Oggi arriva in Italia Xi Jinping, presidente della Cina. Si vocifera, tra conferme e smentite, di un possibile incontro tra Papa Francesco e Xi. Per intanto, l’ambasciatore americano itinerante per la Libertà Religiosa Internazionale ci ricorda che l‘accordo del Vaticano con la Cina sulla nomina dei vescovi non ha cambiato il maltrattamento effettuato dal governo nei confronti dei cattolici e crea un cattivo precedente per interferenze governative con altre religioni, tra cui il buddismo tibetano.

Di seguito un articolo dello staff del Catholic News Agency, nella mia traduzione.

Xi Jinping, presidente della Cina

Xi Jinping, presidente della Cina

 

L’accordo del Vaticano con la Cina sulla nomina dei vescovi non ha cambiato il maltrattamento effettuato dal governo nei confronti dei cattolici e crea un cattivo precedente per interferenze governative con altre religioni, tra cui il buddismo tibetano, ha detto l’ambasciatore americano itinerante per la Libertà Religiosa Internazionale.

Da quando questo accordo provvisorio è stato annunciato l’anno scorso, il governo cinese ha continuato a maltrattare i membri delle comunità cattoliche. Non vediamo segni di cambiamento nel prossimo futuro”, ha detto l’Ambasciatore Sam Brownback l’8 marzo al Foreign Correspondents Club di Hong Kong, Cina.

Il suo discorso è stato parte di un forum di due giorni sulla libertà religiosa, sponsorizzato congiuntamente da Taiwan e dagli Stati Uniti, come riporta l’Agence France Presse.

Le autorità della provincia di Henan hanno vietato ai minori di 18 anni di andare in chiesa per assistere alla Messa, ha detto. In tutta la Cina nell’ultimo anno, i funzionari governativi hanno forzatamente chiuso centinaia di chiese non registrate, sia chiese protestanti che comunità cattoliche “sotterranee”, ha detto Brownback.  Ha aggiunto che i funzionari della provincia dello Zhejiang stanno distruggendo croci e chiese e spingendo i cristiani a rinunciare alla loro fede.

Decine di posizioni vescovili cattoliche non sono attualmente occupate (sono vacanti, ndr).

A settembre la Chiesa cattolica ha raggiunto un accordo provvisorio con il governo cinese sulle nomine vescovili, che consentirebbe all’Associazione patriottica cattolica cinese (associazione di fedeli cattolici, dove i sacerdoti e vescovi sono nominati dal Governo, ndr) di scegliere una lista di candidati a vescovo.

“Pertanto, il potere di selezionare i leader della Chiesa cattolica in Cina spetta in parte al Partito comunista cinese, il che probabilmente porta a presentare al Vaticano solo persone che il Partito ritiene fedeli ai suoi interessi”, ha detto Brownback.

“I membri della comunità cattolica, come il cardinale Joseph Zen di Hong Kong, che qui i membri dell’udienza conoscono, si sono opposti coraggiosamente e con veemenza a questo accordo”, ha detto l’ambasciatore.

Il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, ha respinto ogni rappresentazione dell’accordo come “sacrificio unilaterale” che non richiede nulla ai leader da tempo associati all’organizzazione cattolica ufficiale cinese.

“Non si tratta di stabilire chi vince o chi perde, chi ha ragione o torto”, ha detto al quotidiano vaticano L’Osservatore Romano, esprimendo la speranza di non sentir parlare di situazioni locali in cui i funzionari cinesi sfruttano l’accordo per andare oltre i suoi termini.

Brownback ha detto che il governo cinese “continua a violare il sacro diritto alla libertà religiosa che è nella sua Costituzione e che è anche sancito dalla Dichiarazione dei diritti umani delle Nazioni Unite”.  Ha citato la designazione da parte degli Stati Uniti della Cina come un “Paese di particolare preoccupazione” dal 1999 a causa del suo impegno o tolleranza per “violazioni particolarmente gravi della libertà religiosa”.

Il suo discorso ha ricevuto una risposta dal Ministero degli Esteri cinese, che lo ha definito un “attacco malevolo e calunnia alle politiche religiose della Cina”, riporta l’Agence France Presse. Il ministero ha aggiunto: “chiediamo agli Stati Uniti di rispettare i fatti, fermare l’arroganza e il pregiudizio e smettere di usare le questioni religiose per interferire negli affari interni della Cina”.

“Rimaniamo preoccupati per il precedente che questo accordo stabilisce per l’autorità percepita del Partito Comunista Cinese nell’interferire nella selezione di altri leader religiosi, come gli eminenti lama buddisti tibetani come Sua Santità il Dalai Lama”, ha detto Brownback.

L’ingerenza del governo cinese nella successione dei leader spirituali tibetani include il rapimento nel 1995 dell’11° Panchen Lama, allora di sei anni, e dei suoi genitori. Non si sa se sia ancora vivo.

