L’altro ieri siamo stati colpiti ed abbiamo fatto alcuni commenti (qui) sulle parole alquanto discutibili dette dal card. Farrell, prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita riguardo la non credibilità dei sacerdoti a causa della loro mancanza di esperienza. Sacerdoti, teologi e operatori pastorali laici hanno sollevato critiche al cardinale.

Riprendo ampi stralci di un articolo scritto da Ed Condon ieri sul Catholic News Agency (CNA).

Eccoli nella mia traduzione.

Foto: card. KEVIN FARRELL (sulla sinistra) per la preparazione Incontro Mondiale delle Famiglie 2018

Foto: card. KEVIN FARRELL (sulla sinistra) durante la conferenza stampa per la preparazione Incontro Mondiale delle Famiglie 2018


In una recente intervista alla rivista cattolica irlandese Intercom, il cardinale Kevin Farrell, prefetto del Dicastero vaticano per i Laici, la Famiglia e la Vita, ha detto che “i sacerdoti non sono le persone migliori per formare gli altri al matrimonio“.

Non hanno credibilità; non hanno mai vissuto l’esperienza; possono conoscere la teologia morale, la teologia dogmatica in teoria, ma da lì a metterla in pratica ogni giorno… non hanno l’esperienza“, ha aggiunto il cardinale.

I commenti hanno fatto eco alle osservazioni fatte dal cardinale nel settembre 2017, quando disse che i sacerdoti non avevano “alcuna credibilità quando si tratta di vivere la realtà del matrimonio“.

Edmund Adamus è stato per quasi quindici anni direttore per il matrimonio e la vita familiare dell’arcidiocesi di Westminster in Inghilterra, prima di diventare commissario per le scuole della diocesi inglese di Portsmouth. Adamus ha detto a CNA che le osservazioni di Farrell non riflettono la sua esperienza nella preparazione del matrimonio.

In una carriera di 30 anni di apostolato nel ministero e nella vita familiare nella Chiesa, ho sempre trovato il contributo del sacerdote prezioso sia per preparare le coppie al matrimonio che per aiutarle e sostenerle nei momenti difficili“, ha detto.

Adamus ha continuato: “Insinuare che il sacerdote non ha credibilità per la coppia fidanzata o sposata perché non ha esperienza diretta di vita coniugale… nega la visione di quel grande modello di servizio sacerdotale alla vita coniugale e all’amore che è stato San Giovanni Paolo II“.

È a causa di e grazie alla sua teologia ispiratrice del corpo,” ha detto Adamus, “che abbiamo un’ermeneutica in cui il sacerdote e i coniugi possono veramente esplorare insieme ciò che la Familiaris Consortio ha chiamato ‘fecondità soprannaturale'”.

A questi sentimenti ha fatto eco padre Thomas Petri, OP, vice presidente e preside accademico della Pontificia Facoltà dell’Immacolata Concezione della Casa Domenicana degli studi di Washington, DC.

Posso solo supporre che del cardinale Farrell ci sia qualcosa di più di quello che viene riferito, perché a prima vista l’affermazione che i sacerdoti non abbiano credibilità rispetto al matrimonio è completamente confondente“, ha detto Petri.

Se vogliamo insistere sul fatto che i sacerdoti non hanno credibilità riguardo al matrimonio, non solo distruggiamo la teologia dogmatica e morale del sacramento, ma dobbiamo anche insistere sul fatto che i fedeli non devono rivolgersi ai sacerdoti per ottenere consigli sul matrimonio“.

Dobbiamo allora anche dire loro che il grande libro di Karol Wojtyla “Amore e responsabilità” non ha credibilità? O che la sua opera di San Giovanni Paolo II, “La Teologia del Corpo”, non sia credibile? Come devono allora considerare i fedeli l’Amoris Laetitia del nostro Santo Padre, che è il più lungo documento ecclesiale della storia sul matrimonio”? padre Petri ha chiesto.

L’esperienza vissuta da San Giovanni Paolo II con molte famiglie che cercavano di vivere la vita matrimoniale non ha forse valore? L’esperienza di papa Francesco con queste famiglie non vale nulla?”

