Dopo che i genitori preoccupati si sono opposti alla decisione dell’arcidiocesi di accogliere la “transizione” della bambina, il padre si è dimesso da amministratore della scuola cattolica.

Un articolo di Judy Roberts pubblicato sul National Catholic Register, nella traduzione di Elisabetta Sala.

 

Scuola dell'Incarnazione, Gambrills, Maryland, USA
Scuola dell’Incarnazione, Gambrills, Maryland, USA

 

Quando una bambina di terza elementare della School of the Incarnation ha detto ai suoi compagni di classe di essere un maschio, i genitori di altri studenti hanno scoperto con disappunto che l’arcidiocesi di Baltimora aveva accettato di “cooperare” con la nuova identità della piccola.

Di fronte alle tendenze culturali che suggeriscono che si possa scegliere un genere diverso dal proprio sesso biologico, molti genitori che mandano i figli in una scuola cattolica si aspettano che vi si sostenga l’insegnamento della Chiesa secondo cui “genere” e sesso biologico non possono essere completamente separati.

In effetti, un documento del 2019 sulla teoria di genere nelle scuole, emesso dalla Congregazione vaticana per l’educazione cattolica, afferma che le scuole cattoliche hanno una legittima aspirazione a mantenere la posizione della Chiesa sulla sessualità umana, in base alla quale ogni persona umana ha un’identità biologica maschile o femminile immutabile. Il documento chiarisce anche che l’ideologia di genere “nega la differenza e la reciprocità nella natura di un uomo e di una donna e prevede una società senza differenze sessuali, eliminando così la base antropologica della famiglia”.

Eppure, si dice che l’arcidiocesi di Baltimora abbia approvato interpretazioni per poter consentire alla piccola, il cui padre faceva allora parte dell’amministrazione della scuola, di definirsi maschio. Le è stato permesso di usare un nome maschile, pronomi di genere neutro e persino di utilizzare un bagno privato. Inoltre, i genitori hanno scoperto che il manuale per genitori e studenti della scuola era stato modificato per includere l’ “identità ed espressione di genere” nelle sezioni sulla discriminazione e il bullismo.

Mentre altre diocesi del Paese – tra cui Springfield, Illinois – hanno elaborato politiche chiare su come definiranno il genere in conformità con l’insegnamento della Chiesa, Baltimora ha preso una strada diversa incorporando il linguaggio sull’identità e l’espressione di genere sia nelle proprie politiche, sia nei manuali scolastici. L’arcidiocesi non ha risposto alle domande del National Catholic Register su quando e perché sono state apportate le modifiche.

A Springfield, una politica adottata a gennaio afferma che le parrocchie, le scuole, le istituzioni e i dipartimenti cattolici onoreranno il sesso biologico di una persona assegnato alla nascita, non l’orientamento di genere. Ciò significa che i pronomi di genere che corrispondono al sesso alla nascita verranno utilizzati per rivolgersi a ogni persona e in tutta la documentazione. Inoltre, nelle proprietà diocesane e parrocchiali, tutti devono utilizzare bagni e spogliatoi conformi al loro sesso biologico.

Il documento afferma anche che i bambini non dovrebbero essere incoraggiati a cambiare sesso per adattarlo alla loro identità di genere, pur specificando che la diocesi non escluderà dalle scuole i bambini che non si identificano con il proprio genere di nascita, purché studenti e famiglie accettino di rispettarne la politica.

Linee guida molto simili, approvate dai vescovi della Conferenza cattolica del Minnesota per le scuole cattoliche e l’educazione religiosa, richiedono che i nomi e i pronomi degli studenti coincidano con l’identità maschile o femminile corrispondente al sesso biologico. Le linee guida riguardano anche l’accesso alle strutture e ai pernottamenti e l’idoneità alle attività single sex.

“Pericoloso” e “fuorviante”?

Patrick Reilly, della Cardinal Newman Society, la quale fornisce una guida alle politiche sulla sessualità umana per le scuole cattoliche, ha affermato che è pericoloso e fuorviante per le scuole cattoliche dichiarare categorie protette come “orientamento sessuale”, “identità di genere” o “espressione di genere” nelle dichiarazioni di non discriminazione.

È “pericoloso, perché una causa legale è quasi inevitabile, e fuorviante, perché i giudici e il tribunale dell’opinione pubblica (cioè i social media) definiranno questi termini secondo i dettami dell’ideologia di genere, che è incompatibile con l’insegnamento cattolico”.

