Questa è una lettera che don Ruben, morto nell’esplosione di qualche giorno fa a Madrid, ha scritto a 6 mesi dalla sua ordinazione. La riprendo dagli amici di Veni Sancte Spiritus.

 

 

 

“IL BACIO DI GESÙ”

 

Sei mesi dopo essere stato ordinato, il mio Vescovo mi ha mandato a dirigere una Parrocchia; Ho dovuto sostituire un parroco che era lì da più di 30 anni, quindi mi sono trovato con la non accettazione degli abitanti di quel luogo. Il compito è stato arduo ma fruttuoso e non avrei avuto tanta fecondità senza l’aiuto di un ragazzino di nome Gabriel … Il protagonista di questa storia.

La seconda settimana dopo essere arrivata lì, una giovane coppia con il loro figlio molto speciale (sindrome di Down) mi ha presentato. Mi hanno chiesto di accettarlo come chierichetto. Ho pensato di rifiutarlo, e non perché fosse un bambino con capacità diverse ma per tutte le difficoltà con cui ho iniziato il mio ministero in quel luogo, ma non potevo dire di no, perché quando gli ho chiesto se voleva essere il mio chierichetto, non mi ha risposto, ma Mi abbracciò intorno alla vita. Che bel modo per convincermi …

Ho preso appuntamento per la domenica successiva 15 minuti prima dell’Eucaristia e lui era puntuale con la tonaca rossa e la roquette che sua nonna aveva fatto a mano per l’occasione.

Devo aggiungere che la sua presenza mi ha portato più parrocchiani perché i suoi parenti volevano vederlo debuttare nel suo ruolo di chierichetto. Dovevo preparare tutto il necessario per l’Eucaristia. Non avevo un sacrestano o un campanaro così dovevo correre da un posto all’altro, e fu solo prima dell’inizio della Messa che mi resi conto che Gabriel non sapeva come aiutare alla Messa; per la fretta del tempo mi è venuto in mente di dire:
“Gabriel, devi fare tutto quello che faccio io, okay …?”

Non glielo avrei mai detto, un bambino come Gabriele è il bambino più obbediente del mondo, così abbiamo iniziato la Celebrazione e quando abbiamo baciato l’altare, il piccolo gli è rimasto attaccato; Nell’omelia ho visto che i parrocchiani sorridevano quando parlavano loro, il che ha reso felice il mio giovane cuore sacerdotale, ma poi ho capito che non stavano guardando me ma Gabriel che continuava a cercare di imitare i miei movimenti. Comunque, uno dei dettagli di quella prima messa con il mio nuovo chierichetto.

Quando ho finito gli ho detto cosa doveva fare e cosa non fare e tra l’altro gli ho detto che l’altare poteva essere baciato solo da me. Gli ho spiegato come il sacerdote si unisce a Cristo in questo bacio. Mi ha guardato con i suoi grandi occhi interrogativi senza comprendere appieno la spiegazione che gli stavo dando … E, senza tacere quello che stava pensando, ha detto: “Dai, voglio baciarlo anche io …”. Gli ho spiegato ancora perché no … Alla fine gli ho detto che l’avrei fatto per entrambi. Sembrava che fosse stato soddisfatto.

Ma la domenica successiva, quando ho iniziato la Celebrazione e baciato l’altare, ho visto come Gabriel ci ha messo la guancia e non ha lasciato l’altare con un grande sorriso sul suo visino.
Ho dovuto dirgli di smetterla. Alla fine della messa gli ho ricordato:
“Gabriel, ti avevo detto che l’avrei baciato per entrambi.”
Mi ha risposto: “Padre, non l’ho baciato. Mi ha baciato …”.

Scherzi a parte, gli ho detto: “Gabriel, non giocare con me …” Mi ha risposto: “Davvero, mi ha riempito di baci !!”.
Il modo in cui mi ha detto mi ha riempito di santa invidia; Quando ho chiuso il tempio e ho salutato i miei parrocchiani, mi sono avvicinato all’altare e ci ho messo la guancia, chiedendo: “Signore … baciami come Gabriele”.

Quel Bambino mi ha ricordato che il lavoro non era mio e che conquistare i cuori di quelle persone poteva essere solo da quella dolce intimità con l’Unico Sacerdote, Cristo.

Da allora il mio bacio all’altare è doppio perché sempre dopo averlo baciato metto la guancia per ricevere il suo bacio. Grazie Gabriel!

Avvicinare gli altri al mistero della Salvezza ci chiama a vivere il nostro incontro.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1