di Massimo Sanvito

 

Ci stiamo avvicinando alla Settimana Santa, che ci introduce ai misteri della Passione e della Resurrezione di Cristo, ed ecco che l’antico Inno Vexilla Regis ci ripropone il suo poderoso incipit: Avanzano i vessilli del Re e rifulge il mistero della croce!

La croce è per i cristiani il più grande segno di contraddizione in cui Dio, fattosi uomo, vi muore inchiodato: è insieme il  simbolo della Passione e  della Resurrezione.

E pur essendo segno di contraddizione, il crocifisso è presente nell’esistenza di milioni di credenti da ormai venti secoli.

Con il segno della croce si iniziano e si concludono le orazioni quotidiane o le celebrazioni Liturgiche, così come “ci si segna” prima di iniziare una attività importante o per ringraziare. Qualcuno di uno scampato pericolo o per aver ottenuto un inatteso successo.

Il crocifisso, oltre che nelle chiese di tutti i riti cristiani, è presente in tutte le case di chi crede, è utilizzato in quasi tutti i monumenti funebri, viene portato al collo da milioni di persone ed è ancora presente nelle aule scolastiche e nei pubblici uffici di molti Stati.

Sin dai primi secoli del cristianesimo le piante delle chiese ricalcano la forma della croce, ospedali, farmacie e ambulanze le utilizzano come segno di soccorso universalmente riconoscibile, mentre monumentali crocifissi vengono solennemente portati lungo le strade durante le processioni votive.

Innumerevoli artisti hanno dipinto o scolpito meravigliosi crocifissi, ma non possiamo dimenticare i compositori di tutte le epoche che pure hanno descritto, elaborato, arricchito con splendide forme musicali e con i più diversi stili il profondo significato di una singola parola: “Crucifixus”, parola che non a caso è posta esattamente  al centro del testo del Credo che recitiamo  durante la S. Messa.

In questo breve video, senza pretese, immergiamoci in alcune di queste sublimi espressioni musicali.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email