La seguente intervista con l’arcivescovo Charles J. Chaput di Filadelfia è stata condotta il 16 ottobre da Adam Sosnowski e sarà rilasciata in Polonia il 24 ottobre dalla rivista cattolica polacca Miesięcznik Wpis (wydawnictwo Biały Kruk). Chaput ci parla del terreno e delle sfide che i cristiani devono affrontare nella società odierna.

Eccola nella mia traduzione.

 

Arciv. Charles J. Chaput al Sinodo dei giovani (foto via CWR)

Arciv. Charles J. Chaput al Sinodo dei giovani (foto via CWR)

 

BIALY KRUK:  Qual è la ragione della diminuzione della fede nel mondo occidentale? Cosa può fare la Chiesa al riguardo?

ARCIVESCOVO CHAPUT:  Non c’è una sola ragione del declino. Molti fattori diversi hanno plasmato il problema.

Le due guerre mondiali, l’ascesa di ideologie omicide come il comunismo e il nazionalsocialismo, l’immensa barbarie e la perdita di vite umane a partire dal 1914 – tutti questi traumi hanno ferito profondamente la psiche occidentale. L’orgoglio dell’inizio del XX secolo ha prodotto la disperazione che abbiamo all’inizio del XXI secolo. Nascondiamo quella disperazione sotto una coltre di rumore, distrazione e appetiti dei consumatori. Ma è molto reale. L’idea di un Dio amorevole sembra oggi implausibile per molte persone non per qualcosa di malvagio che Dio ha fatto, ma per il male che noi stessi abbiamo fatto senza che Dio ci abbia fermato.

Augusto Del Noce, il filosofo italiano, ha descritto al meglio la nostra situazione nel suo saggio “Civiltà tecnologica e cristianesimo“. Vale la pena leggerlo. Come “postmoderni”, abbiamo cercato di superare la nostra disperazione con la scienza e la tecnologia, ed esse producono molte cose buone. Ma ci focalizzano anche radicalmente su questo mondo e lontano dal soprannaturale. Di conseguenza, la dimensione religiosa dell’uomo, il nostro senso del trascendente, si asciuga lentamente e scompare. La civiltà tecnologica non perseguita la religione, almeno non direttamente. Non ha bisogno di farlo. Rende Dio irrilevante.

La Chiesa sopravviverà e continuerà la sua missione. Ma per farlo, deve prima di tutto riconoscere che la cultura che ha contribuito a creare ora non ha alcuna utilità per lei – e perché. Come Chiesa, non vediamo ancora la realtà in modo sufficientemente chiaro e critico. Ad esempio, l’Instrumentum Laboris (IL) dell’attuale Sinodo parla dei giovani e degli effetti dei social media e del “continente digitale”. Ma non ha alcuna conoscenza delle dinamiche più profonde della tecnologia che Del Noce chiama.

L’Instrumentum Laboris è una raccolta di dati densi di scienze sociali con pochissimo zelo evangelico. Parla costantemente di accompagnamento, che è importante, ma non ha quasi nessun insegnamento sicuro di sé. Non può e non convertirà nessuno. Speriamo che i padri sinodali risolvano questo problema.

La Chiesa come dovrebbe gestire l’attuale crisi degli abusi? – Qual è la condizione della Chiesa negli Stati Uniti in questo momento? – Quanto danno è stato fatto con il recente scandalo che ha coinvolto il cardinale McCarrick?

La Chiesa negli Stati Uniti è ancora forte rispetto alla vita cattolica di quasi tutti gli altri Paesi “sviluppati”. Abbiamo buone risorse, molti buoni giovani sacerdoti e leader laici, vigorosi movimenti di rinnovamento, e molte parrocchie fiorenti. Ma stiamo perdendo i giovani. Questa è una grande sfida per il futuro. Lo scandalo scatenato dall’arcivescovo McCarrick ha fatto grandi danni, soprattutto alla credibilità dei vescovi. L’unico modo per rimediare a tutto ciò è essere assolutamente trasparenti e onesti sulla portata del problema degli abusi e sui nostri sforzi per affrontarlo.

Quanta verità c’è nelle accuse dell’arcivescovo Vigano?

È una questione che la Santa Sede deve affrontare. È al di sopra della mia area di responsabilità e al di là delle mie conoscenze.

L’eredità di san Giovanni Paolo II è ancora viva nella Chiesa? È ricordato negli Stati Uniti? Abbiamo bisogno di questo patrimonio?

L’eredità di Giovanni Paolo II è molto viva negli Stati Uniti. La sua visita a Denver e la Giornata Mondiale della Gioventù nel 1993 hanno plasmato la fede di un’intera generazione. Alcune delle sue encicliche sono capolavori dell’intelletto e della fede. Abbiamo bisogno del suo tipo di cristianesimo – una combinazione di coraggio, zelo per Gesù Cristo, intelligenza rigorosa e fede sincera – ora più che mai.

