È “chiaro” che le leggi americane che tutelano la vita, che limitano la fame, lo smembramento e l’avvelenamento degli esseri umani non ancora nati sono una “tortura”, secondo Kate Gilmore, vice alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Ecco un articolo di Claire Chretien nella mia traduzione.

Alto Commissario delegato delle Nazioni Unite per i diritti umani Kate Gilmore

Alto Commissario delegato delle Nazioni Unite per i diritti umani Kate Gilmore

 

È “chiaro” che le leggi americane che limitano la fame, lo smembramento e l’avvelenamento degli esseri umani non ancora nati sono una “tortura”, secondo Kate Gilmore, vice alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

“Non l’abbiamo chiamato allo stesso modo in cui abbiamo altre forme di odio estremista, ma questa è violenza di genere contro le donne, senza dubbio”, ha detto Gilmore a The Guardian, lamentando la recente legislazione a favore della vita in alcuni Stati Uniti e il rifiuto dell’amministrazione Trump a sostenere l’aborto all’estero.

“È chiaro che si tratta di tortura – è una privazione del diritto alla salute”, ha detto.

I gruppi a favore della vita “[ignorano] le prove nel loro perseguimento di obiettivi ideologici”, il giornale inglese ha riassunto quanto stava dicendo Gilmore. Gilmore ha anche affermato che le leggi a favore della vita sono “un attacco alla verità, alla scienza[,] e ai valori e alle norme universali”.

È una realtà scientifica che al momento del concepimento, chiamato anche fecondazione, inizia ad esistere un essere umano vivo, distinto e intero.

Gli Stati Uniti non hanno una legge federale che limita l’aborto tardivo, anche se alcuni stati lo limitano. Abortisti come Leroy Carhart, Warren Hern e Curtis Wayne abortiscono regolarmente i bambini del terzo trimestre che provano dolore e potrebbero sopravvivere al di fuori dell’utero. Quest’anno, stati come quello di New York e l’Illinois si sono mossi per sancire nelle loro leggi un “diritto” fondamentale all’aborto.

Nel gennaio 2019, il governatore della Virginia Ralph Northam ha difeso l’infanticidio dei bambini nati vivi dopo un aborto fallito. I Democratici della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno ripetutamente bloccato la votazione su una legge che richiede ai medici di fornire le stesse cure mediche a un bambino che sopravvive all’aborto come farebbero con qualsiasi altro bambino della stessa età. Il governatore della Carolina del Nord ha posto il veto a una legge statale con lo stesso requisito.

Il Commissario [dell’ONU] Gilmore ha anche affermato che “le giovani donne e le donne delle minoranze …. sono davvero sotto tiro” a causa delle leggi a favore della vita. La metafora di Gilmore contrasta con la situazione dei bambini non ancora nati, che non si trovano in senso figurato, ma letteralmente sotto una serie di armi non da fuoco, tra cui macchine di aspirazione ad alta potenza, pinze per tirare via gli arti e aghi contenenti droghe che inducono l’infarto.

Video sotto copertura del Centro per il progresso medico hanno mostrato i dipendenti di Planned Parenthood, uno dei più grandi centri per aborti al mondo, che discutono su come consegnare i bambini abortiti intatti in modo che le loro parti del corpo possano essere raccolte, ammettendo che il lavoro che fanno è “uccidere”, lamentandosi di quanto “difficile” sia strappare un feto, e lamentando che non viene dato loro un posto per discutere sulle “teste che si bloccano e che non possiamo uscire.

Una abortista, la dottoressa DeShawn Taylor, ha scherzato con coloro che stavano investigando di nascosto dicendo che ha bisogno di “andare in palestra” prima di commettere alcuni aborti perché “ci vuole più forza” per smembrare un bambino che non è stato prima ucciso da un’iniezione di digossina.

Il mio bicipite apprezza” quando il farmaco che provoca l’infarto [nel bambino] funziona, ha detto.

Prima di essere nominato vice alto commissario dell’ONU per i diritti umani, Gilmore ha lavorato per Amnesty International e per il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, due entità a favore dell’aborto.

 

Fonte: LifeSiteNews

 

Facebook Comments
image_print
1