E le ali… son Lei

Marc Chagall
Marc Chagall

 

E le ali… son Lei

 

Non mi danno fastidio
quelli prima di me: era destino.
Mi fan rosicare
quelli dopo di me:
m’han fatto scoprire
che io non son tutto.
Più in alto
c’è un Signore del tempo!

Nell’amore non si prende,
si è presi,
è l’ultimo incontro,
il per sempre,
ti tiene aggrappato alla terra
e insieme ti porta lassù.

Arriva pian piano cercando,
donando, prendendo, sbagliando,
vedendo dapprima sfocato,
poi meglio, più chiaro,
aspettando,
e si compie… perdendo,
perdendo me stesso:
per lei?

L’amore è un partire
e ogni sera tornare,
sotto lo sguardo
attento del Cielo.

E le ali… son Lei.

 

di Giorgio Canu

 

 

da giorgiocanupoesie

 




Bacio

Tramonto sul mare (foto Enrico Franchi)
Tramonto sul mare (foto Enrico Franchi)

 

 

Bacio

 

 

Sarà un bacio sfuggente
come vento che sferza,
come ghiaccio che brucia
e come fuoco che avvampa,
sarà un bacio per Te
che ho sempre cercato
sarà,
forse anche,
il mio primo bacio:
sarà gioia piena.

Un bacio
sulla guancia di Dio.

