Questa settimana, a Mosca, i leader cinesi e russi hanno rivelato il loro impegno comune a ridisegnare l’ordine globale, un’impresa che “non si vedeva da 100 anni”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Pepe Escobar e pubblicato su The Cradle. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Vladimir Putin e Xi Jinping - 21 marzo 2023 - © Mikhail Tereshchenko/TASS
Vladimir Putin e Xi Jinping – 21 marzo 2023 – © Mikhail Tereshchenko/TASS

 

Quello che si è appena svolto a Mosca è niente meno che una nuova Yalta, che, per inciso, si trova in Crimea. Ma a differenza dell’epocale incontro del 1945 tra il Presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt, il leader sovietico Joseph Stalin e il Primo Ministro britannico Winston Churchill nella Crimea controllata dall’URSS, questa è la prima volta in circa cinque secoli che nessun leader politico occidentale detta l’agenda globale.

Sono il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin a dirigere lo spettacolo multilaterale e multipolare. Gli eccezionalisti occidentali possono mettere in atto le loro routine da piagnoni quanto vogliono: nulla cambierà l’ottica spettacolare e la sostanza di fondo di questo ordine mondiale in via di sviluppo, soprattutto per il Sud globale.

Le intenzioni di Xi e Putin sono state spiegate in dettaglio prima del vertice, in due editoriali scritti dagli stessi presidenti. Come in un balletto russo altamente sincronizzato, la visione di Putin è stata esposta sul Quotidiano del Popolo in Cina, concentrandosi su una “partnership legata al futuro”, mentre quella di Xi è stata pubblicata sulla Gazzetta russa e sul sito web di RIA Novosti, concentrandosi su un nuovo capitolo di cooperazione e sviluppo comune.

Fin dall’inizio del vertice, i discorsi di Xi e Putin hanno spinto la folla della NATO in una frenesia isterica di rabbia e invidia: la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha colto perfettamente lo stato d’animo quando ha osservato che l’Occidente stava “schiumando dalla bocca”.

La prima pagina della Gazzetta russa di lunedì era emblematica: Putin in visita a Mariupol, libera dai nazisti, che chiacchiera con i residenti, affiancato dall’articolo di Xi. Questa è stata, in poche parole, la risposta di Mosca alla trovata dell’MQ-9 Reaper di Washington e ai trucchi del tribunale canguro della Corte penale internazionale (CPI). “Schiumate dalla bocca” quanto volete; la NATO sta per essere umiliata completamente in Ucraina.

Durante il loro primo incontro “informale”, Xi e Putin hanno parlato per ben quattro ore e mezza. Alla fine, Putin ha accompagnato personalmente Xi alla sua limousine. Questa conversazione è stata un vero affare: tracciare i lineamenti del multipolarismo – che inizia con una soluzione per l’Ucraina.

Prevedibilmente, le fughe di notizie dagli sherpa sono state pochissime, ma ce n’è stata una abbastanza significativa sul loro “scambio approfondito” sull’Ucraina. Putin ha gentilmente sottolineato di rispettare la posizione della Cina – espressa nel piano di risoluzione del conflitto in 12 punti di Pechino, che è stato completamente respinto da Washington. Ma la posizione russa rimane ferrea: smilitarizzazione, neutralità dell’Ucraina e consolidamento dei nuovi fatti sul terreno.

Parallelamente, il Ministero degli Esteri russo ha escluso completamente un ruolo di Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania nei futuri negoziati sull’Ucraina: non sono considerati mediatori neutrali.

 

Una trapunta multipolare

Il giorno successivo si è parlato di affari: dalla cooperazione energetica e “tecnico-militare” al miglioramento dell’efficacia dei corridoi commerciali ed economici che attraversano l’Eurasia.

La Russia è già al primo posto come fornitore di gas naturale alla Cina – superando Turkmenistan e Qatar – per la maggior parte attraverso il gasdotto Power of Siberia, lungo 3.000 km, che va dalla Siberia alla provincia nord-orientale cinese di Heilongjiang, lanciato nel dicembre 2019. I negoziati per l’oleodotto Power of Siberia II attraverso la Mongolia stanno avanzando rapidamente.

La cooperazione sino-russa nel settore dell’alta tecnologia salirà alle stelle: 79 progetti per oltre 165 miliardi di dollari. Dal gas naturale liquefatto (LNG) alla costruzione di aerei, macchine utensili, ricerca spaziale, agroindustria e corridoi economici potenziati.

Il presidente cinese ha dichiarato esplicitamente di voler collegare i progetti della Nuova Via della Seta all’Unione economica dell’Eurasia (UEEA). Questa interpolazione BRI-UEE è un’evoluzione naturale. La Cina ha già firmato un accordo di cooperazione economica con l’UEEA. Le idee del grande stratega macroeconomico russo Sergey Glazyev stanno finalmente dando i loro frutti.

