E’ incredibile la differenza tra le parole dette ieri all’Incontro Mondiale delle Famiglie dal gesuita padre James Martin (qui) e quelle dette da mons. Charles Pope che vi riporto in questo suo intervento. Dopo aver letto mons. Charles Pope capirete perché siamo arrivati a questo livello e perché sia stato concesso di parlare ad un meeting delle famiglie proprio a padre Martin e non, ad esempio, a Courage.  

Di seguito l’articolo di mons. Pope nella mia traduzione.

Foto: mons. Charles Pope

Foto: mons. Charles Pope

C’è una frase negli Atti degli Apostoli che un tempo trovavo umoristica: così la parola di Dio continuò a diffondersi, e il numero dei discepoli a Gerusalemme continuò a crescere rapidamente. Anche un gran numero di sacerdoti divenne obbediente alla fede. (Atti 6,7) Naturalmente i sacerdoti a cui qui si fa riferimento sono i sacerdoti dell’antico Tempio, i sacerdoti levitici. In passato, tale linea sembrava ironicamente divertente per il cattolico medio che l’ascoltava.

Ma quell’umorismo, nei giorni scorsi, sembra più oscuramente vero e meno ironico. Infatti, negli ultimi vent’anni – e ora, ancora una volta – la reputazione del sacerdozio e dell’episcopato è stata offuscata dagli atti profondamente peccaminosi, immondi, innaturali e inconciliabili di alcuni sacerdoti e vescovi. Hanno danneggiato molte vittime e disonorato il sacerdozio. Hanno commesso grandi mali, spesso ripetutamente e senza che alcuno ne rispondesse. Ma risponderanno a Dio per quello che hanno fatto.

A ciò si aggiungano le occultazione dei fatti, i pagamenti segreti, la negligenza nel dare seguito a molte lamentele e l’apparente rifiuto di guardare alle vere radici del problema, con il risultato di un totale collasso di ogni credibilità o autorità morale di cui i vescovi e i sacerdoti hanno bisogno per poter efficacemente predicare e insegnare la fede.

So che le parole non possono davvero descrivere la rabbia, il dolore e la delusione dei nostri fedeli laici, molti dei quali hanno cercato di difendere la Chiesa, la Sposa di Cristo e la nostra Madre che amiamo.

Come sacerdote di Gesù Cristo, sono arrabbiato e costernato per il fatto che l’onorevole Sacramento dell’Ordine Santo sia stato così infangato e disonorato dalle azioni di alcuni. So di non dover dire alla maggior parte del buon popolo di Dio che la maggior parte dei sacerdoti e dei vescovi sono stati fedeli e sono servi zelanti e generosi. Fino a poco tempo fa avevo insistito sul fatto che il numero dei criminali fosse molto basso. Francamente, devo dire che, pur essendo ancora una minoranza, il numero è molto più ampio di quanto pensassi.

E mentre a volte ho voluto insistere sul fatto che la percentuale dei delinquenti è uguale o inferiore a quella di altri gruppi di uomini, devo anche dire che qualunque sia la percentuale, il crimine è molto peggio. Questo perché le persone ci affidano la cosa più preziosa e necessaria di cui hanno bisogno per la salvezza: la loro fede. Per ognuno di noi ingannare i fedeli di Dio o spogliarli della fiducia di cui hanno bisogno per raggiungere una fede più profonda è il peggior tipo di illecito. E ci sono chierici fino ai più alti livelli che hanno fatto questo, qui e in tutto il mondo. Per il clero arrivare a sedurre gli altri a peccare è un crimine orribile.

Gesù disse di coloro che non si pentono di tale seduzione e abusi: È inevitabile che vengano scandali, ma guai a colui a causa del quale vengono. È meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli”. (Luca 17:1-2)

Qualunque siano le nuove norme che alcuni vorranno suggerire, dobbiamo essere chiari sul fatto che abbiamo già una norma. Si chiama il sesto comandamento.

La norma è anche esposta in molti altri testi chiaramente formulati dalle Scritture che proibiscono atti omosessuali, adulterio, fornicazione e altre condotte scorrette: Efesini 5:5-7; Galati 5:16-21; Apocalisse 21:5-8; Apocalisse 22:14-16; Matteo 15:19-20; Matteo 5:27-30; 1 Corinzi 6:9-20; Colossesi 3:5-6; 1 Tessalonicesi 4:1-8; 1 Timoteo 1:8-11; Ebrei 13:4; Levitico 18:22; Levitico 20:13; Genesi 19; Romani 1:1-18; e 1 Timoteo 1:8-11, tra gli altri.

Il sesto comandamento è chiaro – c’è una chiamata universale alla castità, e nessuno è esente. Semplicemente non è previsto alcun rapporto sessuale o contatto sessuale al di fuori del matrimonio valido, e coloro che sono sposati vivono la castità per fedeltà totale l’uno all’altro. A nessuno è mai consentito, in nessuna circostanza, compiere atti sessuali con persone con cui non è validamente sposato. Non esistono norme distinte per gli eterosessuali e gli omosessuali. Non ci devono essere rapporti sessuali o contatti al di fuori del matrimonio valido.

E questo naturalmente porta al tema più evitato in relazione a questo scandalo – il problema dell’omosessualità attiva nel sacerdozio. Una discussione onesta su questa crisi attuale non può non affrontare il problema –  nonostante urla di omofobia, intolleranza, fanatismo e capro espiatorio.

È evidente che la grande maggioranza dei casi di abuso sessuale su minori e adulti riguarda vittime di sesso maschile. Il rapporto John Jay del 2004 (The Nature and Scope of the Problem of Sexual Abuse of Minors by Catholic Priests and Deacons in the United States), commissionato dagli stessi vescovi statunitensi, ha rilevato che l’81 per cento delle vittime era di sesso maschile e il 78 per cento di tutte le vittime era post-adolescente. Così, anche se legalmente ancora minorenni, erano sessualmente maturi in senso fisico. Così, la grande maggioranza dei casi ha riguardato l’attrazione da parte degli omosessuali per i giovani uomini che, pur essendo legalmente minorenni, erano fisicamente e sessualmente maschi maturi, non bambini piccoli. Questa non è pedofilia. È un’attrazione omosessuale. Riguardo all’abuso sessuale e alle molestie di seminaristi o sacerdoti da parte di vescovi o altro clero, ovviamente il 100% di quelle vittime erano di sesso maschile.

In sintesi, nella maggior parte dei casi si tratta di un comportamento scorretto da parte di sacerdoti con un’attrazione per persone dello stesso sesso.

Dobbiamo essere chiari sul fatto che la maggior parte delle persone con un’attrazione per lo stesso sesso non commette crimini sessuali o cerca di sedurre o abusare sessualmente dei giovani. Molte persone con attrazione per persone dello stesso sesso vivono coraggiosamente e seguono gli insegnamenti della Chiesa. Questa non è una caratterizzazione ampia di tutte le persone con attrazione omosessuale.

Ma i dati statistici dei recenti scandali mostrano un livello altamente sproporzionato di coinvolgimento omosessuale. I numeri sono ben dimostrati sia nell’esperienza che nel rapporto John Jay.

Tutto questo dimostra che i seminari e il sacerdozio non sono luoghi adatti per coloro che hanno una profonda attrazione per le persone dello stesso sesso. Non ci vuole una laurea in antropologia o psicologia per capire questo. Mettere un uomo con un’attrazione per persone dello stesso sesso in un seminario non è più consigliabile che mettere un uomo eterosessuale nel dormitorio di una donna, dove condivide le docce e i quartieri vicini con le donne. Un uomo con attrazione omosessuale si troverà ad affrontare tentazioni in tutti i contesti maschili che metterebbero alla prova i più forti.

