Si arriverà ad un aborto perché le previsioni saranno di un figlio non intelligente quanto sperato o programmato?

È quello che si prospetta con questa nuova tecnica di screening di embrioni creati a mezzo FIVET.

Ce ne parla in questo articolo Christine Rousselle, nella mia traduzione.

 

Embrioni congelati, foto Credit: Ekaterina Georgievskaia/Shutterstock

Embrioni congelati, foto Credit: Ekaterina Georgievskaia/Shutterstock

 

Una società sostiene di aver sviluppato un nuovo test che permetterà ai genitori di testare e controllare l’intelligenza degli embrioni durante il processo di fecondazione in vitro. Lo sviluppo potrebbe portare ad una maggiore mercificazione della vita umana, ha detto un professore della Catholic University of America.

La ditta, Genomic Prediction, sostiene di aver sviluppato un mezzo che permette lo screening di embrioni creati attraverso la fecondazione in vitro (FIVET) per una moltitudine di tratti, comprese le malattie ereditarie e la propensione all’intelligenza.

Genomic Prediction dice che i suoi test saranno in grado di scansionare gli embrioni per una moltitudine di condizioni. I test identificheranno ciò che l’azienda descrive come “outliers genetici”, e ai genitori sarà data la possibilità di scegliere tra gli embrioni in base alle previsioni che alcuni embrioni avranno un QI inferiore alla media.

Mentre il test deve ancora essere utilizzato, New Scientist riferisce che l’azienda ha iniziato a discutere con le cliniche che utilizzano la FIVET negli Stati Uniti per metterlo a disposizione dei futuri genitori.

Joseph Capizzi, professore di teologia morale all’Università Cattolica d’America ha parlato al Catholic News Agency della tendenza verso i “bambini fatti con un designer”, aggiungendo che la paura della prole “imperfetta” sta portando i bambini ad essere trattati come beni, piuttosto che come persone.

Il test sarebbe in grado di esaminare gli embrioni per una potenziale “disabilità mentale”, dice Genomic Prediction.

 

Mentre lo screening degli embrioni per un determinato sesso, gruppo sanguigno o malattia ereditaria esiste da tempo, lo screening per una potenziale “disabilità mentale” è nuovo. Il test genetico embrionale è già spesso utilizzato come pretesto per l’aborto di alcuni embrioni, o la distruzione di alcuni embrioni creati durante il processo di fecondazione in vitro.

I problemi sono ovvi“, ha detto Capizzi. Questo tipo di test “trattano gli esseri umani come cose da produrre, vendere o comprare”.

Anche se coloro che hanno inventato il test dicono che non cercano specificamente di identificare gli embrioni che contengono geni legati ad una intelligenza superiore, Stephen Hsu, co-fondatore di Genomic Prediction, ha detto che egli ritiene che ci sarà una domanda per questo servizio in futuro.

Penso che le persone lo chiederanno. Se non lo facciamo noi, qualche altra azienda lo farà”, ha detto Hsu a New Scientist.

Attualmente, qualcosa chiamato “punteggio di rischio poligenico” può essere calcolato per gli adulti. Questo punteggio viene calcolato dopo un esame dei geni di una persona per identificare i maggiori rischi di malattie cardiache, demenza o cancro al seno. Fino ad ora, questo non è stato disponibile per gli embrioni.

Capizzi ha avvertito che una mentalità dei genitori che vogliono un bambino “designer” geneticamente perfetto avrà effetti disastrosi sul modo in cui le persone vedono gli altri.

La logica di questo porta i genitori a chiedere rimborsi o scambi dei loro figli quando non risultassero come promesso“, ha detto Capizzi.

Non solo, in altre parole, la mercificazione degli esseri umani in questo modo porterà a buttare via embrioni indesiderati, ma anche all’abbandono di giovani indesiderati”.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments