Un’arcidiocesi texana vuole diventare un fornitore di affido, ma solo se può essere esente dall’aderire alle leggi federali contro le discriminazioni anti-LGBT. Un articolo dello staff della Associated Press nella traduzione di Riccardo Zenobi. 

Daniel-DiNardo-Arcivescovo-di-Galveston-Houston
Daniel DiNardo Arcivescovo di Galveston-Houston

 

Un’arcidiocesi texana vuole diventare un fornitore di affido, ma solo se può essere esentata dall’aderire alle leggi federali contro le discriminazioni anti-LGBT.

L’arcidiocesi di Galveston-Houston sta unendosi all’ufficio del procuratore generale del Texas e al dipartimento per la famiglia e servizi protettivi nello sfidare le leggi che proibiscono le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale di una persona, sulla sua identità sessuale ed altre caratteristiche, come riporta lo Houston Chronicle.

“L’arcidiocesi può provvedere servizi di affido in accordo con le sue sincere credenze nella dottrina cattolica e nell’insegnamento sociale”, ha detto la causa intentata il 31 ottobre. “In tal modo, l’arcidiocesi non può provvedere studi domestici e certificazioni per coabitanti non sposati o coppie omosessuali sposate”.

Il Texas ha una lunga storia di carenza di posti di affido che ha costretto alcuni bambini a dormire in uffici statali la notte.

Gli avvocati del welfare per bambini avvertono che la causa può ridurre la già scarsa presenza di affidatari.

“Quando chiudi completamente la porta a molte buone persone perché sono genitori omosessuali o single, non si sta incrementando una capacità, è ridurre la capacità a certi gruppi”, ha detto Will Francis, il direttore esecutivo del National Association of Social Workers Texas Chapter.

Né il procuratore generale Ken Paxton né il DFPS hanno risposto alla richiesta giornalistica per commenti riguardanti la causa.

Il giorno dopo che la causa fu intentata, il dipartimento federale della salute e dei servizi umani ha rivelato i suoi piani di riscrivere una legge antidiscriminazioni dell’era Obama per permettere servizi di adozioni basati sulla fede e agenzie di adozione che escludano genitori LGBT.

La causa è l’ultimo attacco sulla libertà religiosa e la protezione contro le discriminazioni nel Texas.

Jonah Dycus, un portavoce dell’arcidiocesi – che è rappresentata dal Becket Fund per la libertà religiosa con sede a Washington D.C. – ha detto che la causa non vuole escludere nessuno, comprese le coppie LGBT, dal diventare affidatari.

“L’unico obiettivo dell’arcidiocesi nell’unirsi alla causa legale del Texas è di espandere il numero dei genitori e affidatari disponibili ad aiutare i bambini a trovare case amorevoli”, ha affermato Dycus in una dichiarazione scritta. “Per questo scopo, speriamo che questa causa rimuova una grande barriera che sta tenendo le organizzazioni religiose al di fuori degli affidamenti e possa invece permettere al Texas di prendere un approccio ‘tutti gli aiuti possibili’ per gli affidi e la regolamentazione delle adozioni”.

Non è chiaro come l’ufficio del procuratore generale ha formato una relazione con l’arcidiocesi. Nick Reaves, consigliere al Becket Fund for Religious Liberty, ha rifiutato di commentare come è avvenuto.

 

_______________________________

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

Facebook Comments
image_print
1