Il Segretario per la Salute e i Servizi Umani degli Stati Uniti, Alex Azar, ha ribadito giovedì in un incontro privato con i leader della sanità stranieri, che esiste un “diritto internazionale alla vita” ma “nessun diritto internazionale all’aborto”.

Ce ne parla Lianne Laurence in questo suo articolo pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione.

 

Alex Azar, segretario del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani sotto la guida del presidente Donald Trump.

Alex Azar, segretario del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani sotto la guida del presidente Donald Trump.

 

Il Segretario per la Salute e i Servizi Umani (HHS ) degli Stati Uniti, Alex Azar, ha ribadito giovedì in un incontro privato con i leader della sanità stranieri, che esiste un “diritto internazionale alla vita” ma “nessun diritto internazionale all’aborto”.

Tuttavia, questo non fermerà l’incessante lavoro internazionale dei gruppi di pressione che vogliono assicurare questo diritto illusorio, come ha ribadito Azar rivolgendosi ai rappresentanti di 35 paesi “simili”, incontratisi presso la storica Blair House di Washington, allo scopo di discutere sui loro continui sforzi come “coalizione a favore della vita, della famiglia e della sovranità” sulla scena globale.

“Sono sicuro che tutti voi conoscete il continuo martellamento nelle sale delle Nazioni Unite e dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per normalizzare i termini di “salute sessuale e riproduttiva” e “diritti riproduttivi”, ha detto Azar, secondo una trascrizione delle sue osservazioni sul sito di HHS.

“Di quali diritti riproduttivi stanno parlando? In questo contesto, è sempre più chiaro che alcune agenzie e paesi dell’ONU vogliono che questo significhi accesso libero all’aborto, e non possiamo lasciare che questa minaccia rimanga senza risposta”, ha detto.

“Ho dichiarato questo fatto alle Nazioni Unite lo scorso settembre, e lo ripeterò qui: non esiste un diritto umano internazionale all’aborto. Al contrario, esiste un diritto umano internazionale alla vita”.

Il presidente Donald Trump ” è stato chiaro, all’ONU e sulla scena mondiale: l’assistenza sanitaria esiste per migliorare la salute e preservare la vita umana – l’obiettivo universale che tutti noi condividiamo”, ha aggiunto.

Azar ha avvertito l’assemblea che, nella lotta globale, è in gioco la sovranità delle nazioni.

“Se l’obiettivo di fare dell’aborto un diritto umano internazionale diventa una realtà, allora accadrà che tutti i paesi con leggi che proteggono i nascituri saranno in violazione delle leggi internazionali sui diritti umani, con tutte le conseguenze che potrebbero derivarne”, ha detto Azar.

“Ogni Paese ha il diritto, e il dovere nei confronti dei propri cittadini, di decidere in autonomia come leggi e politiche possano rafforzare al meglio la famiglia, garantire una salute ottimale alle donne e agli adolescenti per tutta la loro vita e proteggere i nascituri”, ha sottolineato.

Mentre le leggi sull’aborto negli Stati Uniti “sono tra le più liberali del mondo”, l’amministrazione Trump “ha lavorato molto duramente per offrire una protezione migliore ai nascituri negli Stati Uniti, e lo facciamo attraverso i nostri sistemi legislativi e legali”, ha aggiunto il segretario dell’HHS.

“Non c’è alcun ruolo all’interno di questo dibattito per favorire l’interferenza delle agenzie delle Nazioni Unite o di altri Paesi”.

Azar ha ringraziato le nazioni che si sono unite agli Stati Uniti nella lotta per “proteggere la vita dei più vulnerabili, per difendere l’importante ruolo della famiglia, e dei genitori in particolare, per la salute e il benessere dei loro figli, e per rispettare la sovranità nazionale”.

Nell’ultimo anno, un totale di 24 Paesi che “ospitano oltre un miliardo di esseri umani”, hanno firmato una o più dichiarazioni congiunte alle Nazioni Unite in difesa della vita, ha detto.

“Individualmente, possiamo alzare la nostra voce, ma insieme siamo molto più forti e abbiamo la capacità di orientare il dibattito”, ha osservato Azar.

“Grazie per aver preso con noi una posizione coraggiosa per i non nati. Grazie per aver sostenuto l’idea che ogni vita ha un valore. E grazie per aver chiarito che la sovranità nazionale non è un concetto vago o antiquato, ma il dovere più importante per ognuno di noi come leader nei nostri rispettivi governi”, ha detto ai partecipanti.

“Insieme abbiamo costruito una coalizione a favore della vita, della famiglia e della sovranità che è una forza da non sottovalutare. Ma la nostra coalizione informale deve crescere ed essere più attiva. Non possiamo stare fermi, perché abbiamo molto lavoro da fare nel 2020 e oltre”.

Tra i prossimi eventi in cui “le questioni vitali che ho menzionato saranno discusse” occorre ricordare la riunione del consiglio di amministrazione dell’OMS a Ginevra, la riunione della Commissione sullo stato delle donne all’ONU a New York, l’Assemblea Mondiale della Sanità a Ginevra e l’Assemblea Generale dell’ONU, ha detto.

Azar ha invitato i partecipanti ad una conferenza globale sulla salute delle donne il 16 maggio a Ginevra, poco prima dell’Assemblea Mondiale della Sanità.

Anche il Ministro di Stato ungherese per la Famiglia e gli Affari Giovanili Katalin Novák e il Vice Capo Missione del Brasile a Washington Fernando Pimentel si sono presentati all’incontro, e Azar ha letto una lettera della Dott.ssa Jane Aceng, Ministro della Sanità dell’Uganda, ” uno dei nostri partner più forti e affidabili”, che tuttavia non ha potuto partecipare.

 

Facebook Comments