Un ex nunzio apostolico in Germania, l’arcivescovo Erwin Josef Ender, ha dichiarato di essere “allarmato” dal “cammino sinodale” dei vescovi tedeschi, che cerca di “reinventare” la Chiesa piuttosto che di realizzare un autentico rinnovamento.

Il teto dell’arcivescovo Ender è stato pubblicato su Die Tagespost, e tradotto da Martin Bürger su Lifesitenews. Eccolo in italiano nella mia traduzione. 

 

Cattedrale di Monaco di Baviera

Cattedrale di Monaco di Baviera (foto Wikipedia)

 

Nelle letture dell’Antico Testamento, ci imbattiamo spesso nel lamento: “Ancora una volta gli Israeliti hanno fatto il male agli occhi del Signore” (Giudici 13:1). Incontriamo anche le reazioni dei profeti su questo. Essi denunciano il male e invocano con veemenza il pentimento e la conversione. A mia conoscenza, non c’è un solo profeta che abbia rimproverato a Dio l’abisso tra le norme divine e il comportamento umano, come se Dio avesse perso il passo con i tempi che si muovono e i desideri degli uomini. Al giorno d’oggi, questa sembrerebbe una tendenza prevalente, quando si evidenzia l’evidente incompatibilità tra lo stile di vita, i desideri e le esigenze delle persone “moderne” e gli insegnamenti morali della Chiesa.

Noto con stupore che, tra le accese discussioni sul “Cammino sinodale” in Germania, quasi nessuno propone una spiegazione diversa e più plausibile della disaffezione tra l’uomo d’oggi e la Chiesa. Perché non sono Dio e la Chiesa che hanno preso le distanze dall’uomo. Al contrario – come nell’Antica Alleanza – le persone si sono allontanate dalla Chiesa e da Dio e si sono sempre più alienate da Lui. Stanno voltando le spalle alla Chiesa in massa e scappando da essa. Sempre più persone vivono come se Dio non esistesse. Per questo motivo, la chiamata di Dio in Paradiso all’uomo che era caduto nel peccato e stava fuggendo è tanto attuale oggi quanto lo era all’inizio: “Adamo, dove sei?” (Genesi 3,9).

 

Chi parla ancora oggi di conversione?

 

In quella prima mattina di Pasqua, Cristo istruì i Suoi Apostoli, e quindi tutti i loro futuri successori, con le parole: “Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi!” (Giovanni 20, 21). E suo Padre lo ha mandato, come Egli stesso dichiara espressamente, “a cercare e a salvare ciò che è perduto” (Luca 19,10). Pertanto, il primo e più importante ruolo dei nostri pastori è quello di farsi ascoltare e di farsi notare, sia nella Chiesa che nel mondo di oggi, quando chiamano e cercano coloro che fuggono e si allontanano. Essi hanno il compito di inseguire coloro che fuggono, non per affermare il falso cammino che hanno intrapreso, ma per incoraggiarli a pentirsi e a ritornare al gregge. Non è allora stupefacente che oggi questo appello alla conversione non sia quasi più sentito? “Pentitevi e credete nel Vangelo!” Così ha dichiarato il Signore lo scopo della sua missione all’inizio del suo ministero pubblico.

È con gioia che sto leggendo di nuovo i documenti più importanti dell’ultimo Concilio. Questi scritti stabiliscono e riassumono ciò che la Chiesa ha autorevolmente proclamato di se stessa e sul mondo nel corso dei suoi duemila anni di storia, nella Sacra Scrittura, nei suoi Santi, maestri e concili, e che cerca di rendere fecondo per il nostro presente. Non sono passati nemmeno sessant’anni da quando sono state fatte queste autentiche e autorevoli dichiarazioni della Chiesa su se stessa e sulla sua missione nel mondo di oggi. Eppure, queste dichiarazioni del Concilio non sono quasi più riconosciute.

Se si dovesse credere ad alcune notizie dei media, allora una “rivoluzione” del tipo come la Riforma (di Lutero, ndr) è imminente. Senza alcuna considerazione per le fonti autentiche della fede e della rivelazione, cioè la Scrittura e la Tradizione, la Chiesa dovrebbe reinventare se stessa, per così dire. Ho letto le bozze per i quattro forum del “Cammino sinodale” e sono allarmato dalla direzione che la discussione sembra prendere. Sembra che la Scrittura e la Tradizione siano state spodestate e che il loro posto sia stato preso dalla cosiddetta teologia “moderna” e dalle scienze umane. Ciò non ha alcuna somiglianza con la prospettiva di fede dei testi conciliari. È un po’ come guardare la vetrata di una chiesa dall’esterno invece che dall’interno; di conseguenza, ciò che viene rappresentato e il suo significato è difficilmente comprensibile. La bozza per il “Forum sulla sessualità” mi ricorda la dichiarazione di un alto rappresentante del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK), che ha espresso parole in tal senso: Roma dovrebbe tacere per un periodo di tempo, poi saremo in grado di produrre un insegnamento morale accettabile sulle questioni sessuali.

