“Nel suo ultimo sfogo per sfidare Roma, il presidente della conferenza episcopale tedesca ha detto che ogni protestante tedesco che desideri ricevere la Santa Comunione in una chiesa cattolica nel Kirchentag – il giorno di unità in maggio per i protestanti tedeschi – può farlo.”

Un articolo di Edward Pentin, pubblicato sul National Catholic Register, nella mia traduzione. 

 

 

Mons. Georg Batzing, presidente dei vescovi tedeschi
Mons. Georg Batzing, presidente dei vescovi tedeschi

 

Nel suo ultimo sfogo per sfidare Roma, il presidente della conferenza episcopale tedesca ha detto che ogni protestante tedesco che desideri ricevere la Santa Comunione in una chiesa cattolica nel Kirchentag – il giorno di unità in maggio per i protestanti tedeschi – può farlo. 

“Chiunque sia protestante e partecipi alla Comunione può ricevere la Comunione”, ha detto giovedì il vescovo Georg Bätzing a una discussione online a Francoforte sull’evento del 15 maggio che di solito porta migliaia di cristiani in città per eventi ecclesiali. 

“Vogliamo fare dei passi verso l’unità”, ha detto, aggiungendo che “chi crede in coscienza ciò che viene celebrato nell’altra denominazione potrà anche avvicinarsi [all’altare] e non sarà respinto”.

Secondo il sito di notizie dei vescovi tedeschi Katholisch.de, il vescovo di Limburg ha continuato a dire che la pratica “è stata mantenuta su e giù per il paese” e in realtà non è “niente di nuovo”. Forse ciò che è nuovo è che se ne parla, ha continuato, aggiungendo che non si aspetta “un’obiezione da Roma”.

Ha notato l’esistenza di riserve vaticane sulla Chiesa in Germania, dicendo: “Per molti funzionari di Roma, la Chiesa cattolica tedesca ha un odore protestante”. Egli ha affermato che questo “non è il caso al più alto livello di prefetti”, ma di funzionari che non hanno esperienza con la Chiesa in Germania. 

Il vescovo Bätzing ha continuato a notare la “paura” a Roma per il Cammino sinodale in Germania, e la sfida di preservare l’unità, ma ha aggiunto: “Si può anche mettere in pericolo l’unità nutrendola con strumenti che sono inadatti al tempo e al mondo in cui viviamo con la sua diversità culturale.” 

Papa Francesco, ha aggiunto, ha ripetutamente detto che “la Chiesa non può essere controllata a livello centrale” e che le decisioni decentrate devono essere prese nel quadro della dottrina cattolica e del diritto canonico. “Questa è la strada che stiamo cercando”, ha detto il vescovo Bätzing.

Il vescovo stava alludendo a un passaggio dell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium del 2013 in cui il Papa ha scritto che il Concilio Vaticano II ha chiesto una “realizzazione concreta dello spirito collegiale”, e che si è rammaricato che questo desiderio “non è stato pienamente realizzato, poiché uno status giuridico delle conferenze episcopali che le vedrebbe come soggetti di specifiche attribuzioni, compresa una vera autorità dottrinale, non è stato ancora sufficientemente elaborato”.

Francesco ha aggiunto: “L’eccessiva centralizzazione, invece di rivelarsi utile, complica la vita della Chiesa e la sua azione missionaria.” 

Lo scorso settembre, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha inviato una critica di quattro pagine e una lettera al vescovo Bätzing spiegando che le differenze dottrinali con i protestanti sono “ancora così pesanti” che “la reciproca partecipazione alla Cena del Signore o all’Eucaristia” non è possibile. 

Ciò è venuto in risposta alla pubblicazione di un documento chiamato “Insieme alla tavola del Signore”, redatto nel 2019 da un gruppo tedesco di teologi protestanti e cattolici a favore della “reciproca ospitalità eucaristica”. 

Il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, ha detto al Register il mese scorso di condividere le preoccupazioni della Congregazione della Dottrina della Fede sul documento e di aver espresso la sua personale opposizione ad esso. 

Il Register ha anche riferito che sia il cardinale Koch che il prefetto della CDF, il cardinale Luis Ladaria, volevano convocare il vescovo Bätzing a Roma a gennaio per correggerlo riguardo a un’intervista con i media in cui aveva espresso il suo dissenso dall’insegnamento della Chiesa in un certo numero di aree, ma il loro desiderio è stato rifiutato da Papa Francesco. 

The Register ha contattato il cardinale Koch per un commento venerdì, e per sapere se il Vaticano avrebbe intrapreso qualche azione in seguito alle osservazioni del vescovo Bätzing. Il cardinale non ha risposto al momento della pubblicazione di questo articolo.

“Il treno ha lasciato la stazione e, soprattutto, Roma non interverrà”, ha detto venerdì al Register una fonte informata della Chiesa tedesca. “La curia è diventata sdentata, e l’eccezione ora diventa la regola”.

Il Kirchentag di solito porta decine di migliaia di protestanti e cattolici a Francoforte per gli eventi, ma a causa delle restrizioni del coronavirus, si terrà per lo più online, limitando la possibilità della pratica dell’intercomunione che il vescovo Bätzing ha proposto.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1