Si teme che il clero ceda alle influenze anti-familiari dopo che è stato rilasciato un nuovo certificato di battesimo a una drag queen “transgender” e che il giornale dell’arcidiocesi ha pubblicato articoli che sembrano promuovere l’ideologia femminista, l’inseminazione artificiale e il punto di vista favorevole all’aborto.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Matthew Cullinan Hoffman e pubblicato su Catholic News Agency. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Copertina del giornale diocesano di Guadalajara
Copertina del giornale diocesano di Guadalajara “Semanario”

 

Un drag queen “transgender” da uomo a donna della città di Guadalajara, in Messico, ha ricevuto un nuovo certificato di battesimo che afferma la sua identità femminile percipita, con l’approvazione di un funzionario dell’arcidiocesi cattolica della città.

Il rilascio del certificato di battesimo all’inizio di febbraio è stato seguito, settimane dopo, da due articoli che affermavano l’ideologia “transgender” nel giornale dell’arcidiocesi, che ha dato agli articoli il titolo in prima pagina e ha mostrato il volto di un uomo con il rossetto.

In seguito alle proteste di sacerdoti e laici cattolici, il certificato di battesimo è stato ritirato e gli articoli sono stati rimossi dalla circolazione dalle autorità arcidiocesane. Ma gli incidenti hanno provocato una grande costernazione tra i fedeli di Guadalajara riguardo alla direzione dell’arcidiocesi.

Negli ultimi anni, oltre agli articoli che promuovono il transgenderismo, il giornale arcidiocesano Semanario ha pubblicato anche articoli che sembrano promuovere l’ideologia femminista, l’inseminazione artificiale e persino il punto di vista pro-aborto. Il cardinale arcivescovo di Guadalajara, Francisco Robles Ortega, negli ultimi anni ha pubblicamente appoggiato il riconoscimento legale delle unioni omosessuali, contraddicendo il decreto vaticano del 2003 sull’argomento.

Gli incidenti sono particolarmente degni di nota alla luce della forte identità cattolica di Guadalajara. L’arcidiocesi è storicamente legata alla lotta Cristero degli anni ’20 e ’30, in cui i cattolici messicani hanno combattuto il governo per proteggere il diritto al culto e all’educazione cattolica e per fermare l’imposizione di programmi perversi di educazione sessuale nelle scuole locali. Inoltre, si ritiene che Guadalajara ospiti il maggior numero di seminaristi cattolici dell’emisfero occidentale.

La controversia è scoppiata nel contesto di un movimento LGBT sempre più potente in Messico, che ha ottenuto una legislazione che consente alle persone “transgender” di cambiare i loro certificati di nascita per riflettere la loro dichiarata “identità di genere”. I leader pro-famiglia in Messico sono ora stati citati in giudizio con successo per “violenza politica” per essersi riferiti alle “donne” transgender secondo il loro vero sesso biologico.

 

La drag queen è “figlia legittima” dei suoi genitori, dice il certificato di battesimo

Il certificato di nascita transgender, pubblicato sulla pagina Facebook del destinatario, contiene il suo nuovo nome legale, cambiato da “Carlos Alejandro Rea Cano” a “Wendy Nayeli Rea Cano”, e si riferisce a lui come a una donna.

“Il 6 settembre 1987, padre Emilio Gutierrez ha battezzato solennemente Wendy Nayeli Rea Cano”, si legge nel certificato rilasciato il 3 febbraio, che definisce Rea Cano “la figlia legittima” dei suoi genitori.

Rea Cano, che si esibisce come drag queen nel nightclub “VIP Cabaret” di Guadalajara e in altri locali, afferma di aver affrontato un iter di nove mesi presso gli uffici dell’arcidiocesi prima di ricevere l’approvazione per la modifica del suo certificato di battesimo, mettendo in dubbio le affermazioni secondo cui le alte cariche non erano a conoscenza del caso o del suo esito finale.

“Dopo nove mesi ho finalmente ottenuto il riconoscimento della mia identità da parte dell’arcidiocesi di Guadalajara e le relative modifiche ai miei documenti ecclesiastici”, ha scritto Rea Cano sulla sua pagina Facebook il 3 febbraio.