La Newman Society ha esortato le scuole cattoliche a limitare le dichiarazioni di non discriminazione al linguaggio minimo richiesto dalla legge, quindi a elaborare politiche che spieghino chiaramente e francamente le aspettative morali della scuola verso i dipendenti, saldamente ancorate nella dottrina cattolica.

Poiché, però, come suggerito dalla Newman Society, nell’arcidiocesi di Baltimora tale politica non viene messa in atto, la situazione alla School of the Incarnation ha lasciato molti genitori sgomenti e confusi.

Prima che, il 6 novembre, il padre della bambina si dimettesse, dicendo di essere in deciso disaccordo con alcuni insegnamenti della Chiesa, gli altri genitori si dicevano particolarmente preoccupati che, in qualità di dipendente scolastico, l’uomo avesse la facoltà di poter promuovere la nuova identità della figlia e costringere i dipendenti a conformarvisi.

Tuttavia, in una lettera a George e Theresa Fritz, nonni di tre studenti della scuola, l’Arcivescovo William Lori ha detto che sebbene la facoltà fosse stata informata del nuovo nome della bambina e della richiesta dei genitori che si usassero per lei pronomi di genere neutro, nessun insegnante o studente era tenuto a usarli e coloro che non lo facevano non sarebbero stati soggetti ad azione disciplinare.

Eppure, i genitori che avevano formato il gruppo Archdiocese of Baltimore-Parents Protecting Catholic Identity hanno sottolineato che quando il padre della bambina si è dimesso, la maggior parte dei compagni della bambina già la definiva come un maschio.

In un post di Facebook del 7 novembre in cui annunciava le dimissioni, il padre ha detto: “So che siete tutti eccitati. Lo sono anche io. Sono anche orgoglioso ed entusiasta di poter finalmente dire pubblicamente che il mio coraggioso figlio più piccolo è un bambino transgender “.

Il suo post, che ha suscitato più di 300 reazioni positive e più di 80 commenti, tutti in suo sostegno, ha concluso con: “Ho molto altro da dire e questo verrà dopo …”

Al momento della pubblicazione di questo articolo, la bambina e la sorella maggiore stavano ancora frequentando la scuola elementare di 750 studenti, anche se una risposta al post di Facebook del padre suggeriva che i genitori potrebbero decidere di cambiare scuola.

La reazione dell’Arcidiocesi e quella della scuola

Prima che il padre si dimettesse, la Scuola dell’Incarnazione aveva tentato di affrontare le preoccupazioni del gruppo Protecting Catholic Identity fornendo corsi di formazione ai docenti per affrontare le questioni presentate dalla situazione, offrendo agli studenti corsi speciali di religione e organizzando un incontro tra i genitori della piccola con un teologo morale che chiarisse loro quale sia l’insegnamento della Chiesa sulla questione.

Nella sua lettera ai coniugi Fritz, l’Arcivescovo Lori ha riassunto le misure prese dalla scuola e ha detto: “Credo che si stia facendo ogni tentativo per essere fedeli all’insegnamento della nostra Chiesa in tutti gli ambiti della vita scolastica”.

George Fritz ha però affermato di considerare gli alloggi per gli studenti contrari alla fede cattolica.

“Tutta questa situazione mi è completamente estranea”, ha detto. “Non capisco perché la gerarchia non si alza in piedi per dire che tutto questo è sbagliato e un abominio agli occhi di Dio”.

Gli amministratori scolastici, tra cui anche il padre della bambina, non hanno risposto ai messaggi del National Catholic Register e tutte le telefonate e le mail inviate all’arcidiocesi hanno suscitato solo una breve dichiarazione di Mary Ellen Russell, direttrice amministrativa, in cui si dichiara che l’arcidiocesi non può commentare le specificità di una questione che coinvolge uno studente, ma che a nessun genitore o insegnante era stato chiesto di agire o parlare in modo incompatibile con l’insegnamento cattolico o con la propria coscienza.

Ai genitori preoccupati, dunque, sia la scuola che l’Arcidiocesi hanno fornito risposte simili, connesse alla legge sulla privacy.

Ma non tutti i genitori della scuola sono rimasti turbati dalla la situazione. Molti, in un gruppo privato di Facebook, hanno applaudito il padre per la sua presa di posizione e hanno espresso rammarico per il fatto che fosse dovuto dare le dimissioni.