Chiediamo al governo cinese di rilasciare immediatamente il Panchen Lama riconosciuto dai tibetani o di condividere con il mondo la verità sul suo destino”, ha detto Brownback. “Non accettiamo la spiegazione spesso ripetuta del governo cinese che sta studiando e non vuole essere disturbato”.

“La comunità internazionale deve chiarire ora che crediamo che i membri delle comunità tibetane, come i membri di tutte le comunità religiose, dovrebbero essere in grado di selezionare, educare e venerare i loro leader religiosi senza interferenze governative”, ha detto.

Brownback ha citato l’interferenza aggressiva nelle pratiche buddiste tibetane e nella cultura tibetana. Le restrizioni governative nei confronti dei monaci e dei laici ostacolano i pellegrinaggi. Le autorità nominano i comunisti ai capi dei monasteri e vietano ai bambini di svolgere attività religiose. Migliaia di monaci e suore buddisti sono stati sfrattati e i loro monasteri abbattuti.  Monaci e monache sono costretti a rieducarsi politicamente secondo l’ideologia statale e a denunciare il Dalai Lama.

Il governo vieta l’immagine del Dalai Lama e dei suoi insegnamenti, e arresta coloro che lo venerano apertamente, ha detto l’ambasciatore, che ha aggiunto che questi fatti indicano che il governo cinese probabilmente interferirà con la selezione del prossimo Dalai Lama.

Il governo cinese ha anche aumentato la repressione di altri cristiani, compresa la detenzione di centinaia di membri della più grande chiesa protestante, la Early Rain Covenant Church a Chengdu, nella provincia del Sichuan. Dodici persone sono ancora detenute e non si sa dove si trovino.

Il Venerdì Santo del 2018, i funzionari hanno iniziato a far rispettare il divieto di vendita online della Bibbia.

Brownback ha criticato gli sforzi per controllare “innumerevoli” gruppi religiosi, spesso lungo linee etniche, attraverso “regolamenti di affari religiosi”.  Questi, oltre a “la distruzione dei luoghi di culto, l’imprigionamento illegale dei leader religiosi, e azioni per mettere a tacere spietatamente qualsiasi forma di dissenso costruttivo“, dimostrano il disprezzo del governo cinese per la dignità umana, l’ambasciatore incaricato.

Anche il trattamento riservato dalla Cina ai musulmani uiguri nella regione autonoma dell’estremo ovest dello Xinjiang Uighur ha ricevuto critiche da Brownback, secondo cui le autorità cinesi hanno arbitrariamente detenuto minoranze musulmane nei campi di internamento per pratiche come avere la barba, indossare un velo, partecipare alle funzioni religiose, osservare il Ramadan o pregare. I viaggi sono limitati e i genitori non possono dare ai loro figli nomi comuni musulmani.

Più di un milione di cittadini di etnia musulmana sono stati arrestati, secondo i dati dell’ONU.

L’ambasciatore ha respinto le affermazioni del governo cinese secondo cui i campi sono centri di formazione professionale, con l’accusa che si tratta di “campi di internamento creati per cancellare l’identità culturale e religiosa delle comunità minoritarie”. L’internamento è spesso basato sull’identità culturale o religiosa. La detenzione è a tempo indeterminato, e gli internati sono sottoposti a “torture fisiche e psicologiche, indottrinamento politico intenso e lavori forzati”, ha accusato.

Ha anche menzionato il Falun Gong, dicendo che i suoi praticanti sono detenuti a migliaia, con alcuni torturati.  Almeno 69 praticanti sono morti in custodia o a causa di lesioni subite in custodia nel 2018, secondo le stime del gruppo. Il gruppo ha affrontato l’azione del governo per oltre 20 anni. Alcuni operatori sembrano scomparsi.

Brownback ha citato le accuse secondo cui il governo cinese preleva con la forza organi da persone imprigionate a causa della loro fede o pratica religiosa, anche nel caso dei praticanti del Falun Gong e dei musulmani uiguri.

Gli Stati Uniti sostengono “la libertà religiosa per tutti”, ha detto Brownback al suo pubblico, e sta perseguendo “un sogno semplice ma importante: che un giorno tutti i popoli del mondo saranno in grado di adorare liberamente e credere ciò che vogliono, proprio come a Hong Kong”.

L’accordo Vaticano-Cina, firmato il 22 settembre 2018, è ancora di natura confidenziale. Ma come uno degli effetti dell’accordo, la Santa Sede ha riconosciuto sette vescovi cinesi consacrati illegalmente e ha affidato loro la guida delle diocesi cinesi.

Al momento tutti i vescovi cinesi hanno il riconoscimento sia del governo che della Santa Sede. Dal momento dell’accordo, non sono stati ancora nominati nuovi vescovi in Cina.

 

Fointe: Catholic News Agency

Facebook Comments
image_print
1