“Oggi dedico questo grande passo a tutti coloro che non hanno ricevuto la dignità e il riconoscimento della loro identità quando sono morti e a coloro che in questi anni di lotta mi hanno accompagnato direttamente o indirettamente”, ha aggiunto.

Alcune settimane dopo che Rea Cano aveva pubblicato un’immagine del certificato di battesimo sulla sua pagina Facebook, e in seguito a numerose richieste di informazioni da parte di sacerdoti locali, il cancelliere dell’arcidiocesi ha rilasciato una dichiarazione privata ad alti funzionari che prende le distanze dall’arcivescovo e afferma che il documento non ha il “sostegno” dell’ufficio del cancelliere.

Nel messaggio registrato inviato ai vicari episcopali dell’arcidiocesi e ottenuto da Catholic World Report (CWR), il cancelliere arcidiocesano padre Javier Magdaleno Cueva ha attribuito la decisione di rilasciare il certificato di battesimo al vicario generale dell’arcidiocesi, padre Jesús García Zamora, che è secondo in autorità all’arcivescovo stesso.

Notando che era stato contattato da sacerdoti interessati al certificato di battesimo, Magdaleno ha affermato che il suo ufficio si era opposto al suo rilascio. Ha anche negato che l’arcivescovo abbia dato la sua approvazione e ha aggiunto che il documento non sarebbe stato “supportato” dall’ufficio di Magdaleno, che è incaricato di autenticare i documenti diocesani.

Rivolgendosi ai “vicari episcopali”, Magdaleno Cueva ha dichiarato: “Voglio specificare che ciò che appare nel documento non è stato ordinato dall’arcivescovo. Non ho dato alcuna istruzione in tal senso. Al contrario, la decisione opposta è stata data alla consultazione”.

“Non so quali siano le ragioni per cui è stato presentato questo documento. Solo i documenti firmati da me sono vincolanti. Pertanto, questa, forse, buona intenzione del Vicario Generale, o questa esagerazione in un caso straordinario, non può contare sull’appoggio della cancelleria”.

Tuttavia, una prova fotografica ottenuta da Catholic World Report mostra che l’autorizzazione al rilascio del certificato di battesimo è stata data su una carta intestata “Cancilleria”, che è l’ufficio di Magdaleno Cueva. Il documento chiede a padre Jose Luis Carrillo Vazquez, parroco di Rea Cano presso la parrocchia San Onofre di Guadalajara, di “far coincidere la documentazione” con il certificato di nascita modificato di Rea Cano, che è stato cambiato nel 2016 per riflettere il suo nuovo nome e “genere”.

“Per far coincidere la documentazione [del certificato di nascita] … si prega di inserire nel margine inferiore [del certificato di battesimo originale]: ‘Secondo il documento ufficiale rilasciato a Città del Messico il 4 ottobre 2016 … che il nome è Wendy Nayeli Rea Cano, e il nome della madre è María de los Ángeles Cano Ramirez'”, si legge nella lettera, che aggiunge: “Su richiesta della parte interessata maschile (femminile), può essere rilasciata una copia del certificato con le nuove informazioni”.

Il documento è firmato su una carta intestata “Arcidiocesi di Guadalajara” e sotto di essa “Cancillería”, un termine che in Messico è usato per indicare specificamente l’ufficio del Cancelliere. Tuttavia, è firmato da padre Josúe Zuñiga Rubio, una delle cinque persone elencate sul sito web dell’arcidiocesi come “funzionario” dell’arcidiocesi, e non dal Cancelliere stesso.

In una breve intervista rilasciata a Catholic World Report, il vicario episcopale padre Jesús García Zamora ha ammesso di aver preso la decisione di inserire una nota a piè di pagina nell’atto di battesimo di Rea Cano per segnalare il nuovo nome legale di Rea Cano, ma ha affermato che il permesso di emettere un nuovo certificato è stato un mero “errore amministrativo” e che l’arcivescovo non lo sapeva. Il prelato, che ha i poteri di un ordinario dell’arcidiocesi, non ha spiegato come sia potuta accadere una cosa del genere dopo un processo durato nove mesi. Ha aggiunto che il certificato di battesimo è stato annullato.

