Rilancio un interessante articolo del dott. Anish R. Koka pubblicato sul suo Substack. Il Dr. Anish R. Koka è un cardiologo di Philadelphia, Pennsylvania, ed è affiliato a diversi ospedali della zona, tra cui il Pennsylvania Hospital e il Jefferson Health-Thomas Jefferson University Hospitals. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

miocardite post vaccino COVID
miocardite subacuta post vaccino COVID

 

Prima di tutto, qualche informazione di base per chi legge per la prima volta. I lettori che seguono regolarmente possono saltare questa sezione e passare direttamente alla sezione dedicata allo studio della Thailandia.

Premessa:

Da tempo è stato stabilito che i vaccini a RNA messaggero causano miocardite; la questione controversa riguarda ora il tasso effettivo di miocardite. Il grafico dei CDC riportato di seguito indica un picco di miocardite (tutte le caselle ombreggiate in arancione sono tassi di miocardite superiori a quelli attesi nella popolazione) in ragazzi di 16-17 anni pari a 75,9 / milione (o 1/13.157) dopo la dose 2 del vaccino COVID a mRNA.

 

 

Purtroppo, a causa della forte dipendenza negli Stati Uniti dalla segnalazione passiva, che comporta la segnalazione volontaria di casi di miocardite da parte di medici/pazienti, questo numero è probabilmente un dato inferiore.

 

Traduzione del tweet: “I dati sugli esiti a lungo termine non sono ancora disponibili. Le attuali linee guida consigliano ai pazienti di astenersi dagli sport agonistici per 3-6 mesi… ulteriori dosi di vaccini Covid-19 a base di mRNA dovrebbero essere rinviate…. “

 

Numerose serie di dati provenienti da tutto il mondo, da Paesi con budget molto più ridotti rispetto al nostro CDC, hanno suggerito tassi più elevati di quelli riportati dal CDC. Una bella rassegna completa di Hoeg, Stevenson & Krug dello scorso anno dimostra bene la discrepanza.

 

 

È preoccupante notare che più si cerca con attenzione la miocardite dopo i vaccini, più se ne trovano. Hong Kong (Chua et al. ) ha un solido sistema di sorveglianza e ha riportato tassi di miocardite di 1/2700 nei ragazzi di 12-17 anni dopo la seconda dose del vaccino Pfizer COVID. Dato che il vaccino Moderna ha una dose 3 volte superiore a quella del Pfizer, non è particolarmente sorprendente che i Paesi con accesso a entrambi i vaccini abbiano rilevato tassi di miocardite 3-4 volte superiori con Moderna rispetto al Pfizer. (Studio francese / Studio nordico). Ciò suggerisce che i tassi di picco di miocardite con Moderna nei giovani uomini potrebbero essere di circa 1326 per milione contro i 76 per milione attualmente riportati dal CDC.

Gli studi randomizzati di controllo erano ciechi rispetto a questo particolare evento avverso perché non c’erano abbastanza giovani uomini nello studio e nessuno cercava specificamente questo particolare effetto collaterale. Ci sono potenzialmente molti casi di bambini con dolore toracico che non vengono mai portati all’attenzione del sistema sanitario e quindi non vengono mai rilevati. C’è anche il problema del danno miocardico che può verificarsi senza sintomi evidenti e gravi. Il giovane giocatore di baseball con un dolore alla spalla sinistra per alcuni giorni che viene ignorato. E, cosa ancora più preoccupante, dato il marcato danno cardiaco dimostrato in alcuni casi di miocardite da vaccino che si sono presentati in ospedale, è del tutto possibile che ci siano casi gravi di miocardite che causano la morte fuori dall’ospedale e che non vengono mai etichettati come miocardite.

E non sono solo i cardiologi a preoccuparsi di questo. La FDA si è preoccupata a tal punto della miocardite da approvare il vaccino della Pfizer a condizione che venissero condotti alcuni studi specificamente progettati per valutare la reale frequenza della miocardite dopo la somministrazione del loro vaccino. (Dovrebbero riferire sui loro progressi tra qualche settimana). Uno degli studi doveva specificamente cercare “l’incidenza della miocardite subclinica”.

