Due vescovi a nome del cardinale Vincent Nichols, primate d’Inghilterra e Galles, scrivono al ministro della sanità perché autorizzi il trasferimento in patria del cattolico polacco, ricoverato nell’ospedale di Plymouth, a cui è stata sospesa idratazione e alimentazione. Traduzione dell’articolo pubblicato il 21 gennaio su Polonia Catholica.

 

Nichols card Vincent
Nichols card Vincent

 

Due vescovi hanno inviato una lettera a nome del cardinale Vincent Nichols, primate d’Inghilterra e Galles, riguardo a un uomo cattolico polacco ricoverato nell’ospedale di Plymouth. L’uomo, che è in coma, è minacciato di morire di inedia in nome della legge. I vescovi si appellano al loro ministro della sanità per ottenere il permesso di trasportare il paziente in Polonia.

Il vescovo ausiliare di Westminster, John Sherrington, e il vescovo Mark O’Toole di Plymouth hanno scritto al ministro della Salute Matt Hancock a nome del cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster e il membro più alto della Chiesa cattolica in Gran Bretagna. Hanno trasmesso l’informazione che il Cardinale desidera che il paziente sia trasportato in Polonia dove riceverà cure adeguate.

Nella loro lettera, i vescovi hanno detto che la Chiesa cattolica continua ad opporsi alla definizione di nutrizione e idratazione assistita come trattamento, che è stata al centro di sentenze mediche e legali. “Fornire cibo e acqua a pazienti molto malati, anche con l’aiuto di misure di assistenza, è un livello base di assistenza medica“. – sostengono.

I vescovi hanno notato che c’è una differenza tra una terapia persistente senza speranza di miglioramento e uno stato in cui il paziente respira da solo e ha bisogno solo di aiuto per alimentarsi. I giudici, nel decidere che sarebbe stato nel “migliore interesse del paziente” essere disconnesso dall’apparato che alimenta cibo e acqua, non hanno tenuto conto delle opinioni e della religione dell’uomo prima che soffrisse di un esteso ictus con conseguente invalidità permanente.

Come menzionato dai vescovi, durante il processo, nessun membro della famiglia della vittima ha messo in dubbio le sue opinioni pro-vita come risultato della sua devota e regolare partecipazione alla messa.

I vescovi, a nome del presidente della Conferenza episcopale polacca, l’arcivescovo Stanislaw Gądecki, hanno trasmesso l’offerta delle autorità polacche di assistere nel trasporto del paziente in Polonia. “Riconosciamo che il processo legale (…) è stato completato. Tuttavia, preghiamo per un accordo all’interno della famiglia per quanto riguarda il trattamento e le cure, ed esprimiamo il desiderio dell’Arcivescovo che il signor RS [come viene chiamato dai media – ndr] sia trasferito e curato in Polonia“. – hanno scritto.

La madre e la sorella di RS stanno lottando per continuare il suo trattamento in Polonia. Sua moglie, invece, è favorevole alla sua eutanasia. Zbigniew Rau, capo del Ministero degli Affari Esteri, Krzysztof Szczerski, capo della Cancelleria del Presidente e l’arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza Episcopale Polacca, sono intervenuti nel caso del paziente in coma.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1