Ecco il discorso che Amy Coney Barrett ha tenuto dinanzi alla Commissione del Senato per l’audizione di conferma a giudice della Corte Suprema su proposta del Presidente Donald Trump. 

Quello che colpisce è che una delle menti più brillanti nel campo della legge degli Stati Uniti, dinanzi ad una commissione del Senato, inizi parlando dell’importanza della famiglia, della fede, ed esprima poi chiaramente quale sia la sua posizione dinanzi alla amministrazione della giustizia. Un discorso da leggere con attenzione, che vi propongo nella mia traduzione da Lifesitenews. 

 

(se il video qui sotto non si carica, fare il refresh di questa pagina o cliccare qui)

 

Presidente Graham, Membro di Rango Feinstein e Membri del Comitato: Sono onorata e emozionata di presentarmi davanti a voi come candidata alla Corte Suprema.

Ringrazio il Presidente per avermi affidato questa profonda responsabilità e per la cortesia che lui e la First Lady hanno dimostrato verso la mia famiglia durante tutto questo processo.

(… Dopo altri ringraziamenti di rito Amy Coney Barrett prosegue): 

Come ho detto quando sono stata nominata giudice, sono abituata a far parte di un gruppo di nove membri della mia famiglia. Niente è più importante per me, e sono così orgogliosa di averli alle spalle [che mi ascoltano].

Io e mio marito Jesse siamo sposati da 21 anni. È stato un partner altruista e meraviglioso ad ogni passo del cammino. Una volta ho chiesto a mia sorella: “Perché la gente dice che il matrimonio è difficile? Io penso che sia facile”. Lei disse: “Forse dovresti chiedere a Jesse se è d’accordo”. Decisi di non seguire il suo consiglio. So di essere molto più fortunata in amore di quanto io meriti.

Jesse ed io siamo i genitori di sette figli meravigliosi. Emma è una studentessa del secondo anno di college che potrebbe seguire i suoi genitori nella carriera di avvocato. Vivian è venuta da noi da Haiti (la bambina adottata, ndr). Quando è arrivata, era così debole che ci è stato detto che non avrebbe mai potuto camminare o parlare normalmente. Ora si solleva da terra tanto quanto gli atleti maschi della nostra palestra, e vi assicuro che non ha problemi a parlare. Tess ha 16 anni e, pur condividendo l’amore dei suoi genitori per le arti liberali, ha anche un gene matematico che sembra aver saltato la generazione dei suoi genitori. John Peter (JP, l’altro bambino adottato, ndr) si è unito a noi poco dopo il devastante terremoto di Haiti, e Jesse, che lo ha riportato a casa, descrive ancora lo shock sul volto di JP quando è sceso dall’aereo in inverno a Chicago. Una volta che lo shock è passato, JP ha assunto quell’atteggiamento di spensieratezza che è ancora il suo tratto distintivo. Liam è intelligente, forte e gentile e, per nostra gioia, ama ancora guardare film con mamma e papà. Juliet, dieci anni, sta già perseguendo il suo obiettivo di diventare un’autrice scrivendo diversi saggi e racconti, tra cui uno che ha recentemente presentato per la pubblicazione. E il nostro giovane Benjamin, che ha la sindrome di Down, è il preferito all’unanimità della famiglia.

(…)

I miei genitori, Mike e Linda Coney, mi stanno guardando dalla loro casa di New Orleans. Mio padre era un avvocato e mia madre un’insegnante, il che spiega come sia finita a fare il professore di diritto. Ancora più importante, i miei genitori hanno modellato per me e per i miei sei fratelli una vita di servizio, di principio, di fede e di amore. Ricordo che mi preparavo per una gara di spelling contro un ragazzo della mia classe. Per aumentare la mia fiducia, papà cantava: “Tutto ciò che i ragazzi possono fare, le ragazze lo possono fare meglio”. Almeno per come la ricordo io, ho sillabato la mia strada verso la vittoria.

Ho ricevuto un incoraggiamento simile dai devoti insegnanti della St. Mary’s Dominican, il mio liceo femminile di New Orleans. Quando sono andata al college, non mi è mai venuto in mente che qualcuno potesse considerare le ragazze meno capaci dei ragazzi. Durante il mio primo anno, ho frequentato un corso di letteratura con studenti di inglese di livello superiore. Quando ho fatto la mia prima presentazione su Colazione da Tiffany, temevo di aver fallito. Ma il mio professore mi ha riempito di fiducia, è diventato un mentore e, quando mi sono laureata in inglese, mi ha dato la collezione di opere di Truman Capote. 

Sebbene considerassi gli studi di laurea in inglese, ho deciso che la mia passione per le parole fosse più adatta a decifrare la legge che non i romanzi. Sono stata fortunata ad avere dei meravigliosi mentori legali, in particolare i giudici per i quali ho lavorato. Il leggendario giudice Laurence Silberman del circuito di Washington mi ha dato il mio primo incarico nel campo della legge e continua a insegnarmi ancora oggi. È stato al mio fianco durante l’udienza e l’investitura del Settimo Circuito, e ora mi sta sostenendo dal suo salotto.

Ho anche fatto l’assistente per il giudice Scalia e, come molti studenti di legge, mi sembrava di conoscere la giustizia prima di incontrarlo, perché avevo letto molte delle sue colorate e accessibili opinioni. Più che lo stile dei suoi scritti, però, è stato il contenuto del ragionamento del giudice Scalia a plasmarmi.