 

Il monito dell’apostolo e il movimento studentesco tedesco del 1968

 

San Paolo emette un avvertimento nella sua lettera ai Romani: “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà.” (Romani 12,2). Se la Parola di Dio significa ancora qualcosa per noi, questo dovrebbe essere l’obiettivo primario di ogni processo di rinnovamento – non per adeguarsi al mondo, ma prima di tutto per rinnovare se stessi, il proprio modo di pensare e di agire nello spirito di Gesù Cristo. Non può essere semplicemente ascoltare ciò che la gente spera o pretende dalla Chiesa, ma prima di tutto esaminare e riconoscere ciò che Dio si aspetta da noi, dalla Chiesa e dall’umanità. La volontà di Dio, e non ciò che il “mondo” e le persone che lo compongono trovano piacevole e desiderabile, è il “gold standard” per il rinnovamento – ciò che è “buono e accettabile e perfetto” agli occhi di Dio!

Tuttavia, ho l’impressione che nel frattempo lo “spirito del 1968” abbia trovato la sua strada tra le fila della Chiesa e che ora rivendichi qui i diritti di insediamento. Tutto deve essere messo in discussione, poi riformulato e adattato come si ritiene opportuno. Nelle dichiarazioni e nelle notizie sulla Chiesa in Germania, bisogna cercare in alto e in basso per trovare qualcuno che abbia il coraggio di confrontarsi apertamente, con un approccio critico e di livello, con la tendenza diffusa di “critica severa alla Chiesa”, che purtroppo spesso trova spesso applausi apprezzabili da parte di molti. È stato un laico, a me sconosciuto, a dare questo buon consiglio in un articolo della Kna (agenzia di stampa ufficiale cattolica in Germania): non si dovrebbe dire qualcosa di negativo sulla Chiesa senza dire anche qualcosa di positivo.

Il volto della Chiesa è stato sfigurato dai casi di abuso che sono stati giustamente deplorati e vanno condannati. Tuttavia, sono convinto che molti di coloro che si uniscono con gioia e applaudono le critiche ormai largamente accettate alla Chiesa siano in parte da biasimare per la sua cattiva immagine ai nostri giorni: tra le loro fila ci sono alcuni teologi, sacerdoti e persino vescovi.

Proprio di recente, una “pubblicazione della Chiesa” ha attirato l’attenzione dei lettori – sotto il titolo, ben visibile e suggestivo, “Severa critica alla Chiesa”, accompagnato da un ritratto dell’autore – su un libro appena pubblicato da uno dei suoi stessi sacerdoti. L’articolo non ha trascurato di informare i lettori su dove esattamente il libro poteva essere acquistato e quanto costava. Più si critica “severamente” la Chiesa, più grande è la piattaforma che si trova nei media, anche in alcuni punti vendita gestiti dalla Chiesa. E mentre ogni opportunità disponibile viene sfruttata per raccontare in dettaglio le richieste e le campagne del movimento “Maria 2.0” (movimento progressista delle donne cattoliche, ndr), il movimento “Maria 1.0” è considerato come difficilmente degno di un breve commento. Anche durante le Messe, le prediche che riversano derisione e malizia sulle cosiddette “autorità” ecclesiali sono accolte con elogi e applausi; a differenza di alcune omelie che meritano davvero un tale sostegno.

 

Il coraggio di riconoscere l’Uomo dei Dolori

 

Con un tale comportamento, stiamo danneggiando soprattutto noi stessi e la Chiesa. Non dobbiamo quindi stupirci quando sempre più persone voltano le spalle alla Chiesa, che, da quando è stata fondata, è sempre stata inevitabilmente fatta di santità e di peccato allo stesso tempo (“casta mereterix”). In lei il grano e le erbacce crescono insieme fino al raccolto. Oggi si ha l’impressione che noi stessi non siamo convinti dalla “nostra” Chiesa e non siamo disposti a stare al suo fianco. Questo mi ricorda Cristo, davanti a Pilato. Anche i suoi stessi amici lo avevano abbandonato (anzi, alcuni di quelli che avevano più responsabilità). Non riconoscono più il Re nascosto sotto le piaghe della flagellazione e la corona di spine. Non hanno più il coraggio di professare la fede in Lui e di difenderlo, anche come umiliato e sfigurato Uomo dei Dolori. E anche la sprezzante domanda di Pilato: “Che cos’è la verità?” (Giovanni 18,38) è spesso pronunciato da molti oggi.

