Biden non doveva sganciare le “armi di distruzione” nel sistema finanziario in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Ma lo ha fatto. Ciò ha creato le condizioni per enormi perturbazioni nel sistema finaziario che avranno notevoli conseguenze nelle economie dei singoli paesi.  

Un articolo di David C. Hendrickson, pubblicato su The American Conservative, che vi propongo nella mia traduzione.

 

Joe Biden
Joe Biden

 

Le sanzioni complete che gli Stati Uniti e l’Occidente hanno imposto alla Russia ci portano in un mondo completamente nuovo. Le sanzioni sono multidimensionali, ma la più importante è il “congelamento” delle riserve valutarie russe, quello che il presidente Biden ha chiamato il fondo di guerra da 630 miliardi di dollari di Putin nel suo Stato dell’Unione. Questa azione significa che tutti i precedenti contratti economici tra la Russia e l’Occidente non sono validi. La cifra di Biden era probabilmente sovrastimata della metà, ma la cifra precisa non ha importanza. È il principio che conta.

L’effettiva nullificazione dei contratti è la Big Enchilada, una bomba H piuttosto che una bomba A, un’arma di distruzione finanziaria (WFD) da 50 megatoni. Senza preoccuparsi di annunciarlo, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno gettato una chiave inglese negli ingranaggi di importanti settori dell’economia mondiale. Stanno sottovalutando gravemente le ricadute. Sorprendentemente, l’hanno fatto sullo sfondo di una crisi mondiale delle catene di approvvigionamento. Che sta per diventare molto peggio.

Tra i domini a cascata: Il 30% delle esportazioni mondiali di grano sono ora interrotte. Le esportazioni russe di fertilizzanti – il 18% del mercato della potassa, il 20% delle esportazioni di ammoniaca – sono fuori mercato. I prezzi dell’energia sono esplosi. Gli Stati Uniti, improvvisamente bipartisan, hanno imposto un divieto (per lo più simbolico) sulle importazioni di petrolio russo. L’amministrazione Biden ha insistito che non vuole diminuire le forniture mondiali di petrolio e gas, ma, grosso modo, l’effetto delle sue sanzioni punta fortemente in quella direzione.

Nessuno sa quale sarà la reazione della Russia alle sanzioni, anche se ci sono pagliuzze al vento. Se il fondo fiduciario russo può essere espropriato a piacimento, cosa significa per le aziende russe vendere merci in cambio di contanti? Nello stallo emergente, c’è molto dibattito su ciò che l’Occidente è disposto a comprare, poca attenzione ai termini in cui i russi sono disposti a vendere, se sono disposti a vendere affatto. Sono nella posizione di imporre costi sbalorditivi all’Occidente come ritorsione. È probabile che lo faranno in parte, forse in gran parte. Tuttavia, gran parte della disfunzione, come il caos nei mercati delle materie prime derivante dalle inadempienze, è solo incorporata nella situazione creata dall’uso del WFD da parte dell’Occidente.

Quando il 5% della produzione dell’OPEC è stato ritirato dai mercati mondiali nel 1973 e 1974, ha portato a una quadruplicazione dei prezzi del petrolio. Rimuovere il 30% del grano commerciabile e il 20% dei fertilizzanti avrebbe effetti simili. Non sappiamo quante centinaia di milioni di persone saranno escluse dal mercato dei cereali in seguito al recente utilizzo del WFD. Forse uno degli umanitari liberali fissati con le sanzioni può dircelo.

In un impeto di giusta rabbia, i governi occidentali hanno scelto questi passi. Si pentiranno di averlo fatto. Lo hanno fatto con poca o nessuna attenzione alle probabili conseguenze. I funzionari stanno ora sbavando per i terribili danni che hanno inflitto all’economia russa, ma questi WFD si riveleranno quasi certamente la madre di tutte le ferite autoinflitte. Quasi certamente, inoltre, non allontaneranno Putin dall’Ucraina o dal potere.

Altri popoli soffriranno di più, ma fondamentalmente siamo stati noi a farci questo. L’amministrazione Biden non doveva usare la fiamma ossidrica sul sistema finanziario in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Ma lo ha fatto. E ora non ha una via diplomatica per tornare dal precipizio.

