Ecco la traduzione di un articolo di aggiornamento sul caso di una ragazza che si sta sottoponendo a cure ormonali per “diventare” maschio e il cui padre ha già subito una condanna per violenza domestica per essersi opposto alle cure di bloccanti della pubertà: ormai voler proteggere i propri figli da terapie ormonali senza solide basi scientifiche somministrate per i loro disagi psichici sta diventando un reato nei Paesi più “avanzati”.

(Annarosa Rossetto)

Uomo in manette

 

The Federalist mercoledì scorso ha riferito che la Corte Suprema della British Columbia (BC), in Canada, ha dichiarato un padre colpevole di violenza familiare per il suo educato rifiuto di riferirsi in privato alla propria figlia come ad un maschio e per la sua scelta ripetuta di affermare nelle interviste ai media che lei è una ragazza.

Più o meno nello stesso periodo in cui è stata pubblicata la vicenda, la Corte Suprema ha emesso un ulteriore “ordine di protezione” più pesante dalla stessa sentenza. Il  documento di tre pagine dichiara che il padre, Clark*, d’ora in poi sarà passibile di arresto, immediato e “senza mandato”, se un qualunque agente di polizia ha motivi “ragionevoli” per credere che abbia in qualche modo fatto riferimento a sua figlia come ad una femmina in pubblico o in privato.

Il nuovo ordine ha stabilito inoltre che Clark non solo non debba discutere del sesso o dell’identità di genere di sua figlia in pubblico, ma anche che non può condividere documenti giudiziari che descrivono il proprio ordine restrittivo. Da un lato, questa richiesta può sembrare paradossale, dal momento che si applica ad una sentenza del tribunale disponibile pubblicamente . Dall‘altra parte, l’ingiunzione è talmente ampia che include naturalmente il documento stesso su cui è scritta e che il documento – con le sue minacce di arresto immediato senza mandato – non è stato, per ora, reso disponibile sul sito web della corte.

Come riportato in precedenza , la Corte Suprema dello Stato ha ordinato a febbraio che Maxine* di 14 anni ricevainiezioni di testosterone senza il consenso genitoriale. Di conseguenza, Maxine ha iniziato regolari iniezioni presso l’ospedale pediatrico locale negli ultimi due mesi.

Suo padre, Clark, si oppone fermamente a questo trattamento e immediatamente ha cercato di invertire la decisione presso la Corte d’appello. “[Queste iniezioni] sconvolgeranno completamente la sua pubertà”, si è lamentato con The Federalist alcune settimane fa . “Le sue ossa smetteranno di crescere, il suo cervello smetterà di svilupparsi … e non diventerà un ragazzo. Non avrà nemmeno più la robustezza delle ossa per essere una femmina.

Nella speranza di sensibilizzare lopinione pubblica, Clark ha risposto a numerose richieste di interviste in cui ha condiviso la sua opinione che i bloccanti della pubertà e gli ormoni del sesso opposto non andavano bene per sua figlia. Come un crescente numero di genitori in questi giorni, Clark ha sostenuto che sua figlia era stata ingannatae sottoposta al lavaggio del cervello da attivisti online e dirigenti scolastici, che a scuola avevano iniziato a trattare Maxine   come un ragazzo transgender, senza informare i suoi genitori, quando aveva solo 12 anni .

Nonostante Clark abbia cercato (e ottenuto) l‘anonimato in queste prime interviste al fine di proteggere l’identità di sua figlia, la corte sembra essere stata profondamente turbata dalla pubblicità negativa e dai commenti politicamente scorretti che circondano le sue decisioni. In una sentenza della scorsa settimana , il Giudice Francesca Marzari avevacondannato Clark per “violenza familiare” per il suo “rifiuto pubblico dell’identità di genere [di Maxine]”.

Allo stesso tempo, la Marzari ha anche emesso un’ordinanza che cancellava dal tribunale i nomi di due medici che erano stati coinvolti attivamente nel promuovere la transizione di genere per Maxine. Uno di questi dottori, il dott. Wallace Wong, è stato recentemente messo sotto accusa perché potrebbe aver diagnosticato fino al 20% dei bambini nel suo sistema locale di orfanotrofi con una qualche forma di disforia di genere.

Mentre Marzari ha presentato questa restrizione delle informazioni come una questione di stretta necessità, alcuni sostengono che la Corte Suprema stia mostrando una mancanza di preoccupazione per la libertà di parola e per il principio di Foro Aperto (trasparenza giudiziaria, n.d.t.)Kari Simpson, il presidente dell’organizzazione culturale pro-famiglia canadese Culture Guard, si è lamentato del fatto che “la Corte di giustizia è diventata una Camera Stellata (tribunale con poteri assoluti dellInghilterra dei Tudor, n.d.t.)“, usando un potere brutoper riscrivere la realtà.

“Questo è eccessivo e pericoloso”, ha detto, sostenendo che la corte stesse costringendo Clark a condividere il “delirio” sul genere di sua figlia e l“abuso” subito da lei da parte dei medici, oppure essere arrestato.

Il ricorso di Clark alla sentenza originaria della corte per quanto riguarda le iniezioni di testosterone in sua figlia è fissato ad essere giudicato il 14 maggio.

* I nomi sono pseudonimi.

Facebook Comments
image_print
1