Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su Moon of Alabama. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

carri armati tedeschi abbattuti nella guerra in Ucraina giugno 2023
epa10683896 A handout still image taken from a handout video provided by the Russian Defence Ministry’s press service on 10 June 2023 shows German ˜Leopard-2A6™ and American BMP M2 ‘Bradley’ tanks destroyed in combat in the Zaporizhzhia region, southern Ukraine. The Russian Defense Ministry said the Russian military destroyed two columns of armored vehicles of the Armed Forces of Ukraine in the Zaporizhzhia region, including nine tanks, four of which were Leopard. EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE/HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

 

La controffensiva dell’Ucraina è fallita e non ha alcuna possibilità di vincere la guerra.

La sua migliore possibilità di sopravvivere ancora per un po’ è quella di costruire diverse nuove linee di difesa e di ritirarsi su quelle. Invece continua ad attaccare su troppi fronti con scarsi guadagni e grandi perdite.

Ieri il Presidente russo Vladimir Putin ha discusso la situazione con il suo Consiglio di Sicurezza.

Nikolai Patrushev, il segretario del Consiglio, ha riferito delle perdite ucraine:

Ad oggi, abbiamo le seguenti statistiche. Dal 4 al 21 giugno abbiamo distrutto 246 carri armati, tra cui 13 carri occidentali, oltre a 595 veicoli corazzati da combattimento e autoblindo. Di questi, abbiamo distrutto 152 veicoli da combattimento di fanteria, tra cui 59 modelli occidentali, oltre a 443 altri veicoli corazzati da combattimento. Abbiamo distrutto 279 sistemi di artiglieria da campo e mortai, tra cui 48 sistemi occidentali. Abbiamo anche distrutto 42 sistemi missilistici a lancio multiplo, 2 sistemi missilistici terra-aria, 10 caccia tattici, 4 elicotteri, 264 droni e 424 veicoli a motore.

Questi numeri sono un po’ al di sotto delle somme riportate nel mio foglio di calcolo, come indicato dal rapporto giornaliero del Ministero della Difesa russo. Credo che le somme di Patrushev siano probabilmente vecchie di quattro o cinque giorni. Patrushev indica in 13.000 il numero dei morti ucraini su tutti i fronti. Anche in questo caso è un po’ al di sotto delle mie somme e probabilmente in ritardo rispetto al tempo.

Putin chiede quindi al suo ministro della Difesa Sergei Shoigu:

Vladimir Putin: Capisco.

Signor Shoigu, sappiamo che il nemico riceverà ulteriori attrezzature occidentali. Cosa pensa il Ministero della Difesa delle minacce a questo proposito?

Sergei Shoigu: Per quanto riguarda le forniture di equipaggiamenti militari attuali e programmate, è prevista la fornitura di 250 carri armati, tra cui circa 120 Leopard e 31 Abrams, fino al 2023. Ci sono anche 95 carri armati T-72 che sono stati recuperati da tutto il mondo. Ecco cosa sappiamo delle consegne previste.

È prevista la consegna di 983 veicoli corazzati da combattimento per tutto il 2023. In totale, 822 veicoli, il grosso della spedizione, tra cui 740 modelli occidentali, arriveranno nel terzo e quarto trimestre.

In effetti, possiamo anche constatare che tutti gli arsenali accumulati dall’Unione Sovietica e dai Paesi dell’ex blocco socialista sono ormai praticamente esauriti. Lo stesso si può dire per le ex risorse ucraine.

L’intenzione è di consegnare 273 sistemi di artiglieria da 155 mm entro il 2023. Si tratta di una quantità più che doppia rispetto a quella consegnata finora.

Sembra molto, ma Shoigu fa questa valutazione:

Nel contesto delle perdite elencate da Patrushev e tenendo conto degli sviluppi precedenti, ci rendiamo conto che la quantità di armi da consegnare nel 2023 e quelle già consegnate non influiranno seriamente sul corso delle ostilità. Inoltre, la maggior parte dei veicoli corazzati e da combattimento appartiene alla generazione precedente, o addirittura a una generazione anteriore. Da un lato, le loro corazze sono deboli e inefficaci rispetto alle attrezzature moderne. Signor Presidente, non vediamo alcuna minaccia, tanto più che stiamo accumulando attivamente attrezzature di riserva e personale di servizio.

È una buona notizia. Per i russi. Per l’esercito ucraino significa che otterrà di nuovo quanto ha perso nelle ultime tre settimane, tranne l’artiglieria che è già scarsa e in futuro lo sarà ancora di più. Ma quanto durerà se l’esercito ucraino continuerà ad attaccare?

La Russia continua a espandere le proprie forze armate e sta creando nuove unità militari. Secondo Shoigu, queste hanno già ricevuto 3.786 pezzi di hardware militare e ogni giorno ricevono altre 112 unità. Presumo che questo significhi “roba che spara o guida”, cioè cannoni e veicoli blindati di ogni tipo. Non si tratta solo di materiale nuovo, ma anche di attrezzature di deposito ristrutturate e aggiornate. Ma rispetto a ciò che l’Ucraina riceverà ancora, i numeri sono semplicemente enormi.

La parte russa ha ora due possibilità. Può andare all’attacco, come fa attualmente nei pressi di Kupiansk, oppure può aspettare sulle linee attuali fino a quando l’Ucraina non avrà lanciato tutto il nuovo materiale contro di loro.

Molto probabilmente assisteremo a un mix di entrambi. La Russia potrebbe rimanere tranquilla a sud, dove ha buone posizioni, e attaccare a nord, dove le milizie ucraine tentano di fare incursioni al confine con la Russia. Un’ampia zona di sicurezza in quella zona porrebbe fine a questa assurdità.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments