Il 29 settembre scorso JD Flynn in un articolo pubblicato sul sito web della Catholic News Agency (CNA) riferisce la strana coincidenza della violazione dei dati personali dei membri della comunità carismatica cattolica People of Praise a cui si ritiene appartenga il giudice Amy Coney Barrett.

Ve lo riportiamo di seguito nella traduzione di Wanda Massa.

 

 

Alcuni giorni prima che il giudice Amy Coney Barrett fosse nominata alla Corte Suprema, il sito web di People of Praise è stato violato, ha appreso CNA. L’hacker ha violato il database dei membri della comunità carismatica, di cui Barrett e la sua famiglia sarebbero membri.

Il 21 settembre 2020, il nostro personale di sicurezza ha identificato un’intrusione nel nostro sito web che ha comportato l’accesso non autorizzato alle informazioni di contatto nel nostro archivio dei membri“, ha detto martedì sera Sean Connolly, un portavoce del gruppo, in risposta alle domande di CNA sull’hackeraggio.

Non sono noti ulteriori dettagli, come ad esempio le parti che potrebbero aver iniziato questa incursione, e abbiamo fornito ai nostri membri risorse nel caso in cui dovessero notare attività sospette“, ha aggiunto Connolly.

Barrett è stata nominata alla Corte Suprema il 26 settembre.

Il 21 settembre, il giudice federale risultava in testa nella corsa per l’incarico alla Corte Suprema che si era liberato quando il giudice Ruth Bader Ginsburg è deceduto il 18 settembre.

In mezzo alle speculazioni sulla possibile nomina di Barrett, numerosi articoli dei media si sono concentrati sul People of Praise, la comunità carismatica ecumenica con sede nell’Indiana alla quale Barrett sembra appartenere.

Il gruppo è stato descritto da alcuni esperti come un culto, falsamente riferito di essere l’ispirazione per un romanzo distopico, e ha erroneamente riferito di richiedere ai membri di aderire a un accordo segreto, che è di fatto pubblicato sul suo sito web.

People of Praise è stato anche criticato da alcuni esperti perché non rivela la sua appartenenza, che i difensori dicono essere una prassi comune per le organizzazioni religiose.

In questo contesto, fonti hanno detto alla CNA che il database dei membri del gruppo è stato violato, cosa che Connolly ha confermato martedì sera.

Mentre People of Praise ha rifiutato di speculare su chi possa essere stato responsabile dell’hackeraggio, una fonte a conoscenza della situazione ha detto alla CNA che alcuni “membri della comunità sono stati contattati dai media nazionali entro 36 ore dall’incursione [del database]“, che la fonte ha definito una “coincidenza allarmante“.

Connolly ha detto a CNA che “sono state immediatamente prese misure per affrontare l’incidente, compresa la notifica alle forze dell’ordine federali e ai nostri membri“.

Prendiamo sul serio la sicurezza e la privacy di tutti i membri della nostra comunità“, ha sottolineato.

People of Praise è stata fondata nel 1971 come parte della “grande emergenza dei ministeri laici e dei movimenti laici nella Chiesa cattolica“, ha detto al CNA nel 2018 il vescovo Peter Smith, che appartiene a un’associazione affiliata di sacerdoti cattolici.

Il gruppo ha iniziato con 29 membri che hanno formato un “patto” – un accordo, non un giuramento, di seguire principi comuni, di donare il cinque per cento del reddito annuale al gruppo e di incontrarsi regolarmente per progetti spirituali, sociali e di servizio.

Le comunità d’alleanza – protestanti e cattoliche – sono emerse in tutto il Paese negli anni Settanta, come parte del movimento di rinnovamento carismatico del cristianesimo americano.

Mentre la maggior parte dei membri di People of Praise sono cattolici, il gruppo è ufficialmente ecumenico; possono aderire persone di diverse confessioni cristiane. I membri del gruppo sono liberi di frequentare la chiesa di loro scelta, comprese diverse parrocchie cattoliche, ha spiegato Smith.

Siamo un movimento laico nella Chiesa“, ha detto Smith alla CNA. “Ce ne sono moltissimi. Continuiamo a cercare di vivere la vita e la nostra chiamata come cattolici, come cristiani battezzati, in questo modo particolare, come fanno altre persone in altre chiamate o in altri modi in cui Dio può condurli nella Chiesa“.

L’udienza di conferma della Barrett al Senato e il voto del Senato sulla sua nomina alla Corte Suprema sono previsti per la fine di ottobre, poco prima delle elezioni presidenziali del 3 novembre.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1