L’Australia sembra essere un paese con la fissa delle vaccinazioni COVID obbligatorie. La cosa grave è che pensa alla quarta e quinta dose ma prima di renderle obbligatorie vuole vedere come vanno le cose in Israele, dove la quarta dose l’hanno distribuita, contro ogni evidenza scientifica, e pare si siano fermati per gli scarsi risultati ottenuti. In poche parole, si cammina a tentoni in un campo inesplorato. E questo è grave, visti gli obblighi vaccinali che poi impongono.

L’articolo che vi propongo è stato pubblicato su DailyMail a firma di Alex Mitchell.

 

 

vaccino covid coronavirus

 

Il regolatore dell’immunizzazione non può escludere che quattro o anche cinque dosi di vaccino COVID-19 siano obbligatorie per gli australiani per essere considerati “in regola” nella loro protezione contro il virus.

Comparendo mercoledì davanti a un comitato di valutazione del Senato, il presidente dell’Australian Technical Advisory Group on Immunisation (ATAGI) Nigel Crawford ha detto che la sua organizzazione continuerà a monitorare i dati dei paesi che hanno già somministrato la quarta dose.

Il ministro della salute Greg Hunt ha annunciato la scorsa settimana che tre dosi sono ora richieste per essere considerati in regola, mentre il professor Crawford ha detto all’udienza che ad alcuni pazienti immunocompromessi ne vengono già raccomandate quattro.

Alla domanda del senatore liberale Alex Antic se poteva assicurare agli australiani che non sarebbero stati obbligati a prendere quattro o anche cinque dosi per essere considerati in regola, il professor Crawford non ha potuto offrire tale garanzia.


“Paesi come Israele hanno già raccomandato una quarta dose e abbiamo bisogno di guardare quei dati internazionali e vedere l’impatto, e come sono le nuove varianti dei vaccini”, ha detto.

“ATAGI sta costantemente rivedendo le prove… questo consiglio potrebbe cambiare nel tempo. È una possibilità, ma non c’è nessuna raccomandazione attuale in tal senso”.

C’erano 160.114 casi attivi di Covid registrati in tutta l’Australia giovedì – 81 per cento al di sotto del picco dell’onda Omicron il 17 gennaio.

Altrove alle stime del Senato, il capo del programma di vaccinazione dell’Australia, il tenente generale John Frewen, ha detto che il divario di vaccinazione degli indigeni si è ridotto di circa il 12%, con il 77,4% degli australiani indigeni doppiamente vaccinati.

Quasi il 60 per cento degli australiani idonei ha ricevuto tre dosi e il 48,1 per cento dei bambini tra i cinque e gli 11 anni ha ricevuto la prima dose.

Circa 64 decessi legati alla COVID sono stati registrati mercoledì: 27 nel NSW, 18 nel Victoria, 12 nel Queensland, quattro nel South Australia e tre nel Northern Territory.

Ci sono stati 29.229 casi di COVID in tutto il paese.

Tre deputati federali sono risultati positivi al COVID mercoledì: i ministri Kevin Hogan e Scott Buchholz e la deputata laburista Anika Wells.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email