 

 

Esiste un precedente recente in tal senso. In risposta alla possibilità di una minaccia bioterroristica di vaiolo da parte di Saddam Hussein, a 2 milioni di membri dei servizi statunitensi è stato somministrato un vaccino antivaioloso che ha provocato un tasso di miocardite clinica 7 volte superiore al tasso di base previsto. È stato quindi condotto uno studio successivo per valutare il tasso di miocardite clinica e subclinica misurando di routine un esame del sangue molto sensibile indicativo della morte delle cellule cardiache (troponina cardiaca) dopo la somministrazione del vaccino antivaioloso. Dei circa 1.000 pazienti di questo studio, 4 hanno sviluppato una miocardite clinica e in 31 è stato riscontrato un innalzamento della troponina cardiaca superiore al cutoff del 99% per un livello normale di troponina. Il tasso di lesioni cardiache/miocardite subclinica era 200 volte superiore al tasso di base di miocardite, un tasso molto più alto di quello che sarebbe stato rilevato sulla base dei soli sintomi clinici.

 


 

Lo studio in Thailandia

Visti i tassi di miocardite riportati con i vaccini a base di mRNA, i ricercatori thailandesi hanno pubblicato un preprint che ha arruolato ragazzi di età compresa tra i 13 e i 18 anni in uno studio completo che ha cercato di valutare il danno miocardico attraverso il controllo di routine di un elettrocardiogramma, delle troponine cardiache e di un ecocardiogramma (un’ecografia cardiaca) al basale e dopo una seconda dose del vaccino Pfizer.

 

 

Questo è esattamente il tipo di studio che l’FDA ha dichiarato di voler far eseguire a Pfizer nell’annunciare l’approvazione del vaccino Pfizer nell’agosto del 2021. Dato che i tassi più alti di miocardite con il vaccino Pfizer fino ad oggi sono stati ~ 1/3000, e che il picco di miocardite sembra essere nella popolazione > 16 anni, uno studio su 300 giovani di 13-18 anni provenienti dalla Tailandia, dove la maggior parte dei bambini erano <15, dovrebbe essere abbastanza tranquillo.

Purtroppo, i risultati non sono rassicuranti.

 

 

3/301 bambini arruolati nello studio hanno sviluppato miocardite o pericardite. Un bambino di 16 anni ha sviluppato una miocardite clinica con un picco di troponina cardiaca di 593 e altri 2 hanno sviluppato una pericardite. Tutti e tre sono stati ricoverati in ospedale. Sebbene non sia esplicitamente indicato nello studio, il bambino con miocardite è stato probabilmente monitorato nel reparto di terapia intensiva prima di essere dimesso. L’unico bambino con miocardite sembra essere stato sottoposto a una risonanza magnetica cardiaca che dimostra un’infiammazione cardiaca acuta con guarigione a 5 mesi di follow-up. L’esaltazione del miocardio con la somministrazione di gadolinio, un marker della formazione di cicatrici, non era presente in una scansione di follow-up a 5 mesi.

 

 

Quattro bambini presentavano marcatori di danno cardiaco superiori alla norma anche in assenza di sintomi evidenti e sono stati quindi diagnosticati come affetti da miocardite subclinica (il dosaggio della troponina utilizzato nello studio aveva un valore normale <14).

È una buona notizia che il decorso clinico della serie di vaccini in questi casi non sia stato associato a morbilità grave o mortalità a breve termine. È anche una buona notizia che l’unico bambino con una troponina cardiaca 40 volte superiore alla norma non abbia evidenza di formazione di cicatrici significative in una risonanza magnetica cardiaca eseguita 5 mesi dopo.

Ma non è certo una buona notizia che un piccolo studio su 301 pazienti di adolescenti tailandesi rilevi un tale danno cardiaco dopo una seconda dose del vaccino Pfizer. (Ricordiamo che il vaccino Moderna ha dimostrato di avere tassi di miocardite 3-4 volte superiori al Pfizer). Posso assicurare a voi, e al contingente di medici del pronto soccorso su twitter che si vanta di una “lieve miocardite”, che non ci sono cardiologi che vogliano vedere il proprio figlio con una troponina cardiaca 2x normale o 40x normale dopo la somministrazione di qualche terapia. Cosa fare esattamente con un adolescente con una troponina 2x normale e asintomatico? Dato il rischio teorico di aritmie cardiache maligne, immagino che la maggior parte dei cardiologi segua le attuali linee guida per la miocardite e sconsigli l’attività cardiaca intensa per alcuni mesi. La morte cardiaca improvvisa nei giovani atleti è ovviamente una complicanza temibile e molto reale ed è probabile che una parte della morte cardiaca improvvisa sia dovuta a miocardite subclinica.

Dobbiamo essere chiari sul fatto che attualmente nessuno conosce il significato a lungo termine della miocardite clinica o subclinica che viene diagnosticata in questo caso, ma è poco probabile che nella popolazione adulta l’innalzamento della troponina cardiaca sia un fattore prognostico negativo. Non è chiaro come questo si riferisca alle popolazioni pediatriche, ma non capisco perché si voglia fare questo esperimento.

È importante notare che le conversazioni che vedo ora sui rialzi della troponina sono completamente in contrasto con ciò che i cardiologi hanno normalmente detto in un periodo precedente all’introduzione dei vaccini COVID. L’unica volta che i cardiologi hanno minimizzato i rialzi di troponina nell’era preCOVID è stato in occasione dell’esecuzione di procedure cardiache associate a tali rialzi.

In questi casi, ovviamente, c’è qualcosa che non va nel paziente che necessita di una procedura e il massimo che si può dire è che i benefici della procedura superano i rischi. È assolutamente sconcertante vedere che la conversazione pubblica è ora orientata a liquidare come “lievi” le lesioni cardiache in bambini giovani e sani.

 

 

La questione del rischio che il COVID comporta per il cuore esula dalla portata di questo articolo e invito i lettori a leggere la mia panoramica più approfondita sulla questione qui, ma a prescindere dal rischio che il COVID comporta per i bambini, la somministrazione di un trattamento terapeutico richiede la comprensione dei rischi della terapia offerta. Gli Stati Uniti hanno fatto un lavoro incredibilmente scarso nel definire tale rischio per la popolazione da quando, nell’aprile del 2021, la miocardite è stata segnalata per la prima volta come evento avverso legato ai vaccini. Lo studio tailandese aiuta a colmare il vuoto di dati in modo che i genitori e i loro medici possano essere meglio informati quando discutono dei rischi e dei benefici dei vaccini.

Anish Koka è un cardiologo. Seguitelo su twitter @anish_koka

 

Interessante post scriptum:

Sembra che almeno un Paese (la Danimarca) abbia deciso di non consentire di routine ai minori di 18 anni di sottoporsi al vaccino, a meno che non sia approvato da un medico.

 

Traduzione del tweet: “La Danimarca interrompe la vaccinazione dei bambini sotto i 18 anni!

“Dal 1° luglio 2022 i bambini sotto i 18 anni non potranno più fare il primo vaccino e dal 1° settembre 2022 non potranno più fare il secondo”.

Fonte: Ministero della Salute https://sst.dk/da/corona/vaccination

 

Devo fare un post-scriptum obbligatorio: ho supervisionato la somministrazione di centinaia di vaccini mRNA a partire dal marzo 2021 nella mia clinica cardiologica. I dati sull’efficacia del vaccino per i dati originali provenivano da migliaia di pazienti e, vista la devastazione che ha colpito molti dei miei pazienti nel 2020, ho ritenuto che i vaccini fossero la migliore possibilità di evitare morbilità e mortalità. L’iter per ottenere i vaccini dal dipartimento di salute della città è stato piuttosto arduo, durato 3 mesi, e una volta che i vaccini erano disponibili, c’erano obblighi di rendicontazione giornaliera che ho doverosamente eseguito per i molti mesi in cui abbiamo somministrato i vaccini. Per far fronte all’afflusso di pazienti, i dipendenti, i volontari e i bambini arruolati hanno lavorato diversi fine settimana per somministrare i vaccini. Per questo sono particolarmente disgustato dai colleghi medici che etichettano come “anti-vaxx” qualsiasi preoccupazione registrata sugli eventi avversi ai vaccini. La registrazione di una preoccupazione per un evento avverso da vaccino non rende i medici o i pazienti “anti-vaxx”.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments