Da una parte la furia tenebrosa di coloro che festeggiano l’approvazione di una legge che permette di uccidere un bambino nel grembo della madre fino a prima della nascita con un aborto tardivo (ed anche dopo), dall’altra una mamma che, considerando il bambino non ancora nato una persona, si sottopone ad intervento chirurgico “miracoloso” teso a far nascere la bambina viva e possibilmente sana.

Di seguito una storia eccezionale raccontata da Doug Mainwaring, nella mia traduzione.

(Photo: Facebook/Bethan Simpson)

(Photo: Facebook/Bethan Simpson)

 

In mezzo al clamore dei governatori e degli organi legislativi che si sforzano di consacrare l’aborto fino al momento della nascita nelle costituzioni degli Stati americani, una storia notevole della Gran Bretagna mette ora in discussione la moralità di quelle azioni.  
 
Quando alla figlia non ancora nata di Bethan Simpson è stata diagnosticata la spina bifida, a lei e al marito Kieron è stato inizialmente consigliato di abortire.  
 
Invece, hanno perseguito una procedura innovativa in cui la loro figlia è stata rimossa dal grembo materno di Bethan e un intervento chirurgico correttivo è stato eseguito sulla bambina prima di reimmetterla nel grembo materno, al fine di farla continuare a crescere fino al termine della gravidanza.

Da quando la procedura è stata eseguita in gennaio, le scansioni rivelano che la bambina è guarita e continua a crescere bene.

Dopo l’operazione, la mamma felice ha dichiarato in un post su Facebook: “Siamo stati un successo”.

La sua lesione era piccola e ha superato l’intervento chirurgico in modo da non crederci”, ha detto un allegro Simpson della figlia che non è ancora nata. “L’hanno tirata fuori dal mio grembo e l’hanno rimessa subito dentro per restarci il più a lungo possibile”.

Simpson ha continuato ad indicare una verità inquietante.

Purtroppo l’80% dei bambini in Inghilterra viene abortito quando ai genitori viene detto che il loro bambino è affetto da questa condizione”, ha osservato Simpson.    “Non è una condanna a morte. Ha lo stesso potenziale di ognuno di noi”.

Sento che la nostra bambina mi prende a calci giorno dopo giorno. Questo non è mai cambiato. E’ super speciale”, ha detto la mamma gioiosa. “Fa parte della storia e nostra figlia ha dimostrato quanto merita questa vita”.

Da quando ha lasciato l’ospedale, Simpson, che è un’infermiera, ha fornito aggiornamenti regolari su Facebook, riportando che le scansioni rivelano che i sintomi della precedente condizione di sua figlia sono scomparsi. I medici “non sono in grado di vedere dove si trovava la sua lesione da quando hanno completato l’intervento chirurgico, il che è incredibile”.

Tragicamente, la maggior parte dei bambini a cui è stata diagnosticata la spina bifida nell’utero, così come altre condizioni come la sindrome di Down, vengono abortiti in quantità enormi – rispettivamente l’80% e il 90% nel Regno Unito.

L’intervento chirurgico di Simpson ha suscitato un’importante domanda sull’incoerenza morale della legislazione sull’aborto a termine negli Stati Uniti.

“Fatemi vedere se ho ben capito questa cosa”, ha detto lo studioso dell’Università di Princeton Robert P. George in un post su Facebook, reagendo alla storia. “Quando la bambina era dentro (l’utero, ndr) piuttosto che fuori, era giusto ucciderla (Pro-choice, cioè Scelta!). Poi, quando era fuori piuttosto che dentro, non era giusto ucciderla. Ma poi, quando è stata rimessa dentro e non era più fuori, è tornato ad essere una cosa giusta ucciderla. Ho capito bene?”.

La cosa sembra molto confusa“, ha aggiunto George ironicamente.

Questa incoerenza morale è stata mostrata chiaramente di recente quando per un uomo di New York, inizialmente detenuto per due capi d’accusa di omicidio – uno per aver ucciso la sua ragazza e un secondo per aver ucciso il loro bambino nel grembo della sua ragazza – è stato fatto decadere il secondo capo di accusa dopo che il governatore, Andrew Cuomo, ha firmato, facendolo diventare legge, il controverso Reproductive Health Act (RHA).  

La legge radicale di New York (RHA) permette l’aborto fino al momento della nascita, elimina il riconoscimento da parte dello stato del feto come potenziale vittima di omicidio e cancella completamente l’aborto dal codice penale.

Prima che fosse annunciata la revoca dell’accusa da parte del procuratore distrettuale del Regina, Diana Smalley (una giornalista) ha twittato: “Ho fatto un articolo oggi a New York un doppio omicidio straziante”.

Una bella donna incinta di 35 anni e il bambino nel suo grembo materno sono stati pugnalati a morte”, ha aggiunto Smalley. “Se è omicidio uccidere il suo bambino non ancora nato agli occhi della legge, come si può abortire fino a 9 mesi e chiamarla ‘scelta’?”

Con l’applicazione della nuova legge dello Stato Imperiale, la moralità è divenuta più confusa – impenetrabile.

A New York in questo momento, se un farabutto di un marito prende a pugni la moglie incinta e lei perde il suo bambino, le accuse di omicidio non sarebbero incluse nei suoi capi di accusa”, ha detto David Ondari in un tweet.  
 
Pensateci un momento“, ha aggiunto.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments
image_print
1