Nella sua dichiarazione registrata, diffusa da un collega sacerdote, padre Carrillo Vazquez ha raccontato di aver chiamato gli uffici dell’arcidiocesi per confermare che era stato dato l’ordine di rilasciare il nuovo certificato di battesimo. Ha dichiarato di aver parlato con il funzionario che lo aveva firmato, ricevendo da lui una conferma verbale diretta della validità dell’ordine.

“Legalmente non è più un uomo, giusto? Legalmente”, ha detto padre Carrillo. “Non so se l’abbia autorizzato il Vicario Generale, o [il Cancelliere] Magdaleno, o uno dei vescovi ausiliari”.

Don Carrillo ha anche affermato di aver parlato della questione con uno dei vescovi ausiliari dopo le preoccupazioni sollevate dai colleghi sacerdoti, che gli ha detto di aver “fatto la cosa giusta” obbedendo all’ordine, ma che l’arcivescovo voleva aspettare una decisione sulla questione da parte della Conferenza episcopale messicana prima di rilasciare altri certificati di battesimo di questo tipo.

Il vescovo ausiliare avrebbe anche affermato che l’arcivescovo avrebbe emesso una “circolare” per affrontare la questione. Ad oggi, non è stata emessa alcuna circolare e l’arcivescovo non ha rilasciato alcuna dichiarazione pubblica sulla questione.

Rea Cano ha inizialmente dichiarato a CWR che, sebbene abbia rimosso il documento e i riferimenti ad esso dalla sua pagina Facebook, non è stato ritirato dall’arcidiocesi. In seguito ha modificato la sua affermazione e ha detto a CWR che il suo certificato di battesimo continua a essere “in lavorazione” al momento. Al momento rifiuta interviste sull’argomento.

 

Il giornale dell’arcidiocesi promuove l’ideologia transgender con un titolo in prima pagina

Il rilascio del certificato di battesimo è stato seguito, diverse settimane dopo, da due articoli di insegnamento dell’ideologia gender pubblicati sul giornale arcidiocesano Semanario. Gli articoli sono stati pubblicati come titolo in prima pagina, accanto a una grande immagine di un uomo con il rossetto.

“Il sesso è l’aspetto biologico: il corpo fisico, gli organi sessuali”, spiega uno degli articoli. Al contrario, il genere è il corpo emotivo: il senso interno di ciò che si è”. Il rapporto tra sesso e genere è ciò che definisce una persona come trans o cisgender”.

L’articolo dichiara ai lettori che “Un cervello che si riconosce con un genere che non coincide con la sua biologia, il sesso del corpo, è un cervello con una variazione. La variazione nel cervello di una persona Trans e Gender Diverse non è una patologia. Nel 2015, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto che essere trans non è una malattia, né ha bisogno di una cura”.

L’articolo avverte i genitori che “per quanto riguarda i minori trans e gender diversity, la Commissione nazionale per i diritti umani riconosce il loro diritto all’identità [di genere] e a vivere in condizioni di benessere e di sano sviluppo integrale. Ciò significa che genitori e insegnanti hanno l’obbligo di accompagnarli nel processo di autoriconoscimento”.

L’articolo ha suscitato le proteste di molti fedeli di Guadalajara e dell’arcivescovo emerito, il cardinale Juan Sandoval Íñiguez, che aveva fondato il giornale durante il suo mandato nel 1997. Sandoval Íñiguez ha pubblicato un video in cui condanna l’ideologia transgender come “perversa” e gli articoli come “offesa” alla Chiesa cattolica.

“Come vescovo impegnato nella verità del Vangelo, e ministro del Vangelo perché sono un vescovo, devo chiarire che questo articolo è un insulto, è un’offesa e fa causa comune con i nemici della Chiesa e della vita umana”, ha detto Sandoval.

In seguito al clamore suscitato, il comitato editoriale ha ritirato dalla circolazione il numero incriminato e un rappresentante ha letto una dichiarazione scritta in un video sulla pagina Facebook della pubblicazione, scusandosi per il fatto che “alcuni settori” del laicato cattolico si erano offesi per gli articoli e sottolineando che la Chiesa cattolica condanna l’ideologia transgender.

La pubblicazione non ha fornito alcuna spiegazione su come tali articoli potessero apparire in un giornale cattolico, e non è apparsa alcuna ritrattazione nel giornale stesso, ma nel numero successivo sono apparsi nuovi articoli che criticavano l’ideologia gender da una prospettiva cattolica. Ad essi non è stato dato lo stesso risalto degli articoli pro-transgender, ricevendo una menzione minore in fondo alla prima pagina.

Molti cattolici locali non sono stati convinti dalla risposta. Hanno risposto con indignazione e scetticismo alla pubblicazione del video di scuse sulla pagina Facebook della testata, inviando in pochi giorni oltre 100 risposte, quasi tutte negative.

“Questo chiarimento non è forte. In nessuna parte dell’edizione di quel giorno è apparso un disaccordo [con l’ideologia di genere] che si afferma nel video. Mi sembra che non si sia trattato di un errore… e non è la prima volta”, ha scritto un commentatore. Un altro ha scritto che gli articoli erano un “deplorevole errore dal cuore del territorio di Cristero”, aggiungendo che è “molto vergognoso che l’abbiano pubblicato”.

“Dov’è il Cardinale????? Perché tace?”, ha scritto un altro.

I critici hanno espresso la preoccupazione che gli articoli rappresentino una tendenza delle edizioni degli ultimi anni. In un numero recente, quasi un’intera pagina è stata creata per esporre la posizione pro-aborto. Nel marzo del 2021, diversi articoli parlavano positivamente della fecondazione artificiale, trattandola come una gamma di opzioni. Un intero numero della pubblicazione, all’inizio di marzo di quest’anno, è stato dedicato alla promozione dell’ideologia femminista presso i lettori.

Nella sua “edizione speciale” che promuoveva il femminismo, che sembra essere stata pubblicata il 5 marzo per coincidere con le marce della “Giornata internazionale della donna” che regolarmente includono vandalismi e aggressioni fisiche contro le chiese cattoliche in tutta l’America Latina, Semanario affermava in un editoriale non firmato: “Mi dispiace se noi donne abbiamo causato disagio con le nostre grida, le nostre proteste, i nostri graffiti, le nostre manifestazioni, ma non staremo in silenzio, non possiamo fare un passo indietro né rimanere chiuse nelle nostre case dove ci violentano e uccidono. Non possiamo stare in silenzio e no, non possiamo essere ‘più gentili'”.

Secondo Alejandra Ramirez, docente di bioetica presso il Centro studi e ricerche di bioetica di Guadalajara, sostenere che questi atti siano accidentali non regge dopo tanti episodi simili.

Nel corso del tempo, l’arcidiocesi di Guadalajara ha permesso un gran numero di articoli, che alcuni qualificano come “politicamente corretti”, che provengono da persone che non conoscono la vera dottrina cattolica, ma sono in chiara opposizione ad essa”, ha detto Ramirez a CWR.

La scusa del “è stato solo un errore” di fronte a vari articoli è diventata normale ed è diventata un modo per evitare ogni responsabilità”, ha aggiunto. “Il loro silenzio riguardo ai vari articoli pubblicati su Semanario è biasimevole, perché, consciamente o inconsciamente, hanno danneggiato altri, in questo caso tutti i fedeli che seguono fedelmente le istruzioni e i consigli dei loro pastori”.

Matthew Cullinan Hoffman

 

 

Matthew Cullinan Hoffman è un saggista e giornalista cattolico, autore e traduttore di The Book of Gomorrah and St. Peter Damian’s Struggle Against Ecclesiastical Corruption (2015). I suoi pluripremiati articoli sono apparsi sul Wall Street Journal, sul London Sunday Times, sul Catholic World Report, su LifeSite News, su Crisis, sul National Catholic Register e su molte altre pubblicazioni. Ha conseguito un master in filosofia presso il Holy Apostles College and Seminary, con specializzazione in tomismo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments