Rilancio un articolo scritto da Marina Zhang e pubbicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

coronavirus
coronavirus

 

Perché alcune persone riportano eventi avversi dopo la vaccinazione con il COVID-19 mentre altre no? Questa domanda è al centro della controversia sugli eventi avversi da vaccino COVID-19.

I medici hanno identificato diversi fattori che contribuiscono all’aumento del rischio di malattie indotte dalla proteina Spike, in particolare, di lesioni post vaccino COVID-19.

Il dottor Paul Marik, cofondatore della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC), ha dichiarato alla conferenza FLCCC del 15 ottobre che la long COVID e le lesioni da vaccino COVID-19 condividono molte sovrapposizioni nei sintomi e nei meccanismi.

Entrambe le malattie sono sistemiche, colpiscono più organi e tessuti e sono entrambe causate da un elevato carico di proteine spike accumulate in questi organi e tessuti. Queste proteine spike scatenano infiammazione, disfunzione mitocondriale e autoimmunità.

Tuttavia, non tutti manifestano questi sintomi.

Se una persona soffre di lesioni da vaccino dipende sia da fattori permanenti che da fattori temporali influenzati da azioni e scelte.

 

L’esposizione alla proteina spike aumenta il rischio e la gravità

Il modo migliore per ridurre le lesioni da proteine spike è ridurre le opportunità di esposizione alle proteine spike attraverso infezioni o vaccinazioni.

Mentre il trattamento precoce può di solito prevenire le lesioni da proteina spike eliminando rapidamente l’infezione, un vaccino somministra il materiale genetico della proteina spike nei muscoli e nei vasi sanguigni.

Esiste una risposta alla dose del vaccino, per cui maggiore è il numero di dosi di vaccino, più alto è il rischio di lesioni da proteine spike.

“Più i pazienti sono esposti alle [proteine] spike, più grave è la malattia”, ha detto Marik.

Sia la COVID lunga che le lesioni da vaccino COVID-19 sono dovute a un’esposizione prolungata alle proteine spike, rispettivamente attraverso l’infezione e la vaccinazione, ha spiegato Marik.

Il Dr. Flavio Cadegianni ha ipotizzato che ricevere vaccini COVID-19 dopo aver avuto la COVID-19 aumenti il rischio di lesioni da proteine spike. Ciò è dovuto al fatto che i vaccini probabilmente innescano una maggiore quantità di carico di proteine spike nel flusso sanguigno rispetto a una comune infezione da COVID-19.

In una comune infezione da COVID-19, è difficile che il virus entri nel flusso sanguigno attraverso i polmoni, ma la vaccinazione offre all’mRNA e al DNA della proteina spike un biglietto di sola andata per il deltoide e quindi per il flusso sanguigno.

L’mRNA e il DNA del vaccino entrano quindi nei vasi sanguigni e nelle cellule endoteliali, che producono le proteine spike e le presentano sulla loro superficie cellulare, provocando un attacco immunitario contro queste cellule.

Le proteine spike dei vaccini possono anche essere libere di circolare nel flusso sanguigno e nel liquido extracellulare. Queste proteine di punta possono innescare percorsi infiammatori legandosi ai recettori ACE2 e riducendoli, formando complessi con gli anticorpi e influenzando i percorsi immunitari, portando a risposte pro-infiammatorie.

È stato osservato che le proteine spike derivanti dalla vaccinazione sono presenti anche a 9 mesi (pdf) dalla vaccinazione, quindi i vaccini e i richiami successivi potrebbero portare a una maggiore produzione di proteine spike, a una maggiore formazione di complessi infiammatori e a un rischio più elevato di insorgenza dei sintomi.

Il dottor Pierre Kory, cofondatore della FLCCC, che ora ha una clinica per il trattamento della COVID di lunga durata e delle lesioni da vaccino, ha detto di aver notato che i suoi pazienti affetti da una di queste patologie sembravano peggiorare con le successive esposizioni alle spike.

Ha detto di aver raccomandato ai suoi pazienti affetti da long COVID e da lesioni da vaccino di evitare le occasioni che possono portare all’esposizione alle proteine spike, per evitare che i loro sintomi vadano fuori controllo.

 

Quantità diverse nei vaccini

Non tutte le fiale di vaccino sono fatte allo stesso modo.

How Bad is My Batch è un sito web che raccoglie i dati sugli eventi avversi provenienti dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) sulla vaccinazione COVID-19.

Suddividendo ogni evento avverso in base al lotto di vaccino corrispondente, il sito web ha dimostrato che alcune fiale sono state prodotte in modo diverso dalle altre e sono associate a un numero maggiore di eventi avversi, decessi e disabilità.

Ciò potrebbe essere dovuto a impurità nei vaccini.

Le e-mail trapelate dal personale dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno mostrato che l’agenzia ha richiesto solo il 50% di integrità dell’mRNA nei vaccini Pfizer.

Tuttavia, i potenziali problemi potrebbero anche essere dovuti al dosaggio; alcune fiale potrebbero avere un contenuto di mRNA o di proteine del DNA più elevato di altre.

Attualmente, i medici non hanno modo di verificare il contenuto delle fiale.

“In pratica non sappiamo cosa c’è in questi vaccini”, ha dichiarato Merryl Nass, specialista in medicina interna affiliato alla FLCCC, durante la conferenza della FLCCC. I medici sanno solo che alcune persone sono rimaste danneggiate e che non tutte le fiale sono fatte allo stesso modo”.

Nass ha subito la sospensione della licenza medica da parte del Board of Licensure in Medicine (BOLIM), un’agenzia statale che regola le licenze mediche nel Maine. Nel gennaio 2022 ha ricevuto l’ordine di sottoporsi a una valutazione neuropsicologica da parte di uno psicologo selezionato dal BOLIM per determinare se fosse in grado di esercitare la professione medica, citando le sue critiche online alle politiche del COVID-19 come motivo di preoccupazione. Ha intentato una causa e recentemente ha avuto un’udienza.

 

Fattori genetici

“C’è una predisposizione genetica”, ha detto Marik. “Se qualcuno in famiglia subisce un danno da vaccino, è molto comune che anche i fratelli di quell’individuo… [diventino] danneggiati da vaccino, quindi ci sono fattori genetici che non comprendiamo”.

Marik ha osservato che anche alcune mutazioni genetiche possono esporre a un rischio maggiore di lesioni da vaccino COVID-19.

Si tratta di individui con una mutazione del gene della metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) e di persone con sindromi di tipo Ehlers-Danlos.

Circa il 40% delle persone negli Stati Uniti è portatore o è affetto dalla mutazione MTHFR. Si tratta di un enzima responsabile della trasformazione del folato (vitamina B9) nella sua forma attiva. Il folato svolge un ruolo nella scomposizione dell’omocisteina, un aminoacido tossico in concentrazioni elevate, in metionina, un aminoacido utile.

A seconda del tipo di mutazione MTHFR e del numero di copie di cui una persona è portatrice, la funzione dell’enzima MTHFR può essere moderatamente o gravemente ridotta, portando a carenze di folato.

Le persone con mutazioni MTHFR hanno generalmente un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione, disturbi della coagulazione del sangue, perdita di gravidanza e alcuni tipi di cancro.

Le carenze di folato aumentano il rischio di COVID-19 grave; i livelli di omocisteina sono risultati direttamente predittivi di un peggioramento della COVID-19.

Ci sono state testimonianze (pdf) di persone con parenti portatori di mutazioni MTHFR che hanno sperimentato eventi avversi in seguito a vaccinazioni, anche se il meccanismo effettivo alla base di questo gene e dell’elevato rischio di COVID-19 e di possibili danni da vaccino non è ben compreso.

La sindrome di Ehlers-Danlos è un disturbo del tessuto connettivo che colpisce principalmente la pelle, le articolazioni e i vasi sanguigni. Le persone affette da questa patologia riferiscono spesso dislocazioni articolari, dolore cronico e affaticamento cronico. Questa patologia è anche spesso associata all’infiammazione, un fattore primario della lunga malattia indotta dalla COVID e dalle proteine spike.

 

Malattie croniche e carenze immunitarie sottostanti

Le malattie metaboliche, in particolare l’ipertensione e il diabete di tipo 2, sono state associate a sintomi gravi nelle infezioni da COVID-19 e nella vaccinazione.

Il Dr. Aseem Malhotra, cardiologo di fama, ha scritto nel suo articolo che “anche un solo valore elevato di glucosio nel sangue in soggetti non diabetici ricoverati in ospedale [per la COVID-19] ha dimostrato di essere associato a esiti peggiori”.

Molte malattie metaboliche, tra cui l’obesità, il diabete, l’ipertensione e le malattie cardiovascolari, sono causate dall’infiammazione. Anche le proteine spike innescano molte patologie infiammatorie e questo potrebbe essere il motivo per cui le persone affette da queste malattie croniche sono più a rischio.

Le proteine spike del virus e del vaccino possono legarsi ai recettori ACE2 presenti sulle cellule di qualsiasi tessuto con cui entrano in contatto. L’ACE2 è responsabile della riduzione dell’infiammazione, ma questo legame riduce i recettori ACE2 e quindi aumenta l’infiammazione nei tessuti.

“Stiamo parlando di cellule mononucleate nel cervello, nel cuore, nel fegato, nella milza, nelle ovaie, quindi il risultato è una malattia sistemica”, ha detto Marik.