Abbiamo bisogno di una valutazione chiara dei punti di forza e di debolezza nella lotta incombente. Quel conflitto oppone non solo la Russia all’Occidente, ma anche la Russia e la Cina all’Occidente. Putin, sembra certo, ha detto a Xi cosa intendeva fare. Nella lunga dichiarazione che i due leader hanno rilasciato prima della guerra, si sono impegnati a guardarsi le spalle a vicenda. L’accordo implicito è che la Cina aiuterà la Russia a superare il suo attuale disastro finanziario, compensato da accordi sui prezzi vantaggiosi per la Cina su energia, metalli e prodotti alimentari nel lungo periodo. La Cina può piegarsi di fronte alla minaccia di sanzioni statunitensi, ma non abbandonerà la Russia. Si noti bene, inoltre, che la Cina non è danneggiata dal ridispiegamento delle forze e delle spese statunitensi verso l’Europa.

Russia e Cina sono ora alleati permanenti. Il modo più semplice di capire perché sono alleati permanenti è che gli Stati Uniti hanno fatto di ognuno di loro singolarmente, e di entrambi insieme, dei nemici permanenti. Entrambe le potenze sono giunte alla conclusione che gli Stati Uniti sono ” incapaci di raggiungere un accordo”. La formula degli Stati Uniti, usando tutto il suo potere per assicurarsi che non potessero avere altri amici, li ha costretti alla più profonda collaborazione.

I diritti e gli errori di quella politica occidentale, partorita in tutti gli aspetti essenziali dal pensiero neoconservatore negli anni ’80 e ’90, possiamo lasciarli per un’altra volta. La lotta che i falchi e i neoconservatori hanno profetizzato – e che a mio avviso sono direttamente responsabili di aver precipitato – è su di noi. Come se la cava l'”egemonia liberale”, l'”ordine basato sulle regole”, in questa imminente bipolarizzazione del sistema finanziario ed economico mondiale?

Qualsiasi valutazione deve avvenire sullo sfondo di due tendenze vitali. Una è il completo abbandono della responsabilità fiscale da parte del governo degli Stati Uniti, troppo squallido da descrivere in dettaglio. La seconda è la magica fluttuazione dei mercati finanziari statunitensi negli anni precedenti il 2022, sostenuta da una Federal Reserve pronta a fare qualsiasi cosa per sostenerli. I suoi acquisti di obbligazioni, sotto il nome di quantitative easing, sono andati ben oltre tutto ciò che le banche centrali avevano fatto in precedenza. E i mercati hanno risposto. Valutazioni inaudite, basate su guadagni favolosi da vent’anni a questa parte, sono diventate la norma in molti settori spumeggianti, oltre qualsiasi cosa vista nel 1929 o nel 1999. Sulla base dei rapporti storici che valutano la valutazione nel tempo, il mercato si trovava nell’uno per cento superiore di ogni misura conosciuta dai pronosticatori con gli occhi asciutti. I recenti cali, circa il 10% al 4 marzo, provengono da un trespolo molto alto, i massimi storici registrati all’inizio di gennaio 2022.

La polvere magica della Fed era basata sulla soppressione dei tassi d’interesse, fatta per il precedente ordine economico mondiale. Non funzionerà nel nuovo, in cui ogni paese affronta un vero e proprio caso di stagflazione – inflazione incontrollata, seguita da grandi perdite di posti di lavoro – che a me sembra peggiore (anche se non ancora per i mercati) di quello che è successo negli anni ’70.

L’economia mondiale è cambiata in modo profondo sotto gli auspici del “Sistema Washington” degli ultimi 30 anni. Quella che era stata un’unità occidentale all’interno dell’economia globale – i legami trilaterali tra Stati Uniti, Europa occidentale e Giappone – è diventata un’unità globale che incorporava il mondo intero. Durante questo periodo, sia l’Europa che gli Stati Uniti hanno perso molta della capacità manifatturiera che li aveva precedentemente messi in cima alle classifiche. Questo è stato “delocalizzato”. La Cina è diventata il centro della produzione mondiale. Come gli americani hanno scoperto nel 2020, c’erano tonnellate di cose indispensabili che la Cina faceva. In molti settori, come quello farmaceutico, ha raggiunto il dominio del mercato, producendo il 60-80% delle merci.

La Russia è una specie di Cina scritta in piccolo in termini di capacità produttiva. Tutti ripetono, senza pensare, che è una nullità nella classifica del PIL mondiale, ma questo non cambia il fatto che produce cose di cui c’è un disperato bisogno e la cui assenza dai mercati mondiali avrebbe conseguenze sismiche. Questo rende le sanzioni di oggi totalmente diverse da quelle della guerra fredda, quando l’Unione Sovietica esisteva come un’isola autarchica, intera di se stessa. Come Larry Summers ha osservato a Fareed Zakaria, questa interdipendenza rende la Russia molto più vulnerabile di una volta alle sanzioni occidentali. Giusto, Larry: Ci rende anche molto più vulnerabili al contraccolpo.