Confondere i bambini

La madre di un compagno di classe della bambina, che ha chiesto di non essere identificata, ha detto di temere che anche molti genitori o non capiscano cosa la Chiesa  ha da dire sull’identità di genere, oppure hanno paura di esprimersi riguardo alla situazione.

“Penso che siano così preoccupati di essere emarginati o di essere considerati maleducati, non inclusivi”, ha detto la signora. “La scuola incoraggia a essere amichevoli, gentili e inclusivi, ma non è amichevole, gentile o inclusivo credere qualcosa che non è vero.”

Ha detto di aver notato, nell’anno scolastico precedente, che la bambina aveva un aspetto più mascolino perché si era tagliata i capelli corti e portava solo pantaloni. “L’uniforme scolastica ha un’opzione pantaloni per le femmine, ma la maggior parte delle ragazze indossa la gonna pantalone o un maglione, che le rende più simili ai maschi”, ha detto la signora. È rimasta comunque sorpresa al sapere dal figlio che, a settembre, la bambina aveva annunciato il suo cambio di genere. Ha aggiunto: “Non mi aspettavo che il padre, essendo la nostra scuola cattolica [amministratore], avrebbe mai sostenuto un cambiamento di genere di qualsiasi tipo perché è semplicemente sbagliato”.

Da quando ha sentito la bambina dire di essere un maschio, continua la donna, suo figlio è rimasto confuso e continua ancora a parlarne. “Gli abbiamo detto che la sua compagna è una femmina e che non è tenuto a chiamarla con il nuovo nome.”

Non bastano le assicurazioni, da parte della scuola, secondo cui nessuno è mai stato costretto ad accettare la nuova identità di genere del bambino: “Se una bambina dichiara ai suoi coetanei di essere un maschio quando tutti sanno che non lo è e non viene corretta, la scuola la sta di fatto sostenendo e sta andando contro la fede cattolica “.

Se rimarrà nella stessa scuola, la signora preferirebbe che la piccola riprendesse a usare il proprio nome precedente; vorrebbe anche che il manuale della scuola fosse cambiato per riflettere meglio l’insegnamento cattolico.

Allo stesso modo un membro del gruppo Restoring Catholic Identity, Steve Halligan, il quale ha tre bambini nella stessa scuola, vuole che il gruppo si attivi per far rimuovere dal manuale il termini che si riferiscono a “identità ed espressione di genere”. Tali modifiche, ha detto, non sono mai state approvate dal consiglio scolastico, né portate all’attenzione dei genitori.

Secondo Halligan, se la bambina rimane a scuola, la sua identità di maschio non dovrebbe essere riconosciuta. “Siamo persone compassionevoli, ma non dovremmo adattare i nostri regolamenti di scuola cattolica a una bambina che dice di essere un maschio”.

Rispondere con compassione

In un seminario del 2018, sponsorizzato dall’arcidiocesi di Baltimora, su “La chiesa cattolica e l’identità di genere”, John-Mark Miravalle, professore di teologia sistematica e morale al seminario di Mount St.Mary a Emmitsburg, Maryland, ha detto che, sebbene la Chiesa neghi l’idea centrale del movimento transgender secondo cui il genere sia separabile dal sesso biologico, la Chiesa e i suoi ministri possono cercare di aiutare coloro che soffrono di disforia di genere mostrando loro una “genuina compassione”.

Il professore ha operato una distinzione tra compassione superficiale e compassione profonda, fondata su un sincero desiderio di aiutare. La prima, ha detto, consiste nel voler risparmiare dolore a qualcuno, ma non offre un vero aiuto, proprio come un genitore che impedirebbe a un bambino malato di essere punto con un ago per un esame del sangue lo lascerebbe senza diagnosi e, dunque, impossibilitato a guarire.

“Ci arrendiamo, se non gli offriamo la guarigione”, ha detto. “Ma ci arrendiamo anche se non offriamo amore incondizionato.”

Allo stesso seminario è intervenuto padre Philip Bochanski, direttore esecutivo di Courage International, un apostolato rivolto a chi prova attrazione per lo stesso sesso, delineando un approccio pastorale per le persone che vivono un certo grado di confusione sulla propria identità sessuale.

Lavorare con queste persone, ha detto, richiede capacità di ascoltare e di porre domande, approccio confermato dal documento del Vaticano del 2019 sulla teoria di genere nell’educazione, che parla di un percorso di dialogo che coinvolga l’ascolto, il ragionamento e la proposta della visione cristiana. Questo, afferma il documento, “sembra il modo più efficace per una trasformazione positiva di preoccupazioni e incomprensioni”.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1