L’arcivescovo emerito di Philadelphia, Charles J. Chaput, ha parlato contro l’immoralità sessuale e il movimento transgender su Tucker Carlson Today di Fox News la scorsa settimana, definendo il transgenderismo “la ribellione finale contro Dio”.

Ne parla Raymond Wolfe nel suo articolo pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione. 

 

mons. Charles Chaput, arcivescovo di Philadelphia
mons. Charles Chaput, arcivescovo emerito di Philadelphia

 

L’arcivescovo emerito di Philadelphia, Charles J. Chaput, ha parlato contro l’immoralità sessuale e il movimento transgender su Tucker Carlson Today di Fox News la scorsa settimana, definendo il transgenderismo “la ribellione finale contro Dio”.

L’arcivescovo recentemente andato in pensione, nominato all’arcidiocesi di Filadelfia da Papa Benedetto XVI nel 2011, ha collegato i tentativi di “cambio di sesso” con il “peccato fondamentale” dell’idolatria in un’intervista con Tucker Carlson venerdì. “Sapete che i cattolici parlano del peccato originale, altre comunità cristiane parlano del peccato di Adamo ed Eva, che era quello di voler essere come Dio. Non volevano che Dio dicesse loro cosa fare. Volevano fare a modo loro”, ha detto.

“Invece di dare a Dio ciò che gli spetta, si dà a qualcun altro o a qualcos’altro ciò che appartiene a Dio”, ha continuato. “Questo si chiama idolatria. È un peccato fondamentale. È il peccato più pericoloso e ci ha portato su questa strada di fare di noi stessi il centro della creazione”.

Alla domanda sul desiderio delle persone di assumere il ruolo di Dio, l’arcivescovo ha detto: “Penso che le questioni di genere oggi siano il primo esempio di questo, dove non siamo nemmeno soddisfatti del corpo con cui siamo nati, che pensiamo di avere il potere di diventare qualcosa che non siamo stati creati, che io posso diventare una donna o una donna può diventare un uomo.”

“Questo è qualcosa che Dio fa, non qualcosa che noi facciamo, ma in qualche modo questa è la ribellione finale contro Dio”, ha aggiunto Chaput.

Ha anche discusso la rivoluzione sessuale, descrivendola come un’altra “grande ribellione” contro il creatore e un contributo diretto alle patologie sessuali e di genere come il transgenderismo. “Sapete, la rivoluzione sessuale è stata una grande ribellione contro Dio”, ha detto. “Era una ribellione contro il modo in cui Dio ha fatto i nostri corpi e il modo in cui Dio ha creato la sessualità umana, ma ora siamo arrivati al punto in cui pensiamo addirittura che dovremmo avere il controllo sul tipo di esseri umani che siamo”.

L’arcivescovo Chaput si unisce a un crescente coro di prelati americani che denunciano le ideologie LGBT e di genere negli ultimi mesi. A maggio, l’arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco ha condannato quella che ha definito la tendenza “terribile” e “molto allarmante” dei minori che vengono castrati chimicamente o addirittura mutilati chirurgicamente a causa della disforia di genere.

“Ci sono così tante prove scientifiche del danno che questo fa ai bambini, dando loro dei bloccanti della pubertà, e non solo in termini di sviluppo sessuale, ma anche in altri modi, [e] in altri aspetti della salute fisica”, ha detto al Daily Caller. “Penso che sia il prossimo passo per allontanarsi sempre di più dall’ordine originale creato di ‘maschio e femmina li creò'”.

“Una persona non può cambiare il suo sesso”, ha osservato il vescovo Earl Boyea di Lansing, Michigan, in una politica promulgata all’inizio di quest’anno. “La persona umana è un’unione corpo-anima, e il corpo – creato maschio o femmina – è un aspetto costitutivo della persona umana”.

“Le procedure, gli interventi chirurgici e le terapie progettate per assistere una persona nella ‘transizione’ del suo sesso sono moralmente proibiti”, aggiunge la politica, che fa eco a quella pubblicata dal vescovo Thomas Paprocki di Springfield, Illinois.

I commenti dell’arcivescovo Chaput a Tucker Carlson arrivano anche mentre il movimento LGBT e i suoi sostenitori, compresi alcuni cattolici dissidenti, aumentano la propaganda del mese dell'”orgoglio” – molto di esso sessualmente esplicito e rivolto direttamente ai bambini. Più di una dozzina di spettacoli televisivi per bambini hanno iniziato a spacciare contenuti di “orgoglio” LGBT, come Blue’s Clues and You di Nickelodeon, che ha rilasciato un video con una vera drag queen la scorsa settimana.

Sia il Vaticano che la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) hanno denunciato l’ideologia gender e il transgenderismo, la USCCB evidenziando in particolare i rischi che l’ideologia comporta per i bambini. “I bambini sono particolarmente danneggiati quando viene detto loro che possono ‘cambiare’ il loro sesso o, inoltre, dato ormoni che influenzeranno il loro sviluppo e forse li renderanno sterili da adulti”, si legge in una lettera aperta firmata dalla USCCB nel 2017.

Un’ulteriore guida sulle questioni transgender da parte dei vescovi è attualmente “in lavorazione”, ha detto l’arcivescovo Cordileone al Daily Caller il mese scorso.

 

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1