Un bacio che attende
di esser sommerso
a mia volta
di baci,
sulla guancia,
da Dio.

~~~
Desideravo un bacio che mi saziasse fino in fondo.
E Lui mi ha dato Se stesso.

 

di Giorgio Canu

 

fonte: giorgiocanupoesie




Gli occhi e le parole

volto-di-donna

 

 

Gli occhi e le parole

 

A volte mi fa quasi 
paura, guardarla,
come fosse vento
di tempesta, 
eppure lo sguardo
va sempre là, 
ai suoi occhi.
Poi mi lascio cullare
dalle parole
e scopro che
è soffio leggero
di brezza
che trasporta
il mio cuore. 
 
 
di Giorgio Canu
 
 
 
da: giorgiocanupoesie




Sopra la foto di una bella donna (potrei dire un’amica)

 

 

Sopra la foto di una bella donna (potrei dire un’amica)

 
 
Però, quel sorriso, e quel passo 
quasi volessi lasciare la scena, 
non senza lasciarne un’impronta…
 
Mi verrebbe da dire: “che bella”! 
Poi penso: a che serve? 
È lontana… quasi come una stella,
eppure la sento vicina:

vorrei entrare, vederne la storia, 
lavoro, tensioni, progetti, 
sogni, famiglia, pensieri, 
circostanze di oggi e di ieri. 

Perché il bello ci chiama 
per nome, 
per dirci per cosa siam fatti: 
è questa del cuore la trama! 

Ed il compimento si svela 
già ora, 
lontani eppure vicini
per quell’orizzonte 
che chiama. 
 
 
di Giorgio Canu
 
 
 

da: giorgiocanupoesie




Ad ogni tiranno

Albert Gyorgy Emptiness
Albert Gyorgy Emptiness

 

AD OGNI TIRANNO LA SUA CORDA

qualunque tiranno sia

 

 

“Tu che hai ferito l’uomo semplice sghignazzando sulla sua sventura

e confondendo il bene e il male insieme a quei buffoni che intorno a te si assiepano, 

[che sian capi, mariti, mogli, colleghi, lecchini, poco importa] 

anche se tutti ti si prostrassero celebrando la tua saggezza e il tuo valore

[sai bene che ogni tiranno ha i suoi finti interessati adulatori] 

medaglie d’oro coniando in tuo onore,  felici perché sono, ancora un giorno, salvi,

Non sentirti al sicuro.  Il poeta non scorda.

Uccidilo: ne nascerà uno nuovo. Saranno scritti gli atti e le parole.

Meglio per te l’inverno, al sorgere del sole, 

un ramo curvo sotto il peso e la corda”.

Czeslaw Milosz (mie le frasi tra parentesi). 

 

 

Poesia di Czeslaw Milosz incisa sotto le tre altissime croci che, ai cantieri navali di Danzica, per volontà di Solidarnosc, commemorano i 70 operai uccisi, durante la rivolta del 1970, dalla polizia del regime comunista.

L’indignazione non è solo per il tiranno politico,  ma per quasiasi tiranno, anche chi solo si atteggi a tiranno, in qualsiasi luogo. Il sindacato libero inneggia alla libertà qui, oggi, per la società civile, iniziando dal luogo di lavoro, perché il lavoro è per l’uomo e non il contrario. 

Ogni atto o condizione che imponga un peso non dovuto, persino ad un collega, è un sopruso, un vero sfruttamento da parte del tiranno di turno. Meglio per lui la vergogna e la gogna.




Il cielo sopra Parigi

 

 

Il cielo sopra Parigi

14.11.15

 

 

È l’alba.

Dalla porta socchiusa
del sole che sorge
filtra tenue la luce
che presto,
vestita di festa,
invaderà la pianura
e campi
e case
e ci riempirà di colori.

Il cielo si tinge d’azzurro
anzi ancora
di Blu;
qua e là qualche nuvola
Bianca,
fino al Rosso del sole
che ammanta
ogni cosa che incontra,
e l’avvampa.

Anche il cielo
stamane
è tinto di FRANCIA.

___________________
14.11.2015
Parigi
Attentato al Bataclan

 

di Giorgio Canu

 

(da giorgiocanupoesie)

 




Tu

(se il video qui sotto non si carica, fare il refresh di questa pagina o cliccare qui)

 

 

Tu

 

Chissà se lontananza
è vicinanza
e se mancanza
è in realtà presenza, 
o se, al contrario, 
tutto è una domanda.

Il punto non è 
che cosa sia o non sia
ma se ci sia risposta.
Se c’è, 
la vita è un cammino, 
con corse per vedere 
al di là del dosso, 
e pause per riposare.
Si chiama speranza ed è il  motore  della felicità.

Solo un abbraccio
in carne ed ossa
però, il loro volto, 
può darmi la certezza
che Tu ci sei,
che Tu, la mia risposta, 
sei qui con me.

 

di Giorgio Canu

 

(da giorgiocanupoesie)

 




Poesia

 

 

Poesia

 
Non ho mai cercato la poesia, 
finché grandi gioie o dolori
hanno partorito in me 
questa figlia, inaspettata, 
perché la crescessi 
e l’affidassi a chi mi legge. 
Ed ora, se lei mi abbandonasse,
mi mancherebbe di poter dire
con due parole Tutto. 
È un dono, lo so, 
forse anche un impiego, 
per alleggerire altri
dal peso delle stagioni, 
del farsi e disfarsi del giorno
e della notte, 
e per cantare Chi
queste notti e giorni
regge e fa mutare. 
Che cosa canto infatti, 
attraverso luna, stelle, 
amori, addii, ritorni, 
corse, attese, incontri, 
amici?
Te solo canto, che sempre
sei tra noi. 
 
 
 
di Giorgio Canu




Tu non puoi morire

Vocazione di San Matteo (particolare) - Caravaggio

 

 

Tu non puoi morire

 
Quando (*) dalla tua voce, 
d’improvviso, 
ho riscoperto il mio cuore, 
come un soffio ho percepito
la mia anima.   
E l’anima non muore mai:
si affatica, si perde a volte, 
sembra scomparire, 
ma è il respiro, 
impercettibile, 
della vita. 
Da lei nascono il bene, il male, 
e il desiderio. 
Anche se il corpo invecchia
e muore, lei vive 
dà forma, svela:
l’anima, intelligenza e cuore, 
son io, sei tu, tu, tu… 
In essa quella Tua voce, 
come polla sorgiva, 
risuona, incontenibile. 

 

di Giorgio Canu

 

(*)Riccione, settembre 1976

(giorgiocanupoesie)




La nostra grande compagnia

Santuario di caravaggio
Santuario di caravaggio

 

La nostra grande compagnia

 

Tu, sulla porta o seduto tra noi. 
E qualunque nostro tu

prende  volto 
dal Tuo volto, a noi caro.

 

 




Sei tornata!

 

 

Sei tornata!

 
Stormi di uccelli migratori 
nei cieli, 
nubi che si rincorrono, 
ridiscendono a valle
greggi ed armenti. 
Si parte. 
Sempre si parte, 
e poi si ritorna
come le onde, 
respinte dalla riva
attratte dalla riva, 
sempre ritornano. 
Non si torna mai a casa
per fermarsi a casa, 
si torna per costruire, 
servire, gioire, 
anche soffrire, 
si torna per ripartire
ogni giorno mandati…
E tu sei tornata!, 
silenziosa
come il primo raggio
di sole che avvampa, 
come i fiori, 
il sapore di spezie
e i colore del mare 
mentre il profumo odoroso dei peschi
cede il passo all’uva ed ai pruni. 
E pervadi di gioia
ogni cosa, 
ogni nostro pensiero.
 

(a Marina) 

 

di Giorgio Canu

(da giorgiocanupoesie)

 




Un Angelo in Cielo

Marc Chagall, trittico della Crocifissione

 

Un Angelo in Cielo

 

Oggi tremavi, senza parole, 
solo il sordo singhiozzo 
di una ferita, che trapassava l’anima. 
Donna, non piangere.
Un terremoto
sotto i tuoi piedi, 
risucchiata resisti,
mentre ti senti sprofondarenell’abisso, senza più lei. 

Non piangere:
la morte che sembra
ogni cosa dissolvere 
non è terra fredda, non è terra nera. 
Non è il nulla, la tua Beatrice!
Hai un angelo adesso, in Cielo, 
e puoi parlarle, ti guarda, t’ascolta, 
è nel tuo tremore e nel tuo pianto, 
in ogni cosa ti tiene.
Tremerai ad ogni ricordo, 
e lei ti sosterrà ad ogni tremoreper farti guardare oltre. 
Perché la vita
è più grande: grande come la tua domanda,grande come il cielo e il mare, grande a perdita d’occhio, grande come è grande il Cuore,grande perché c’è Dio. 

A Beatrice Palitta e alla sua mamma Franca

 

di Giorgio Canu

(da giorgiocanupoesie)