L’egemonia del dollaro è nata in primo luogo a causa della forza economica americana, ma poi è proseguita per una serie di ragioni. L’uso del dollaro all’interno del blocco trilaterale della guerra fredda ha reso facile la sua estensione al resto del mondo. Ma poi accadde una cosa strana. Le politiche sulle quali era stato creato furono ripudiate. Ai vecchi tempi, gli Stati Uniti erano il posto più sicuro per parcheggiare i propri beni. Ora, transare qualsiasi cosa in dollari rende i tuoi beni soggetti ad espropriazione secondo il decreto del governo degli Stati Uniti.

L’aggressivo sfruttamento geopolitico dell’egemonia del dollaro ha preso il via nel XXI secolo, con il secondo decennio molto più ambizioso del primo. Ogni anno portava una nuova escalation. Il sequestro da parte di Biden, nel febbraio 2022, dei 7 miliardi di dollari di beni detenuti dalla banca centrale dell’Afghanistan – scioccante per chiunque conosca il diritto internazionale – si è rivelato un importante presagio di quanto lontano le autorità fossero disposte ad andare.

Come appare questo concorso emergente dal punto di vista del Sud globale? La schiera di alleati dell’Occidente è impressionante e include stati con grandi economie, in Europa, Giappone e alcuni stati più piccoli in Asia. Dal punto di vista dell’America Latina, dell’Africa, del Grande Medio Oriente, dell’India, dell’ASEAN, come appare? Se foste seduti in quei posti, quale blocco scegliereste, se doveste scegliere? Cosa può fare ciascuna parte per voi, come possono perseguirvi e punirvi? In altre parole, quali sono le loro carote e i loro bastoni?

È in questo vasto entroterra che si deciderà il destino dell'”ordine liberale internazionale” a guida occidentale. Esso è sfidato da un blocco cinese, di cui la Russia fa parte. In questa competizione, un’inquietante inversione dello schema della Guerra Fredda, la Cina maneggia molte carote, mentre gli Stati Uniti hanno molti bastoni. Come i comunisti di un tempo, gli Stati Uniti sperano di conquistare convertiti con la coercizione.

Nell’architettura economica degli ultimi decenni, gli altri paesi avevano bisogno di dollari statunitensi, in cui i loro debiti erano spesso denominati, ma avevano bisogno di pochi preziosi beni statunitensi. Il divario tra ciò che gli americani possedevano e ciò che dovevano si è allargato precipitosamente, specialmente negli ultimi dieci anni. L’economia americana si è intensificata come un impero del consumo, galleggiando sull’alta marea della ricchezza elettronica. Sempre meno la sua prodezza finanziaria era basata sulla produzione, ancorata alla capacità di fare cose. (L’eccezione, naturalmente, sono gli armamenti sovvenzionati dallo stato. L’America può produrne molti).

Mentre gli Stati Uniti lasciavano arrugginire la loro base industriale e manifatturiera, sfruttavano l’egemonia del dollaro per fini geopolitici. Per ogni peccato nel mondo c’era una sanzione. Queste dovevano essere impiegate, in teoria, solo per ferire i cattivi, non la gente comune. Naturalmente, non ha funzionato così. Non funziona mai così.

La Cina, al contrario, ha sviluppato una straordinaria capacità di costruire le cose di cui gli stati più poveri hanno bisogno. Può fornire i beni che devono avere. Questa disparità non sembrava importare ai mercati in passato, ma sta per importare molto.

La conclusione inquietante è che tutto ciò che abbiamo imparato sul funzionamento dell’economia internazionale deve essere rivalutato, dato che così tanti dei suoi fondamenti sono stati rovesciati. Non pensate al commercio nel modo sognante in cui ne parlano gli economisti, con tutti che si scambiano beni e servizi nella beatitudine benthamiana delle gioie della massimizzazione dell’utilità. No, non sarà così.

Invece, battete i boccaporti per il neo-mercantilismo sotto steroidi. In alcuni dei suoi frangenti più salienti, lo scambio tra i blocchi sarà come due bande rivali di mafiosi che fanno uno scambio armi-per-droga – disaccordo, ma necessario – e che arrivano alla transazione in un magazzino remoto con un sacco di rinforzi armati per sicurezza. “Fammi vedere la merce. Non cercate di fare una cosa veloce”.

Il WFD è stato rilasciato e probabilmente si rivelerà radioattivo per anni. A Washington, tuttavia, non si pensa di tornare indietro. Tutti vogliono andare avanti. Buona fortuna al resto di noi.

 

David C. Hendrickson è presidente della John Quincy Adams Society e professore emerito di scienze politiche al Colorado College.

 

 

 

 

Facebook Comments