Le proteine Spike sono anche altamente autoimmuni, il che significa che sono in grado di scatenare il sistema immunitario ad attaccare i tessuti autoctoni.

Gli studi guidati dal dottor Aristo Vojdani hanno dimostrato che gli anticorpi prodotti contro le proteine spike della SARS-CoV-2 hanno reagito “con vari antigeni tissutali, tra cui i muscoli, le articolazioni, la tiroide, il cervello, la pelle, il tratto gastrointestinale, praticamente qualsiasi antigene prelevato da diverse parti del corpo”, ha dichiarato Vojdani a The Epoch Times.

Un dato significativo che Marik e Kory hanno osservato è che i soggetti affetti da lesioni da vaccino presentano una concentrazione di autoanticorpi più elevata rispetto a quelli con COVID di lunga durata.

Molti studi hanno osservato l’insorgenza o la riacutizzazione di malattie autoimmuni dopo la vaccinazione COVID-19. I casi documentati includono sclerosi multipla, neuromielite, artrite, diabete di tipo 1 e molti altri.

I soggetti con una ricaduta delle malattie autoimmuni hanno spesso manifestato sintomi di maggiore gravità.

Tutto ciò suggerisce che le persone con malattie croniche sottostanti che compromettono la salute e il sistema immunitario sono a maggior rischio di possibili danni da vaccino.

 

Carenze vitaminiche

Le carenze di folati, cobalamina (vitamina B12) e vitamina D sono state associate a un rischio elevato di infezione da COVID-19.

Uno studio pre-stampa (pdf) condotto da ricercatori britannici e finanziato dal Servizio Sanitario Nazionale ha rilevato che l’integrazione di vitamina D e vitamina B12 ha alleviato i sintomi neurologici causati dalla vaccinazione contro la COVID-19.

La vitamina D è antinfiammatoria e può potenziare l’azione immunitaria, mentre la vitamina B12 è fondamentale per la salute dei neuroni in quanto contribuisce alla produzione della mielina, un rivestimento grasso che avvolge i neuroni e che aiuta a proteggere i neuroni dalle cicatrici e migliora la trasmissione dei messaggi neurali.

“I vaccini, compreso il vaccino COVID-19, sono noti per causare, in rari casi, reazioni neurologiche gravi e/o croniche. Siamo favorevoli allo screening della carenza di vitamina B12 prima della vaccinazione nei gruppi ad alto rischio”, scrivono gli autori dello studio.

Carenze di folato sono state osservate anche in pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19. La vitamina B12 ha un ruolo nella formazione del tessuto nervoso. La vitamina svolge un ruolo nella formazione del DNA e dell’RNA per le proteine cellulari.

 

Età e sesso

Marik ha affermato che le donne sono generalmente più a rischio di lesioni a seguito della vaccinazione COVID-19.

Ha basato questa affermazione sui risultati di un sondaggio condotto da React19 (pdf), un sito web che fornisce consigli sulle lesioni da vaccino e sul trattamento precoce. Nel questionario sono stati valutati 508 pazienti affetti da lesioni post-vaccinazione nell’ottobre 2021.

L’indagine ha rilevato che l’81% delle persone che hanno riportato lesioni da vaccino erano di sesso femminile. Tra i due sessi, i pazienti di età compresa tra i 30 e i 50 anni erano i più diffusi.

I dati di VAERS mostrano inoltre che le donne rappresentano circa il 65% delle segnalazioni di eventi avversi; il 41% di queste segnalazioni proviene da donne di età compresa tra i 18 e i 49 anni al momento della segnalazione.

Anche le donne di età compresa tra i 50 e i 59 anni e quelle di età compresa tra i 65 e i 79 anni hanno costituito un’ampia parte delle segnalazioni di eventi avversi, rappresentando quasi il 35% di tutte le segnalazioni nelle donne.

Le proteine Spike innescano l’infiammazione attraverso diverse vie. Una di queste vie è il legame con i recettori ACE2 sulla superficie delle cellule. Questo recettore è importante per ridurre l’infiammazione e una riduzione dell’ACE2 attraverso l’interazione con la proteina spike aumenta l’infiammazione.

Sebbene i recettori ACE2 siano presenti in molti organi, gli studi dimostrano che sono particolarmente abbondanti nelle ovaie e negli ovuli.

Da quando sono stati introdotti i vaccini, molte donne hanno segnalato irregolarità mestruali.

Uno studio pubblicato (pdf) su My Cycle Story ha raccolto i risultati di un sondaggio condotto su oltre 6.000 donne. Lo studio ha rilevato risultati allarmanti: mentre negli ultimi 100 anni sono stati documentati meno di 40 casi di fuoriuscita di tessuto uterino, dopo l’introduzione del vaccino COVID-19, 292 donne hanno sperimentato la fuoriuscita del tessuto uterino.

Marina Zhang

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments