Di quanto male e quanti danni sono stati fatti in questi tre anni, ecco il pensiero di Yoav Yehezkelli, medico specializzato in medicina interna e gestione medica, docente di gestione delle emergenze e dei disastri in Israele. Di seguito il suo articolo pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

covid pandemia bugie falsità

 

Nel dipinto di Pieter Bruegel “Paesaggio con la caduta di Icaro”, la tela è dominata da lavoratori che svolgono le loro attività quotidiane. Chi guarda il dipinto deve sforzarsi di trovare le gambe di Icaro mentre precipita in mare – avendo volato troppo vicino al sole – con il risultato di sciogliere le sue ali, fatte di cera e piume.

Il messaggio è chiaro: coloro che soccombono all’arroganza finiranno per diventare un dettaglio minore nel grande tessuto della realtà sociale.

Circa tre anni fa, abbiamo appreso per la prima volta dell’epidemia del nuovo coronavirus in Cina. Le informazioni accumulate e la prospettiva che si è delineata nel tempo permettono di raccontare la vera storia della pandemia, che è diversa da quella che molti ancora credono.

Quanto segue può quindi sorprendere chi non è aggiornato sulla letteratura scientifica mondiale. Questa storia si collega direttamente ai processi politici, sociali ed economici che il mondo e Israele stanno vivendo, compreso quello che equivale a un rovesciamento di regime. Ma prima di tutto.

 

False narrazioni

Mentre la cattiva informazione è la diffusione di informazioni false senza l’intento di ingannare, la disinformazione – la diffusione intenzionale di informazioni false con l’intento di fuorviare o ingannare – è divisiva, distruttiva e può causare danni irreparabili.

Considerate l’impatto delle seguenti narrazioni diffuse durante la pandemia.

 

Narrazione 1: l’origine del virus

La presenza di un segmento unico nel genoma virale e il fatto che non sia stato trovato alcun animale ospite con il virus hanno sollevato il sospetto che l’origine del virus non sia dovuta a un’evoluzione naturale, ma piuttosto a una ricerca di tipo gain-of-function condotta in un laboratorio da cui il virus è probabilmente fuoriuscito infettando alcuni lavoratori del laboratorio.

Quanto si sa sugli studi condotti sui coronavirus presso l’Istituto di virologia di Wuhan, finanziato dal governo americano, rafforza questa ipotesi e pone un difficile interrogativo sulla responsabilità dei ricercatori e dei loro finanziatori nell’epidemia.

 

Narrativa 2: Valutazione del rischio

I dati sul tasso di mortalità della malattia sono emersi chiaramente all’inizio della pandemia: era molto più basso di quanto si temesse, simile all’influenza e più pericoloso per gli anziani.

Questo era il caso del ceppo originale, e le varianti successive erano ancora più blande. Questa valutazione realistica del rischio avrebbe dovuto indurre le autorità sanitarie ad adottare misure meno severe rispetto a quanto effettivamente accaduto.

 

Nota 3: sovradiagnosi

Per la prima volta nella storia della medicina, la definizione di “caso” di una malattia respiratoria infettiva è stata stabilita sulla base di un test di laboratorio senza considerare i sintomi per verificare la malattia. L’utilizzo di un test PCR estremamente sensibile, in grado di identificare resti di RNA virale da virus morti, ha probabilmente portato a una sovradiagnosi di morbilità e mortalità.

La maggior parte di coloro che sono stati conteggiati come morti a causa della COVID-19 erano, in realtà, adulti deceduti per l’aggravarsi di condizioni croniche preesistenti e non per il virus stesso.

I numeri gonfiati non rispecchiano la realtà e hanno solo contribuito alla paura e al panico diffusi dai governi.

 

Narrativa 4: reazioni eccessive – Lockdowns, chiusure delle scuole, isolamento, indagini epidemiologiche, “lasciapassare” e mandati di mascherina

Quando scoppia una pandemia, è comprensibile la necessità di essere cauti e di tendere inizialmente verso misure più severe. Ma le misure draconiane attuate dall’Occidente, modellate sull’approccio dittatoriale cinese e applicate con leggi e misure d’emergenza, non si sono dimostrate, secondo i dati e le ricerche, efficaci nel prevenire la morbilità.

L’approccio di “aprire e chiudere (il pubblico) come una fisarmonica”, secondo le infelici parole di un leader in Israele, mancava sia di compassione che di comprensione professionale.