A questo si aggiunga la possibilità che ci siano (nei seminari) altri uomini di attrazione omosessuale e abbastanza presto una sottocultura si insedierà dove le tentazioni sono feroci, e presto emergeranno compromessi e legami. Ed è ciò che abbiamo visto nella sottocultura “gay” che è dimostrabilmente esistente tra un numero significativo di chierici nella Chiesa.

Una discussione onesta sulla recente crisi deve comprendere una chiara esposizione e analisi di questi fatti. Ignorarli e tacere con la correttezza politica a questo punto è una pratica sbagliata. Dobbiamo parlarne in modo caritatevole e chiaro. Non dobbiamo permettere che accuse di intolleranza, omofobia e capro espiatorio soffochino una discussione e un’analisi franca del legame di gran parte di questo comportamento scorretto con gli omosessuali attivi, e una sottocultura tra alcuni di loro che tollera e promuove comportamenti che Dio proibisce.

Papa Francesco ha recentemente ribadito la politica che la Chiesa cattolica non può ammettere al seminario o agli ordini sacri coloro che praticano l’omosessualità, presentano tendenze omosessuali radicate o sostengono la cosiddetta “cultura gay”. Il Papa ha indicato che questi atti o tendenze radicate possono portare a scandali e compromettere la vita del seminario, così come l’uomo stesso e il suo futuro sacerdozio.

Questa storia è stata sottovalutata, probabilmente perché non si adatta alla narrazione che la stampa vuole creare riguardo a papa Francesco. Tuttavia, ogni conversazione che cerca di trovare una reale trazione o soluzioni dovrà includere la connessione all’omosessualità – non come una singola causa, ma come una causa essenziale e di grande importanza. Una discussione onesta deve includere anche l’analisi di problemi istituzionali quali la segretezza, l’irresponsabilità, l’abuso di potere e così via.

Insomma, è tempo di una conversazione veritiera, libera da correttezza politica e da argomenti proibiti. Se i nostri vescovi non sono disposti ad impegnarsi in una piena e onesta diffusione di tutte le cause, la rabbia del popolo di Dio non farà che aumentare, e la credibilità dei vescovi e della Chiesa sprofonderà da quasi zero allo zero assoluto.

La Chiesa dovrebbe essere autocorreggente, ma noi non lo siamo stati. Troppo spesso ci sono voluti uno Stato laico e minacce di azioni legali severe per costringerci a essere più responsabili interiormente. Questo ci ricorda il caso del faraone che ha dovuto rimproverare Abramo per il suo crimine di aver messo la propria moglie Sarah nell’harem per proteggersi (vedere Genesi 12:10-20). È come i marinai pagani che dovevano dire al profeta Giona di pregare Dio (Giona 1:6). È come se Gesù trovasse più fede tra i pagani che tra il suo popolo. E ora, troppo spesso, ci vogliono grandi giurie, giudici, minacce finanziarie e legali per convincerci a fare ciò che avremmo dovuto fare da sempre.

Come diceva la citazione degli Atti, anche un gran numero di sacerdoti divenne obbediente alla fede. Una volta era uno scherzo divertente per i sacerdoti. Ora, sempre più spesso, stiamo diventando l’urto maggiore di questa barzelletta. Pregate per la pulizia necessaria della casa, per un colloquio onesto su tutte le cause di questa crisi e per la purificazione che il Signore vuole per la sua Chiesa. L’episcopato, il sacerdozio e la stessa credibilità della Chiesa sono in bilico.

 

Fonte: National Catholic Register

 

Mons. Charles Pope è attualmente decano e pastore nell’Arcidiocesi di Washington, dove ha prestato servizio nel Consiglio Sacerdotale, nel Collegio dei Consulenti e nel Consiglio del Personale Sacerdotale. Oltre a pubblicare un blog quotidiano sul sito web dell’Arcidiocesi di Washington, ha scritto su riviste pastorali, condotto numerosi ritiri per sacerdoti e fedeli laici, e ha anche condotto studi biblici settimanali nel Congresso degli Stati Uniti e alla Casa Bianca. È stato nominato monsignore nel 2005.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
2.002