Prosegue con questa seconda parte la critica di Phil Lawler, giornalista e scrittore, al linguaggio usato da alcuni rappresentanti della Chiesa. L’articolo è stato pubblicato su Catholic Culture, e ve lo presento nella mia traduzione. 

 

Card. Cupich e Joe Biden
Card. Cupich e Joe Biden

 

Ieri ho scritto sugli “abusi di linguaggio… che vedo in molti recenti pronunciamenti dei nostri rappresentanti della Chiesa”, concentrandomi su due recenti annunci del Vaticano. Ora permettetemi di passare ad alcuni esempi americani degni di nota.

A volte l’uso improprio del linguaggio è assolutamente orwelliano. Quando il cardinale di Chicago Blase Cupich ha annunciato che ai cattolici non vaccinati non deve essere permesso di entrare nelle chiese senza maschere, ha stabilito che ogni parrocchia dovrebbe avere funzionari alle porte per controllare ogni individuo per la prova della vaccinazione. Queste persone – che bloccheranno le porte a coloro che sono senza maschera e senza documenti – sono identificate come “la squadra di accoglienza/ospitalità della parrocchia”. Un po’ di accoglienza; un po’ di ospitalità.

A meno che io non mi sbagli di molto, questi “addetti all’accoglienza” non chiederanno ai parrocchiani di mostrare i risultati dei loro ultimi test per la tubercolosi. Non interrogheranno le persone su altre legittime preoccupazioni di salute pubblica (“Fuma? Assume farmaci per via endovenosa? Si impegna in pratiche sessuali note per la diffusione di una malattia?”). Avranno una, e una sola, preoccupazione medica: il singolo test ordinato dal cardinale Cupich in qualità di funzionario della sanità pubblica. Ma il cardinale non è un funzionario della sanità pubblica. È un vescovo della Chiesa cattolica, che dovrebbe avere altre preoccupazioni.

Quindi, se le guardie parrocchiali (usiamo un linguaggio onesto) stanno decidendo quali persone dovrebbero essere ammesse in chiesa, non ci sono domande più importanti che potrebbero fare? Per esempio: “E’ parte di un matrimonio non valido?” Oppure: “Ha votato per sostenere l’aborto legale?”

Ah, ecco il problema! Perché il cardinale Cupich ha anche recentemente guidato la carica per bloccare una discussione sulla coerenza eucaristica (la distribuzione dell’Eucarestia a sostenitori dell’aborto legale come Biden, ndr), attualmente in programma alla riunione dei vescovi statunitensi di giugno. Lui e altri vescovi hanno sostenuto che la discussione non dovrebbe aver luogo, perché ai vescovi americani manca “l’alto livello di consenso” che sarebbe richiesto per una forte dichiarazione sulla questione.

Ora spiegatemi, per favore, come la conferenza episcopale americana può sviluppare quell'”alto livello di consenso”, se non ci deve essere alcuna discussione sulla questione. Chiaramente il Cardinale Cupich e i suoi alleati non sono stati del tutto schietti sulle loro ragioni per voler evitare l’argomento.

Ci sono anche altri segni di dissimulazione. Sebbene in teoria il Cardinale Cupich sostenga fortemente Papa Francesco nella sua richiesta di un processo decisionale decentralizzato, in pratica ha fatto energicamente pressione per un intervento del Vaticano per limitare una discussione aperta tra i vescovi americani. Anche se si lamenta che la discussione potrebbe causare divisioni, lui e i suoi alleati hanno approfondito le fratture all’interno della conferenza episcopale sollecitando un cambiamento tardivo all’ordine del giorno – l’eliminazione di un argomento che era già stato approvato dal solito processo.

Soprattutto, il cardinale Cupich e i suoi alleati non vogliono il “dialogo” su questo tema. Per tutta la loro insistenza sulla discussione aperta, è una discussione aperta che stanno facendo del loro meglio per ostacolare. Le incessanti richieste di “dialogo” sono una cortina fumogena: un tentativo di assicurare che la questione rimanga irrisolta indefinitamente.

I sostenitori di questo inautentico “dialogo” sostengono che invece di sostenere l’insegnamento perenne della Chiesa, invece di soddisfare le chiare richieste del diritto canonico, i pastori dovrebbero impegnarsi in tranquille conversazioni personali con quei cattolici di spicco che sostengono il massacro dei non nati. Non c’è, naturalmente, nessuna ragione per cui un pastore non possa intraprendere quel dialogo e adempiere ai suoi doveri canonici. Ma ancora una volta c’è un punto più profondo in questione.

In quasi 50 anni dalla decisione Roe v. Wade (quella della Corte Suprema americana che diede corso all’aborto libero negli USA, ndr), alcuni dei più importanti politici cattolici di questo paese sono diventati sempre più schietti nel loro sostegno all’aborto legale senza restrizioni su richiesta. Mentre i vescovi strombazzano la necessità di un sempre maggiore “dialogo”, i politici si fanno beffe della legge morale della Chiesa e denigrano coloro che la sostengono. Mostratemi un caso di un politico cattolico attivo che si sia pentito del suo sostegno all’aborto e abbia abbracciato la causa pro-vita, dopo una tranquilla conversazione con il suo vescovo. Un solo caso, e prenderò l’argomento del “dialogo” un po’ più seriamente.

 

 



Facebook Comments
image_pdfimage_print
1