Quest’anno, la Marcia per la vita che si è svolta sabato scorso in Argentina ha visto numeri sempre più corposi. Nella sola capitale la Marcia ha raccolto circa 300.000 partecipanti. Dalle strade la gente ha lanciato un messaggio chiaro ai politici: coloro che sono a favore dell’aborto non riceveranno i voti dei manifestanti.

Di seguito l’articolo di Inés San Martìn, nella mia traduzione.

 

di Inés San Martìn

 

Quasi due milioni di persone hanno marciato sabato scorso in Argentina, nella terra natale di Papa Francesco alla manifestazioni pro-vita dedicata alla difesa della vita del nascituro e offrendo soluzioni alle madri in difficoltà per la gravidanza.

Il raduno è stato organizzato dalla Marcia per la Vita dell’Argentina, un’organizzazione laica. Anche se vescovi cattolici, pastori evangelici e leader ebrei e islamici hanno partecipato, non sono stati coinvolti nell’organizzazione dell’evento, che si è svolto in più di 200 località in tutto il paese.

Il movimento non ha un’affiliazione politica. Infatti, l’unico messaggio politico lanciato dal palcoscenico è stato un avvertimento ai politici argentini: l’aborto sarà un problema nelle prossime elezioni presidenziali, e coloro che erano in strada non voteranno per i candidati che sostengono il rovesciamento delle leggi a favore della vita in Argentina.

L’altra cosa vicina a una nota politica della manifestazione è stata la presenza, sul palco della capitale Buenos Aires, di un gruppo di veterani della guerra delle Falklands degli anni ’80, l’unico conflitto armato della storia recente dell’Argentina.

“Siamo tutti gente comune, ma in un momento della vita siamo chiamati a fare cose straordinarie per la nazione. Abbiamo difeso entrambe le isole. Oggi siamo qui, come soldati, per implorare che difendiamo entrambe le vite, per salvare la nazione”, ha detto il loro portavoce.

Buenos Aires ha attirato la folla più numerosa, con più di 300.000 persone che hanno marciato attraverso la capitale. Le riprese aeree hanno mostrato che a un certo punto, la colonna di persone era lunga più di un miglio.

Anche se la manifestazione era stata pianificata con largo anticipo, il governo della città non ha fornito alcuna sicurezza per l’evento, e nemmeno il governo nazionale. Tuttavia, diversi partecipanti hanno detto a Crux che “vedendo il clima di gioia e celebrazione, sarebbe stato uno spreco di risorse”.

Alcuni, tuttavia, si sono rammaricati del fatto che c’erano pochissime forze di polizia stradale per assicurarsi che chi camminava fosse al sicuro dal traffico, e in molti casi le auto potevano essere viste tra la folla.

La città di Buenos Aires è governata da Horacio Larreta, che appartiene al partito del presidente Mauricio Macri, che l’anno scorso ha permesso al Congresso di discutere la legalizzazione dell’aborto per la prima volta in un decennio.

Secondo Carolina Brown, una delle organizzatrici del rally di sabato, c’era “uno spirito palpabile di festa, di gioia, con le famiglie che si radunavano insieme, così come una presenza travolgente di giovani”.

Quest’ultimo aspetto, ha detto, non è accaduto l’anno scorso, ma “vedere che i giovani sono quelli che dovranno continuare a lottare, vederli uscire [per strade] numerosi, unirsi agli amici, è un motivo di speranza”.

Durante la “stagione della marcia”, Brown ha un ruolo chiave: fare in modo che la gente per strada venga a conoscenza dell’evento, visto lo scarso sostegno dei principali media argentini, e il fatto che non tutti hanno accesso ai social media.

“Ma l’Argentina, culturalmente, è a favore della vita, quindi quando siamo in strada con i fazzoletti azzurri che rappresentano il movimento a favore della vita, molti si avvicinano a noi, ci chiedono informazioni, chiedono un fazzoletto per se stessi”, ha detto a Crux domenica.

Secondo Brown, il discorso e l’atteggiamento dei gruppi a favore dell’aborto nel paese “ci aiutano molto” perché “l’Argentina è a favore della vita”.

“Sono molto grata, come argentina, della risposta alla convocazione ricevuta, e anche del paese a cui appartengo: il popolo argentino si sta esprimendo in difesa della vita”, ha detto.

Le immagini dei diversi raduni in tutto il paese mostrano persone con cartelli che chiedono allo stato di “salvarle entrambi”, persone che affermano di essere “agnostici, di sinistra, pro-vita”, “con l’aborto non ti voterò”, “generazione pro-vita” e “lesbiche per la vita”.

In diverse condizioni e forme, il raduno si svolge ogni anno dal 1998, quando il paese ha dichiarato il 25 marzo Giorno del Bambino Non Nato, ma la partecipazione e la visibilità è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi due anni, dopo il forte sforzo per legalizzare l’aborto.

L’aborto oggi è illegale in Argentina, anche se c’è un protocollo adottato da alcuni stati che  ne permette la pratica quando la gravidanza è il risultato di uno stupro, o la vita della madre è a rischio.

Secondo Alejando Geyer, uno degli organizzatori del rally, l’evento si è svolto quest’anno per tre motivi: “Il diritto di tutti di nascere, il diritto delle famiglie di educare i propri figli senza ideologia del gender, e la necessità di sensibilizzare sul fatto che nel nostro paese, soprattutto in questo anno di elezioni, definiamo il futuro del paese, della famiglia e di milioni di bambini non ancora nati”.

 

Fonte: Crux Now

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email