L’impegno di Karol Wojtyla per la dignità umana, per il non ancora nato e la sacralità di tutta la vita, e la sua Teologia del corpo – tutte queste cose risuonano ancora profondamente nei cattolici americani.

Come si può contrastare l’anticlericalismo presente nella cultura di oggi e nei media? Che cosa dovrebbe fare la Chiesa al riguardo? Che dire dei laici?

L’unico modo per contrastarlo è vivere diversamente, praticando ciò che diciamo di credere. Non c’è una soluzione rapida. Siamo una famiglia di fede, non una General Motors religiosa, e dobbiamo comportarci come tale. I sacerdoti, per esempio, non sono piccole divinità. Sono peccatori come tutti gli altri. Siamo tutti uguali – laici, religiosi e clero – nel sacramento del Battesimo. Ma, come in ogni famiglia, abbiamo tutti compiti diversi. I sacerdoti hanno il dovere di pascere e insegnare, di servire i bisogni del loro popolo, di guidare come pastori e, soprattutto, di celebrare l’Eucaristia e gli altri sacramenti. Il collante che tiene insieme tutta l’impresa è l’amore. Se non ci rispettiamo e non ci amiamo a vicenda, e lo dimostriamo con il nostro comportamento, tutto va in pezzi.

Che cosa potrebbe cambiare il Sinodo nella dottrina della Chiesa o nell’interpretazione della dottrina?

Nessun sinodo ha l’autorità di cambiare il nucleo degli insegnamenti cristiani, così come nessun Papa. In materia di interpretazione, la lotta non dichiarata del sinodo del 2018 ruota intorno alla morale sessuale cattolica. Come ha detto una giovane donna ministro della gioventù: Sotto tutti i dati e la verbosità delle scienze sociali, l’Instrumentum Laboris è alla fine, molto tranquillamente, sul sesso. È particolarmente strano che la parola “castità” non appaia quasi da nessuna parte nel testo dell’Instrumentum Laboris. La Humanae vitae e la Teologia del corpo (di San Giovanni Paolo II, ndr) sono completamente assenti.

Il Sinodo avrebbe dovuto essere annullato?

Penso che il momento fosse inopportuno. Probabilmente sarebbe stato saggio rinviarlo per una data successiva, ma il Santo Padre prende queste decisioni. La pianificazione di un Sinodo è molto complicata e difficile da cambiare.

È davvero necessario affrontare la questione LGBT al Sinodo e menzionarla nei documenti ufficiali?

Non c’è niente di sbagliato nell’affrontare la questione. Al contrario, è un argomento naturale di discussione – purché l’insegnamento cattolico sulla sessualità umana sia spiegato fedelmente e riconfermato senza compromessi o ambiguità. Ed è proprio qui che gli elementi dell’Instrumentum Laboris sono purtroppo deboli. “Il termine “LGBT” non dovrebbe mai essere usato in un documento della Chiesa per descrivere le persone. La Chiesa non ha mai identificato persone in base al loro appetito sessuale, né le ha ridotte alle loro inclinazioni sessuali. L’acronimo “LBGT” può essere accettabile nel descrivere i problemi, ma non le persone.

La comprensione tradizionale della famiglia è sottoposta a pesanti attacchi. Come si presenta la situazione negli Stati Uniti? Quale ruolo gioca l’ideologia del gender in questo contesto?

Qui mi riferirò a Del Noce: L’ideologia del gender è semplicemente un’espressione della mentalità tecnologica e della sua tendenza a trattare tutta la materia, compreso il corpo, come materia prima per la volontà umana. Presume una definizione di “persona umana” molto diversa da qualsiasi cosa nella fede cristiana. L’ideologia del gender tratta il corpo come uno strumento da aggiornare, o argilla da manipolare. Al contrario, la fede cristiana vede il corpo, non come una specie di “wetware” o capsula di argilla, ma come parte integrante ed essenziale di chi noi siamo. Dio si è fatto uomo per redimere la carne umana, non per renderla priva di significato.

La famiglia, per sua natura, è carnale e fertile. Un uomo e una donna diventano una sola carne. La nuova vita è generata. E’ bella, misteriosa, ma non è efficiente.

Al centro dell’ideologia del gender è il risentimento della debolezza e dei limiti del corpo. Al centro degli attacchi di oggi sulla famiglia c’è l’odio per la reciproca dipendenza che le famiglie richiedono e l’amore all’interno di una famiglia che la sigilla come un’unità. Alla fine, tutte le aberrazioni e le disfunzioni sessuali di oggi si riducono a un rifiuto della creazione; per l’ordine naturale così com’è.

Questo è il terreno e la sfida che i cristiani affrontano oggi negli Stati Uniti.

 

Fonte: The Catholic World Report

 

Facebook Comments
1