Ecco un articolo che ci aggiorna sulla situazione di Asia Bibi e la sua famiglia in Pakistan. Essi sono ricercati casa per casa dagli integralisti che vanno con le loro foto sui telefonini dagli integralisti per trovarli e ucciderli.

L’articolo è di Harriet Sherwood, nella mia traduzione.

 

Foto: estremisti islamici in Pakistan

Foto: estremisti islamici in Pakistan

 

La famiglia di Asia Bibi, la donna cristiana che ha trascorso otto anni nel braccio della morte in Pakistan per blasfemia prima di essere assolta tre settimane fa, afferma di essere inseguita dagli estremisti che vanno di casa in casa con le loro fotografie per cercare di rintracciarla.

La famiglia di Bibi si nasconde da quando lei è stata assolta dalla corte suprema del paese. Si trova in custodia protettiva nell’ambito di un accordo tra il governo e un partito islamico estremista, nell’ambito del quale le violente proteste sono state annullate mentre veniva intrapresa una revisione della sentenza del tribunale.

L’avvocato, i parenti e i sostenitori di Bibi hanno fatto appello affinché la famiglia ottenesse asilo in un paese europeo o nordamericano. Diversi paesi hanno manifestato la volontà di offrire una casa, ma non è emerso nulla di concreto.

John Pontifex, di Aid to the Church in Need UK (ACN), che si è battuto per conto di Bibi da quando è stata condannata a morte nel 2010, ha detto di essere stato in contatto quasi quotidiano con la sua famiglia nelle ultime tre settimane e che sono molto spaventati.

Mi hanno detto che nel loro quartiere sono stati segnalati mullah che vanno di casa in casa mostrando le foto dei membri della famiglia sui loro telefoni, cercando di dar loro la caccia per ucciderli”, ha detto al Guardian.

La famiglia ha dovuto spostarsi da un posto all’altro per evitare di essere scoperta. A volte possono operare solo dopo il tramonto. Hanno dovuto coprirsi il viso quando escono in pubblico. Hanno dovuto rimuovere il rosario che pende dallo specchietto retrovisore dell’auto per paura di essere attaccati“.

Pontifex ha detto che la fede della famiglia li sta “sostenendo in questo tempo di grave pericolo”.  Ha aggiunto: “Dicono che se non riescono ad avere la possibilità di trovare un futuro fuori dal Pakistan, la paura è che prima o poi possa succedere loro qualcosa di terribile”.

L’avvocato di Bibi, fuggito dal Pakistan poco dopo la sentenza del tribunale dicendo che la sua vita era in pericolo, ha detto questa settimana che sono in corso colloqui sull’asilo con diversi Paesi europei. “Spero che il mondo occidentale cerchi di aiutarla”, ha detto Saiful Malook ai giornalisti di Francoforte.

Si pensa che Canada, Spagna e Francia abbiano offerto asilo a Bibi. La Germania e l’Italia avrebbero avuto colloqui con il Pakistan sull’argomento.

Il governo britannico si è rifiutato di rispondere alle domande se sta considerando un’offerta di asilo, dicendo che non vuole mettere ulteriormente in pericolo Bibi e la sua famiglia.

L’ex ministro degli Esteri Boris Johnson e molti altri parlamentari e colleghi hanno chiesto al governo britannico di agire. Alcuni rapporti hanno suggerito che il governo teme un contraccolpo tra i musulmani britannici di origini pakistane se fosse offerto asilo a Bibi.

Martedì scorso, Sayeeda Warsi ha detto alla Camera dei Lord: “Ci sono state notizie di stampa che riportano che Asia Bibi, se avesse ottenuto l’asilo nel Regno Unito, non sarebbe stata potenzialmente al sicuro a causa di alcune comunità qui presenti…. Come persona profondamente legata alle comunità musulmane britanniche, assicuro lei (Asia) che (le comunità) sono pienamente favorevoli a qualsiasi richiesta di asilo che Asia Bibi avanzi e che il nostro paese possa concederle, e che sarebbe stata sostenuta come lo sarebbe stata da tutte le altre comunità di questo paese”.

Il Consiglio musulmano della Gran Bretagna ha detto in un tweet: “Ci sono notizie infondate dei media che la cittadina pakistana Asia Bibi si vede negata l’asilo nel Regno Unito a causa delle preoccupazioni dei musulmani britannici. Riteniamo che tali insinuazioni siano tanto assurde quanto divisorie. Non vediamo alcun motivo per cui ad Asia Bibi sia negato l’asilo nel Regno Unito”.

Dopo l’assoluzione di Bibi, gli integralisti islamici hanno chiesto che lei e nel caso i giudici vengano uccisi, e hanno organizzato proteste che hanno bloccato le città.  Il primo ministro pakistano, Imran Khan, è stato accusato di aver capitolato alle loro richieste.

Bibi, una bracciante agricola, è stata accusata dagli abitanti dei villaggi musulmani di aver insultato il profeta Maometto in una lite per una coppa d’acqua. La sentenza della Corte Suprema ha detto che non ci sono prove a sostegno dell’accusa.

 

Fonte: The Guardian

Facebook Comments