A una donna cilena di 100 anni è stato negato l’accesso a un supermercato per comprare il cibo per il pranzo perché non aveva il necessario permesso sanitario.

Lo spiega in un suo articolo Emily Mangiaracina pubblicato su Lifesitenews che vi propongo nella mia traduzione.

 

Isolina Grandón che cerca di entrare nel supermercato
Isolina Grandón che cerca di entrare nel supermercato

 

A una donna cilena di 100 anni è stato negato l’accesso a un supermercato per comprare il cibo per il pranzo perché non aveva il necessario permesso sanitario.

Le immagini e il video dell’incidente hanno scatenato l’indignazione dopo essere diventati virali. La guardia di sicurezza del negozio che le ha negato l’ingresso ha insistito che avrebbe perso il suo lavoro se avesse fatto entrare la donna senza il suo pass di accesso.

L’anziana donna, Isolina Grandón, che vive da sola da quando è morta sua sorella, ha spiegato al programma mediatico cileno Aqui Somos Todos di Channel 13 (qui il video)  che non ha accesso a internet, né a un telefono cellulare. In Cile, solo chi ha un pass sanitario ottenuto dal sito web www.comisariavirtual.cl può viaggiare o entrare nei locali commerciali.

Il loro “pass per il salvacondotto” “permette loro di comprare generi alimentari essenziali solo due volte alla settimana tra le 5 del mattino e le 9 di sera”, ha riferito Summit News.

La signora Grandón ha raccontato di aver detto al personale del negozio: “Comprerò cibo solo per il pranzo, comprerò un petto di pollo”.

Ha raccontato che quando le guardie del negozio hanno insistito che non poteva entrare, lei ha spiegato che non era stata in grado di ottenere il suo permesso perché non sapeva dove andare, e non poteva andare lontano da casa sua.

“Mi sono ritirata perché cos’altro avrei detto, cos’altro avrei fatto. Sono rimasta lì, vicino alla cassa”, ha continuato.

Una testimone ha detto che ha cercato di spiegare alla guardia che “non aveva modo di ottenere il permesso, non sa usare il telefono”, ma che lui ha continuato a insistere che non poteva darle accesso, perché se lo avesse fatto, avrebbe perso il lavoro.

Un altro testimone ha detto che una donna che è entrata nel negozio ha comprato per l’anziana il petto di pollo di cui aveva bisogno.

Il supermercato ha risposto alla pubblicità con un comunicato stampa aziendale, affermando: “Ci dispiace per la situazione che ha colpito una cliente nel nostro supermercato in Plaza Maipú e comprendiamo che possa aver sofferto alcuni disagi”.

Hanno sostenuto, tuttavia, che fare eccezioni in casi come questi “può avere gravi conseguenze per la salute delle persone”. L’azienda ha sostenuto che “abbiamo agito in conformità con le disposizioni dell’autorità sanitaria” in modo che “tutti possiamo affrontare la crisi che colpisce il paese”.

L’azienda ha anche dichiarato su Twitter: “Ci dispiace per quello che è successo, tuttavia non possiamo fare eccezioni. Vogliamo prenderci cura di tutti i nostri clienti e collaboratori, ed è per questo che continuiamo a rafforzare ancora di più le misure di prevenzione”.

 





Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email