La sua filosofia giudiziaria era chiara: Il giudice deve applicare la legge come è scritta, non come il giudice vuole che sia. A volte questo approccio significava raggiungere risultati che non gli piacevano. Ma come ha detto in una dei suoi giudizi più conosciuti, Ma come ha detto in una delle sue opinioni più note, questo è ciò che significa dire che abbiamo un governo di leggi, non di uomini.

Il giudice Scalia mi ha insegnato più che la legge. Era devoto alla sua famiglia, risoluto nelle sue convinzioni e senza aver paura delle critiche. E mentre intraprendevo la mia carriera di avvocato, ho deciso di mantenere la stessa prospettiva. Nella nostra professione c’è la tendenza a trattare l’esercizio della professione forense come un’attività pervasiva, perdendo di vista tutto il resto. Ma questo rende la vita superficiale e insoddisfacente. Ho lavorato duramente come avvocato e come professore; lo dovevo ai miei clienti, ai miei studenti e a me stesso. Ma non ho mai lasciato che la legge definisse la mia identità, né che togliesse spazio al resto della mia vita.

Un principio simile vale anche per il ruolo dei tribunali. I tribunali hanno la responsabilità vitale di far rispettare lo stato di diritto, che è fondamentale per una società libera. Ma i tribunali non sono progettati per risolvere ogni problema o correggere ogni torto nella nostra vita pubblica. Le decisioni politiche e i giudizi di valore del governo devono essere presi dai rami politici eletti dal popolo e responsabili di fronte al popolo. Il pubblico non dovrebbe aspettarsi che lo facciano i tribunali, e i tribunali non dovrebbero provare a farlo.

Questo è l’approccio che ho cercato di seguire come giudice del Settimo Circuito. In ogni caso, ho considerato attentamente le argomentazioni presentate dalle parti, ho discusso le questioni con i miei colleghi in tribunale, e ho fatto del mio meglio per raggiungere il risultato richiesto dalla legge, qualunque siano le mie preferenze. Cerco di tenere presente che, mentre il mio tribunale decide migliaia di casi all’anno, ogni caso è il più importante per le parti coinvolte. Dopotutto, i casi non sono come la legge, che spesso è fatta per i loro autori. I casi sono nominati per le parti che nel mondo reale guadagnano o perdono, spesso attraverso la loro libertà o il loro sostentamento.

Quando scrivo una sentenza che risolve un caso, leggo ogni parola dal punto di vista della parte perdente. Mi chiedo come giudicherei la decisione se uno dei miei figli fosse la parte contro cui mi pronuncio: Anche se il risultato non mi piacerebbe, capirei che la decisione è abbastanza motivata e fondata sulla legge? Questo è lo standard che mi pongo in ogni caso, ed è lo standard che seguirò finché sarò giudice in qualsiasi tribunale.

Quando il Presidente ha offerto questa nomina, sono stata profondamente onorata. Ma non era una posizione che avevo cercato, e ho riflettuto attentamente prima di accettare. Il processo di conferma – e il lavoro di servire la Corte se venissi confermata – richiede dei sacrifici, in particolare da parte della mia famiglia. Ho scelto di accettare la nomina perché credo profondamente nello stato di diritto e nel posto della Corte Suprema nella nostra Nazione. Credo che gli americani di qualsiasi origine meritino una Corte Suprema indipendente che interpreti la nostra Costituzione e le nostre leggi così come sono scritte. E credo di poter servire il mio Paese svolgendo questo ruolo.

Mi presento a questa Commissione con umiltà riguardo alla responsabilità che mi è stata chiesta di assumermi, e con apprezzamento per coloro che mi hanno preceduto. Avevo nove anni quando Sandra Day O’Connor è diventata la prima donna a sedere in questa sede. È stata un modello di grazia e dignità per tutto il suo illustre mandato nella Corte. Quando avevo 21 anni e avevo appena iniziato la mia carriera, Ruth Bader Ginsburg si è seduta in questo seggio. Disse alla Commissione: “Quello che è successo a me potrebbe accadere solo in America.”. Sono stata nominata per occupare il seggio del giudice Ginsburg, ma nessuno prenderà mai il suo posto. Le sarò per sempre grata per il cammino che ha segnato e per la vita che ha condotto.

Se confermata, sarebbe l’onore di una vita intera servire al fianco del Presidente della Corte Suprema e di sette Giudici associati. Li ammiro tutti e considererei ciascuno di loro un valido collega. E potrei portare alla corte qualche nuova prospettiva. Come il Presidente ha notato quando ha annunciato la mia nomina, sarei la prima madre di bambini in età scolare a prestare servizio nella Corte. Sarei la prima giudice ad entrare in Tribunale dal Settimo Circuito in 45 anni. E sarei l’unico giudice in carica che non ha frequentato la facoltà di legge ad Harvard o a Yale. Sono sicura che Notre Dame terrà duro, e forse potrei anche insegnar loro un paio di cose sul calcio.

Come nota finale, signor Presidente, vorrei ringraziare i molti americani di tutti i ceti sociali che mi hanno raggiunta con messaggi di sostegno nel corso della mia nomina. Credo nel potere della preghiera, ed è stato edificante sentire che così tante persone stanno pregando per me. Non vedo l’ora di rispondere alle domande della Commissione nei prossimi giorni. E se avrò la fortuna di essere confermata, mi impegno a svolgere fedelmente e con imparzialità i miei doveri nei confronti del popolo americano come giudice associato della Corte Suprema. Grazie.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1