E infine, ma non meno importante, ci sarà una nuova spinta verso i regolamenti reciproci nelle valute nazionali – e tra Asia e Africa, e America Latina. A tutti i fini pratici, Putin ha approvato il ruolo dello yuan cinese come nuova valuta commerciale di scelta, mentre procedono le complesse discussioni su una nuova valuta di riserva sostenuta dall’oro e/o dalle materie prime.

Questa offensiva economico-aziendale congiunta si collega all’offensiva diplomatica concertata tra Russia e Cina per il rifacimento di vaste aree dell’Asia occidentale e dell’Africa.

La diplomazia cinese funziona come la matrioska (le bambole russe impilate) in termini di trasmissione di messaggi sottili. È tutt’altro che casuale che il viaggio di Xi a Mosca coincida esattamente con il 20° anniversario dello “Shock and Awe” americano e dell’invasione, occupazione e distruzione illegale dell’Iraq.

Parallelamente, oltre 40 delegazioni africane sono arrivate a Mosca un giorno prima di Xi per partecipare alla conferenza parlamentare “Russia-Africa nel mondo multipolare”, in vista del secondo vertice Russia-Africa del prossimo luglio.

L’area che circonda la Duma sembrava proprio quella dei vecchi tempi del Movimento dei Non Allineati (NAM), quando la maggior parte dell’Africa manteneva strette relazioni antimperialiste con l’URSS.

Putin ha scelto proprio questo momento per cancellare oltre 20 miliardi di dollari di debito africano.

In Asia occidentale, Russia e Cina agiscono in totale sintonia. Asia occidentale. Il riavvicinamento tra Arabia Saudita e Iran è stato avviato dalla Russia a Baghdad e in Oman: sono stati questi negoziati a portare alla firma dell’accordo a Pechino. Mosca sta anche coordinando le discussioni sul riavvicinamento Siria-Turchia. La diplomazia russa con l’Iran – ora sotto lo status di partenariato strategico – è tenuta su un binario separato.

Fonti diplomatiche confermano che l’intelligence cinese, attraverso le proprie indagini, è ora pienamente sicura della vasta popolarità di Putin in Russia e persino all’interno delle élite politiche del Paese. Ciò significa che le cospirazioni per il cambio di regime sono fuori discussione. Questo è stato fondamentale per la decisione di Xi e dello Zhongnanhai (il quartier generale centrale cinese per i funzionari del partito e dello Stato) di “scommettere” su Putin come partner fidato nei prossimi anni, considerando che potrebbe candidarsi e vincere le prossime elezioni presidenziali. La Cina punta sempre sulla continuità.

Il vertice Xi-Putin ha quindi definitivamente sancito che Cina-Russia sono partner strategici completi per il lungo periodo, impegnati a sviluppare una seria competizione geopolitica e geoeconomica con gli egemoni occidentali in declino.

Questo è il nuovo mondo nato a Mosca questa settimana. Putin lo ha definito in precedenza come una nuova politica anticoloniale. Ora si presenta come una trapunta multipolare. Non si può tornare indietro sulla demolizione dei resti della Pax Americana.

“Cambiamenti che non si sono verificati in 100 anni”.

In Prima dell’egemonia europea: Il sistema mondiale dal 1250 al 1350, Janet Abu-Lughod ha costruito una narrazione accuratamente costruita che mostra l’ordine multipolare prevalente quando l’Occidente “era in ritardo rispetto all’Oriente”. In seguito, l’Occidente “è andato avanti solo perché l’Oriente era temporaneamente in disordine”.

Forse stiamo assistendo a un cambiamento storico simile, attraversato da una rinascita del confucianesimo (rispetto per l’autorità, enfasi sull’armonia sociale), dall’equilibrio insito nel Tao e dal potere spirituale dell’ortodossia orientale. Si tratta di una vera e propria lotta di civiltà.

Mosca, che finalmente accoglie i primi giorni di sole della primavera, ha fornito questa settimana un’illustrazione più che reale delle “settimane in cui accadono decenni” rispetto ai “decenni in cui non accade nulla”.

I due presidenti si sono salutati in modo toccante.

Xi: “Ora ci sono cambiamenti che non avvengono da 100 anni. Quando siamo insieme, guidiamo questi cambiamenti”.

Putin: “Sono d’accordo”.

Xi: “Abbi cura di te, caro amico”.

Putin: “Buon viaggio”.

Ecco l’alba di un nuovo giorno, dalle terre del Sol Levante alle steppe eurasiatiche.

Pepe Escobar

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments