Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da David Stockman e pubblicato su Ron Paul Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

A dire il vero, ci stiamo stancando del piccolo pisc…… (beep!, ndr)  che dirige il bacino di corruzione, tirannia, illusione e morte chiamato Ucraina. Questo pagl…… (beep!, ndr) – e questo è il suo vero nome – non riesce a smettere di chiedere a gran voce soldi, armi e sostegno al resto del mondo e di insegnare a tutti a mettersi in riga o altrimenti.

Ai tempi in cui era un vero clown, Volodymyr Zelensky era noto per il numero che segue. Ma quando si tratta dell’Occidente collettivo, quest’ultimo sembra apprezzare il fatto che il presidente ucraino continui a sbatterci contro, scandendo senza sosta una melodia di io, io e ancora io.

Ma ultimamente Zelensky ha davvero esagerato, spacciando l’orrenda balla che se non gli permettiamo di combattere “loro” laggiù con tutto ciò che chiede in termini di denaro e armi, presto moriremo dissanguati contro “loro” qui.

Questa è l’assurdità del “Putin invaderà l’Europa e forse anche l’America”. È un’idiozia senza fondamento, eppure Washington lo tratta come un coraggioso alleato e statista:

“Se un candidato pensa che sostenere l’Ucraina sia troppo costoso, è pronto ad andare in guerra? Sono pronti a combattere? A mandare i loro figli? A morire?”. Ha detto Zelensky. “Dovranno farlo comunque se la NATO entrerà in questa guerra, e se l’Ucraina fallirà e la Russia ci occuperà, si sposteranno nei Baltici o in Polonia o in qualche altro Paese della NATO. E allora gli Stati Uniti dovranno scegliere se mantenere la NATO o entrare in guerra”.

Veniamo al dunque. Nessun soldato americano o della NATO combatterà contro l’esercito di Putin in Polonia, a Berlino o in Belgio, perché l’esercito russo non ci andrà. Neanche tra un mese di domenica.

Vlad Putin non è un principe degli uomini, ma i suoi obiettivi di guerra sono limitati, razionali e chiari come una campana. Per esempio, come ha avvertito per 15 anni, non vuole i missili della NATO alle sue porte in Ucraina, proprio come il Presidente Kennedy insistette sui missili di Kruscev a 100 miglia di distanza a Cuba 61 anni fa.

Allo stesso modo, vuole che le popolazioni russofone della regione orientale del Donbas e del Mar Nero, storicamente note come “Novorossiya” o Nuova Russia, abbiano un’autonomia di governo e una protezione dagli attacchi militari del governo anti-russo di Kiev, come previsto dagli accordi di Minsk. Dopo tutto, questi brutali attacchi, che hanno ucciso più di 14.000 persone, per lo più civili, si sono verificati quasi ininterrottamente per otto anni dopo il colpo di Stato del Maidan, sponsorizzato da Washington, del febbraio 2014. Quest’ultimo aveva installato elementi ostili proto-nazisti nel governo illegale e non eletto istituito a Kiev da Victoria Nuland e dalla sua banda di egemonisti neocon di Washington.

In altre parole, si tratta di una guerra civile scatenata da Washington in un’area che da secoli è vassalla o appendice della Russia e dove il termine “Ucraina” in russo significa “terre di confine”.

E questa non è nemmeno la metà. I confini di queste stesse “terre di confine” non definiscono una nazione o uno Stato che è stato il prodotto di uno sviluppo naturale e di un accrescimento nel corso dei secoli. Al contrario, sono un artefatto del XX secolo creato da tre dei tiranni più sanguinari di tutta la storia dell’umanità: Lenin, Stalin e Kruscev. L’unico collegamento che questi confini, delineati in nero, hanno con la storia dell’area è che sono stati tracciati per ragioni di convenienza amministrativa totalitaria, non come espressione di affinità sociali, etniche, religiose o economiche.

 

 

In altre parole, l’Ucraina è uno Stato che non è stato costruito per durare e, di fatto, è sopravvissuto a malapena ai suoi governanti sovietici dopo la loro caduta nel 1991. Per esempio, durante le elezioni presidenziali del 1994 il candidato filorusso Leonid Kuchma ha sconfitto il candidato in carica e strenuo nazionalista ucraino Leonid Kravchuk.

Come mostra la mappa sottostante, tuttavia, Kravchuk ha ottenuto maggioranze schiaccianti dell’89-95% nelle regioni dell’Ucraina occidentale (giallo e arancione), che storicamente avevano fatto parte della Polonia o del Commonwealth polacco-lituano. Allo stesso modo, il filorusso Kuchma ha vinto le elezioni nazionali perché ha ottenuto le stesse maggioranze preponderanti (aree blu) nelle regioni orientali del Donbas e della Novorossiya meridionale. Nella storica provincia russa (dal 1783) della Crimea, infatti, Kuchma ha ottenuto il 90% dei voti.

Mappa elettorale delle elezioni presidenziali del 1994 in Ucraina:

 

 

In sostanza, la stessa spaccatura radicale dell’elettorato si è verificata elezione dopo elezione. Durante l’ultima elezione legittima tenutasi all’interno dei vecchi confini comunisti del Paese nel 2010, lo schema sopra descritto è stato replicato. Questa volta il pupillo di Kuchma, Viktor Yanukovich, ha vinto le elezioni per un soffio, grazie a margini sbilanciati nei territori storici russofoni dell’est e del sud (aree blu della mappa).

Dall’altra parte, la nazionalista ucraina ed ex primo ministro, Yulia Tymoshenko, ha ottenuto margini dell’80-90% nel centro e nell’ovest (aree rosse della mappa).

Non sorprende che, quando il vincitore filorusso delle elezioni nelle regioni blu è stato estromesso da Washington nel febbraio 2014, i nazionalisti ucraini dell’area rossa e i loro alleati cripto-nazisti abbiano preso il controllo del governo di Kiev e abbiano proceduto a mettere fuori legge la lingua russa come primo atto di governo; poco dopo hanno lanciato la guerra armata quando le due province del Donbas si sono dichiarate Stati indipendenti.

 

 

Alla fine dei conti, il candidato presidenziale del GOP Ron DeSantis (Governatore della Florida, USA, ndr) aveva esattamente ragione. La guerra in Ucraina è in fondo una “disputa territoriale” che non ha assolutamente nulla a che fare con la sicurezza interna dell’America o con la ridicola bugia di Zelensky secondo cui Putin se la prenderà con la NATO.

E certamente non ha alcuna attinenza con astrazioni assurde come lo Stato di diritto e la sacralità dei confini. Dopo tutto, quando si tratta di questi ultimi, Washington è di gran lunga il più grande fuorilegge del dopoguerra che viola i confini e cambia regime.

In un certo senso, la conferenza di pace del dopoguerra si è già tenuta e il verdetto è stato emesso. Ci riferiamo ai referendum ucraini de facto sullo Stato illegittimo che Lenin, Stalin e Kruscev hanno costruito e che i neocon di Washington e il Partito della Guerra sono determinati a mantenere a qualsiasi costo, compreso quello di arrivare all’orlo di una guerra nucleare con la Russia.

Più volte l’elettorato ucraino ha effettivamente votato per la spartizione, come drammaticamente sottolineato dalle mappe elettorali sopra riportate.

Quindi, rimandate Zelensky al suo spettacolo comico e lasciate che gli Stati blu dell’est e del sud dell’Ucraina abbiano i loro Paesi o tornino nel seno della Madre Russia, da cui queste comunità sono emerse durante il XVIII e il XIX secolo.

Questo porrebbe fine alla carneficina in un batter d’occhio e fermerebbe il massacro insensato di ucraini e russi – una catastrofe umana che comincia a rivaleggiare con l’efferata criminalità della guerra di trincea della Prima Guerra Mondiale.

La pace implicita della spartizione, tuttavia, avrebbe un ulteriore aspetto positivo. Smaschererebbe l’assoluta mendacità del Partito della Guerra di Washington e il fatto che è così disperato di governare il mondo che sosterrà persino dei perfetti idioti come Zelensky per continuare a combattere mostri falsamente demonizzati che non sono affatto una minaccia per la reale sicurezza interna dell’America.

Come abbiamo indicato di recente, è ora di tornare a una politica di difesa della Fortezza America, che potrebbe essere finanziata con una frazione degli attuali 900 miliardi di dollari per la difesa. E non dovremmo nemmeno sprecare il nostro tesoro nazionale con idioti inutili come Zelensky.

David Stockman

 

David Stockman è stato per due mandati deputato del Michigan. È stato anche direttore dell’Ufficio di gestione e bilancio sotto il presidente Ronald Reagan. Dopo aver lasciato la Casa Bianca, Stockman ha avuto una carriera ventennale a Wall Street. È autore di tre libri, Il trionfo della politica: Perché la rivoluzione di Reagan è fallita, La grande deformazione: La corruzione del capitalismo in America, TRUMPED! Una nazione sull’orlo della rovina… e come riportarla indietro, e il recente Great Money Bubble: Protect Yourself From The Coming Inflation Storm. È anche il fondatore del David Stockman’s Contra Corner e del David Stockman’s Bubble Finance Trader.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments