Una storia irreale che sta diventanto realtà. Ce la racconta Calvin Freiburger.

Eccola nella mia traduzione.

Drag queen che leggono storie di omosessualità e transgenderismo a bambini sembra essere l’ultima travolgente mania  che sta dilagando nelle biblioteche pubbliche negli Stati Uniti e in Canada.

Il 21 luglio, il “Comitato per la Libertà Intellettuale” dell’Associazione per il Servizio Bibliotecario ai Bambini (ALSC) ha pubblicato un post sul blog che descrive in dettaglio i punti salienti della conferenza annuale dell’American Library Association (ALA) a New Orleans.  L’ALSC è una divisione dell’ALA con la missione dichiarata di “costruire un futuro sano e di successo per tutti i bambini”.

“Sei interessato a portare Drag Queen Storytime nella tua biblioteca? Si può leggere in uno degli annunci. “I membri del Comitato ALSC hanno ricevuto suggerimenti per ottimizzare il successo dai pionieri delle biblioteche che lo hanno già fatto. Abbiamo anche avuto la possibilità di incontrare una Drag Queen che ha parlato del valore dell’offrire questo programma, tra cui promuovere l’empatia, la tolleranza, la creatività, l’immaginazione e il divertimento”.  
 
Si riferisce ai lettori del sito ufficiale di Drag Queen Story Hour (DQSH), un programma incentrato su “drag queen che leggono storie ai bambini nelle biblioteche, scuole e librerie”.  E ‘stato creato dal drag queen Michelle Tea e RADAR Productions a San Francisco.

Lo scopo esplicito del gruppo è quello di catturare “l’immaginazione e il gioco della fluidità di genere dell’infanzia” e dare ai bambini “senza che si provi vergogna modelli di ruolo apertamente queer”, in modo che i bambini possano “immaginare un mondo in cui le persone possano presentarsi come vogliono, in cui il vestirsi sia reale”.

Foto: Drag queen che insegna ai bambini il transessualismo

Foto: Drag queen che insegna ai bambini il transessualismo



Il sito cita il direttore dei servizi per i giovani e le famiglie della Biblioteca Pubblica di Brooklyn, Judy Zuckerman, che sostiene il programma perché “celebra la diversità” e incoraggia i bambini ad “abbracciare l’esplorazione di sé senza limiti”.


I bibliotecari di San Francisco hanno dichiarato al Guardian che non sono coinvolti fondi dei contribuenti, in quanto gli Amici della Biblioteca, gestiti da privati senza scopo di lucro, pagano alla società di produzione della DQSH uno stipendio di 250 dollari per ogni evento.  Indipendentemente da ciò, il tema degli eventi è ricco di contenuti che la maggior parte dei genitori riterrebbe offensivi e, almeno, non adatti all’età.

Le foto del gruppo ritraggono uomini che indossano seni falsi e una grande varietà di abiti femminili sgargianti che leggono con bambini piccoli come neonati, evidenziando due drag queen con i nomi sessualmente suggestivi di Lady Busty (signora tettona, ndr) e Miss Shameless (signorina svergognata, ndr), e promuovono il prossimo libro “per bambini” dal titolo Born Bad (nato cattivo, ndr) di C.K. Smouha. “Nato cattivo” parla di un lupo che non vuole essere un lupo, incontra una varietà di animali che possono cambiare le loro caratteristiche fisiche, e, infine, si veste come una pecora.

Il sito cita una varietà di coperture mediatiche favorevoli che contengono diversi dettagli rivelatori, come una relazione del Guardian che rivela che una drag queen legge un “libro su come le famiglie possono avere una mamma e un papà o solo una mamma o due papà,” o l’ammissione di Tea a LA Weekly che i “libri che scegliamo sono sulla giustizia sociale,” e il racconto del New Yorker della drag queen Lil Miss Hot Mess, che cerca di accaparrarsi un pubblico di bambini ripetendo, “Quando cresco, voglio essere una drag queen”.

La DQSH vende inoltre un “Dragtivity Book” destinato ai bambini dai quattro ai dodici anni.  Esso “dà ai bambini uno sguardo approfondito su che cosa significa essere una drag queen”, incoraggiando “i bambini e gli adulti nella loro vita a continuare ad esplorare insieme il drag ed il gender” attraverso attività come “Crea il tuo drag nome” e “Cerchia i tuoi pronomi”.

Come ha riferito LifeSiteNews la scorsa settimana, eventi simili si stanno svolgendo anche nelle biblioteche canadesi, promuovendo “storie di accettazione, diversità e tutti i diversi tipi di famiglie” per esporre i bambini piccoli ai concetti LGBT e alle persone “non-binarie” (cioè riferito al sesso binario, maschio o femmina, ndr).

“Gli attivisti LGBT sono determinati a insegnare la loro ideologia ai bambini e hanno concentrato i loro sforzi sull’infiltrazione del sistema scolastico pubblico, influenzando i programmi di educazione sessuale e garantendo che concetti come la fluidità di genere siano insegnati fin dalla più tenera età”, ha scritto Jonathon Van Maren. “Drag queen e storie di bambini riguardo al transgenderismo sono in arrivo e così, ancora una volta, un altro luogo dove i genitori cristiani devono stare fuori”.

 

(…)

 

Fonte: Lifesitenews 



 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
9