Elise Harris pubblicato su CruxNow che parla del documentario appena pubblicato da una TV tedesca.

Eccolo nella mia traduzione.

Benedetto XVI e mons. Georg Gänswein

Benedetto XVI e mons. Georg Gänswein (screenshot)

 

 

Mentre si avvicina l’anniversario delle storiche dimissioni di Benedetto XVI, il pontefice in pensione ha dato nuovi, brevi commenti a una televisione bavarese, offrendo uno sguardo su come sono la sua vita e la sua condizione sette anni dopo.

Pubblicato sulla rete televisiva bavarese BR24 del 3 gennaio, il documentario di 30 minuti è stato condotto dal giornalista tedesco Tassilo Forchheimer, che dipinge un quadro della vita quotidiana di Benedetto, del suo studio e della sua condizione fisica.

Benedetto, che in generale ha mantenuto un profilo basso da quando si è dimesso nel 2013, è stato descritto da Forchheimer come “debole di voce” e che cammina con “grande difficoltà”, sempre accompagnato dal suo segretario personale, l’arcivescovo tedesco Georg Gänswein.

A un certo punto, Forchheimer ha detto che Benedetto gli ha detto che “prima avevo una grande voce, ma ora non funziona”.

Lo stesso Gänswein ha descritto Benedetto come “con la mente lucida”, come hanno detto molti altri che lo hanno incontrato, ma “ha già perso molta della sua forza fisica”.

Eppure, nonostante il pedaggio di quell’età, Benedetto, che usa un deambulatore e che compirà 93 anni in aprile, si dice che rispetta un orario “rigoroso”, a cominciare dalla messa di ogni mattina con Gänswein e le donne consacrate che lo assistono in una piccola cappella all’interno del monastero Mater Ecclesiae del Vaticano, dove vive.

Si dice anche che trascorre gran parte della giornata nel suo ufficio, che secondo Forchheimer “sembra una biblioteca”.

“La vita del professore di teologia Josef Ratzinger si riflette nelle migliaia di libri; dice che per lui ogni fase della sua vita è contenuta in questi libri e con loro, e se ne occupa ogni giorno”, ha detto Forchheimer.

Il video mostra l’ufficio di Benedetto disseminato di oggetti e dipinti della sua Germania natale, tra cui una foto della cattedrale di Marienplatz a Monaco di Baviera e un cuore di pan di zenzero con un disegno di Marktl, la città natale.

“Sono sempre molto unito alla Baviera e ogni notte affido il nostro Stato al Signore”, ha detto. È stato anche riferito che i cuochi del monastero, che sono italiani, hanno imparato a preparare speciali piatti bavaresi per il pontefice in pensione.

Negli anni successivi alle storiche dimissioni di Benedetto, il 28 febbraio 2013, il mondo esterno è rimasto affascinato da lui, dal Vaticano e dalla sua decisione di dimettersi, come dimostra il numero crescente di programmi televisivi sul papa emersi da società come Netflix, Sky e HBO.

L’ultimo di questi, “I due Papi”, ha ottenuto recensioni contrastanti. Il film ritrae papa Benedetto e il cardinale Jorge Mario Bergoglio, che rappresentano non tanto il loro io storico, quanto i campi ideologici a cui sono stati associati, arrivando a un incontro di menti dopo aver dibattuto su quale direzione la Chiesa debba andare avanti.

Sebbene sia stato spesso descritto come un personaggio con posizioni obsolete sulla prassi e sul governo della Chiesa, Benedetto è diventato una fonte di fascino per l’opinione pubblica ed è spesso oggetto di voci di timore per la salute.

Con l’approssimarsi del suo 93° compleanno, il 16 aprile, solitamente contrassegnato da una birra e da una festa in stile bavarese, è probabile che si diffonderanno altre voci e domande sulla sua condizione fisica.

Tuttavia, nel dicembre 2019, Benedetto ha dimostrato che, nonostante le sue forze siano calate a metà degli anni Novanta, è ancora attivo, creando una fondazione privata in collaborazione con il quotidiano cattolico tedesco Tagespost per la formazione dei futuri giornalisti.

Per essere chiamata “Fondazione Tagespost per la pubblicità cattolica”, la fondazione fornirà un sostegno finanziario per progetti di ricerca bioetica e allo stesso tempo aiuterà i media cattolici a coprire una più ampia gamma di questioni.

L’Associazione dei pubblicisti cattolici in Germania, legata all’Istituto per la promozione degli aspiranti giornalisti, fondato nel 1968 dopo il Concilio Vaticano II e finanziato dai vescovi tedeschi, ha espresso sorpresa per la decisione, affermando in una dichiarazione di aver trovato “più che strano” che Benedetto “affidasse ingenti risorse finanziarie a un’unica pubblicazione che scavalcando l’istituto e quindi la conferenza episcopale”.

Secondo il Tagespost, Benedetto aveva esortato la gente a sostenere la nuova fondazione, dicendo: “Voglio che la voce cattolica sia ascoltata”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1