 

Le questioni strutturali non ispirano gioia nella fede

 

Anche le “riforme strutturali” ben intenzionate non potranno guarire questo trattamento denigratorio e distruttivo della Chiesa, se gli sforzi di riforma non partiranno dalle basi stesse della fede. Per questo considero più onesto e promettente il progetto alternativo per il “Cammino sinodale” proposto dai vescovi di Colonia e di Ratisbona. Questa proposta era stata presentata come un percorso nuovo e quindi “alternativo”, ma purtroppo è stata respinta dalla maggioranza dei vescovi.

Solo chi trova Cristo nella Chiesa e vi incontra Dio può anche vivere con la Chiesa, amarla e partecipare alla sua formazione. Pertanto, la priorità principale di ogni vero rinnovamento deve essere quella di scoprire e testimoniare, con una fede nuova e gioiosa, la presenza di Cristo nella sua Chiesa. Prima di lamentarsi di coloro che hanno deciso di smettere di pagare la loro tassa ecclesiastica, ponendo così fine alla loro appartenenza alla Chiesa, tutta l’attenzione deve essere rivolta a coloro la cui fede è decaduta e che non hanno partecipato alla Messa per un tempo considerevole (90 per cento), né hanno preso parte alla vita generale della Chiesa, perché si sono allontanati da lei.

Se Cristo non significa più nulla per una persona, semplicemente eviteranno di avere a che fare con la Chiesa e andranno per la loro strada. I cambiamenti strutturali predominanti nella vita della Chiesa difficilmente saranno sufficienti a motivare e incoraggiare qualcuno a riscoprire la propria fede e l’amore per Dio nella Chiesa e a viverla di nuovo. La fede viene dall’ascolto e non dal dibattito, dalla critica e dalla scrittura di programmi. Per questo motivo l’annuncio della Buona Novella, una testimonianza di fede tangibile e attiva, una evangelizzazione convincente in parole e azioni, è l’unica via provata per entrare nel cuore delle persone.

 

Sfondo:

 

In un atto storico, Papa Francesco ha fatto appello in una lettera a tutti i cattolici in Germania. Il motivo della sua lettera, pubblicata il 29 giugno 2019, è stato il “Cammino sinodale” della Chiesa cattolica. Alla luce dell'”erosione” e del “deterioramento della fede” in Germania, il Papa ha chiesto con forza la conversione e l’evangelizzazione e, allo stesso tempo, ha esortato all’unità con la Chiesa universale. Il Santo Padre ha affermato nella lettera che l’annuncio della fede è il primo e intrinseco ruolo della Chiesa, e questo deve essere anche lo scopo del “cammino sinodale”.

Invece di concentrarsi su questioni strutturali, il Papa chiede che l’evangelizzazione abbia la massima priorità nella vita della Chiesa. Come Benedetto XVI, anche Francesco avverte il pericolo della secolarizzazione nella Chiesa. “Senza una vita nuova e uno spirito autentico ispirato dal Vangelo”, e senza “la fedeltà della Chiesa alla propria vocazione”, ogni riforma strutturale sarebbe rapidamente rovinata, ha detto il Pontefice.

La lettera del Papa ha suscitato reazioni contrastanti da parte della Chiesa cattolica in Germania. Per esempio, a seguito della lettera, ci sono state richieste di un riavvio del “Cammino sinodale”. La strada era stata impostata nella direzione sbagliata, si lamentava il vescovo Rudolf Voderholzer di Ratisbona. Tuttavia, i responsabili della Conferenza episcopale e della ZdK (la influente associazione dei laici tedeschi che, insieme ai vescovi, sta portando avanti il sinodo, ndr) si sono sentiti incoraggiati dalla lettera del Papa a procedere ulteriormente sul “Cammino sinodale”. Infine, l’arcivescovo di Colonia, il cardinale Woelki, e il vescovo Voderholzer di Ratisbona hanno presentato una bozza alternativa agli articoli del “Cammino sinodale”.

La bozza alternativa ha sottolineato il primato della nuova evangelizzazione, l’osservanza del “sensus ecclesiae” e la considerazione dell’unità con la Chiesa universale, al fine di soddisfare le esigenze della lettera del Papa. In agosto, in una riunione del Consiglio permanente, i vescovi tedeschi hanno votato il progetto alternativo. 21 hanno votato contro, tre vescovi hanno votato a favore e altri tre si sono astenuti.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1