Adamus e Petri concordano sul fatto che le migliori forme di preparazione al matrimonio coinvolgono sacerdoti e coppie sposate che lavorano insieme.

Una delle migliori forme di ministero collaborativo tra laici e ordinati nella Chiesa è il sostegno alle coppie di fidanzati e sposate. Ho visto … molti programmi di grande successo che incorporano splendidamente i doni e i carismi del sacerdozio celibe con i talenti, la fede e la generosità dei fedeli coniugi cattolici, soprattutto nel guidare i fidanzati sotto la supervisione pastorale e la guida orante del sacerdote“, ha detto Adamus.

La maggior parte dei sacerdoti che conosco sono d’accordo che le coppie sposate che vivono la loro fede nel matrimonio e lottano per la santità per la grazia di Dio non solo dovrebbero essere coinvolte nella preparazione di nuove coppie per il matrimonio, ma sono, di fatto, esempi luminosi che l’insegnamento di nostro Signore sul matrimonio non è un ideale irraggiungibile, ma è piuttosto il percorso verso la vera felicità e la libertà“, ha aggiunto Petri.

Il beneficio derivante dalla cooperazione tra sacerdoti e coppie sposate è stato anche sottolineato dal Dr. John Grabowski, professore associato di teologia morale ed etica presso l’Università Cattolica d’America.

Grabowski, che è stato esperto uditore al Sinodo sulla Famiglia del 2015 a Roma, ha detto che (…) sia i sacerdoti che le coppie laiche portano prospettive uniche per la formazione del matrimonio, e che la combinazione dei due è essenziale.

La formazione di un buon matrimonio si basa sulla collaborazione tra sacerdoti e coppie sposate. Proprio come le persone sposate hanno un’esperienza diretta vissuta, i sacerdoti portano una propria intuizione unica. Oltre ad offrire la formazione necessaria nella teologia del matrimonio, possono anche agire come una sorta di lente grandangolare, dando una prospettiva più ampia sulle gioie e le difficoltà della vita matrimoniale formatasi attraverso anni di accompagnamento di coppie diverse, ha detto.

(…)

Non è una questione – ha detto Grabowski – di un’esperienza valida e di un’altra no, questa è una falsa contraddizione. Le distinte vocazioni del matrimonio e del celibato sono giustamente intese come complementari e si sostengono a vicenda, non come contraddittorie. Entrambi riguardano il dono corporeo di sé nel servizio amorevole a Dio e all’altro e, opportunamente articolati e valorizzati, si affermano a vicenda“.

Alcuni sacerdoti hanno detto alla CNA che le chiare osservazioni di Farrell hanno perpetuato idee sbagliate sul sacerdozio.

Un sacerdote in servizio nella diocesi di Dallas, dove Farell ha servito come vescovo dal 2007 al 2016, ha detto alla CNA che “commenti come questi spezzano il cuore“.

(…)

Padre William Dailey, CSC, direttore del Notre Dame-Newman Centre for Faith and Reason di Dublino, ha detto al CNA che “presi alla lettera“, i commenti del cardinale minano “gli sforzi dedicati di molti sacerdoti che lavorano con amore e dedizione nel formare coppie in tutta la Chiesa“.

Un buon sacerdote conosce, valorizza e sostiene la vocazione delle coppie sposate e ciò che esse offrono al mondo e alla Chiesa. Lo sa perché ne ha bisogno lui stesso, perché ne ha bisogno il mondo. Ovviamente la preparazione al matrimonio dovrebbe includere più di una semplice voce celibe. Ma il sacerdote può offrire la saggezza pastorale della sua esperienza, la guida spirituale riguardo, ad esempio, la vita di preghiera e come incorporarla in una relazione, ha detto.

Nella carità, speriamo che il cardinale si sia espresso o sia stato citato male, e che possa o integrare le sue osservazioni in modo da puntualizzare diversamente o ritrattare ciò che ha detto spiegando che quanto detto non è ciò che realmente pensa“.

 

Fonte: Catholic News Agency

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
12