Pensare che l’uomo possa influenzare le forze della natura è un’arroganza impensabile: La morbilità di un virus respiratorio è naturalmente caratterizzata da ondate, indipendentemente da ciò che facciamo noi umani. I blocchi e le chiusure delle scuole non hanno avuto alcun effetto sostanziale sull’entità delle ondate.

La reazione eccessiva delle autorità sanitarie ci ha danneggiato e continuerà a farlo per molti anni a venire: danni alla salute, come ansia, depressione, disturbi alimentari e disturbi dello sviluppo nei bambini; danni all’istruzione, come la perdita di anni scolastici e lo sviluppo di disturbi comportamentali; danni all’economia, come disoccupazione, chiusura di aziende, interruzione della produzione e delle catene di approvvigionamento in tutto il mondo, perdita di PIL e aumento dell’inflazione. Tutti questi danni hanno portato alla crisi economica globale che stiamo affrontando.

 

Narrativa 5: Il vaccino

La grande speranza e la promessa del vaccino non sono mai state mantenute. Non potendo prevenire la trasmissione e il contagio, il vaccino ha avuto scarsi effetti sulla morbilità e il suo impatto sulla mortalità non è ancora chiaro; se ha avuto un effetto, è stato di breve durata.

Gli effetti collaterali dannosi che sono stati segnalati sono numerosi e alcuni sono gravi. Nel bilancio dei benefici rispetto al rischio di danni, sembra che non ci fosse alcuna giustificazione per l’uso di una tecnologia innovativa ma sconosciuta (mRNA) – sicuramente non nei giovani e sani, compresi i bambini, per i quali i rischi associati al COVID-19 sono trascurabili.

La rapida diffusione del vaccino solo con un’autorizzazione d’emergenza – quando in realtà non c’era una vera emergenza – e la somministrazione di iniezioni di richiamo in quello che si è ridotto a un esperimento sull’intera popolazione israeliana, con la coercizione di dover ottenere un “lasciapassare” per mantenere i diritti fondamentali, il tutto senza il consenso informato e la necessaria supervisione, solleva seri interrogativi etici sul giudizio e sui valori di chi ha preso le decisioni.

L’autonomia del paziente, la sua riservatezza e altri valori fondamentali della medicina sono stati calpestati.

Il Ministero della Salute israeliano ha agito più come un sostenitore dei produttori di vaccini, operando in base a un accordo confidenziale con un’azienda commerciale, piuttosto che come un autorità di regolamentazione il cui ruolo è quello di proteggere il pubblico e garantire che non vengano arrecati danni. Quando coloro che definiscono l’ambito dell’approvvigionamento sono partner del produttore nella pubblicazione dei dati nella letteratura medica, questo appare di per sé un palese conflitto di interessi.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha deluso il pubblico non riportando i gravi effetti collaterali riscontrati nella sorveglianza post-marketing da parte dei medici e del pubblico.

L’equilibrio di potere tra le autorità di regolamentazione e le aziende farmaceutiche è stato completamente distorto durante la pandemia di COVID-19 e contrario all’interesse e alla sicurezza del pubblico, mentre ha servito principalmente gli interessi di coloro che hanno guadagnato una fortuna.

A questo punto, dovrebbe essere chiaro che i vaccini COVID-19 dovrebbero essere sospesi e la tecnologia dell’mRNA – che di fatto è una terapia genetica – dovrebbe essere attentamente riesaminata.

 

Narrativa 6: Sfide senza precedenti alla medicina, alla scienza e all’etica

Le decisioni di attuare restrizioni draconiane sono state prese nella maggior parte dei Paesi da un piccolo gruppo di “esperti” e di responsabili politici con stipendi elevati e sicuri, senza considerare le esigenze delle popolazioni svantaggiate, dei lavoratori autonomi che hanno perso la capacità di provvedere a se stessi e alle loro famiglie e di molti altri che sono stati irrimediabilmente danneggiati da queste misure.

Questo approccio ha riportato la medicina indietro di decine di anni, ai tempi del paternalismo medico. Le regole etiche che dovrebbero governare le politiche pubbliche sono state violate; le misure adottate non soddisfano gli standard di efficacia, necessità e proporzionalità.

Sotto l’etichetta di “stato di emergenza”, la ricerca scientifica e medica si è allontanata dai principi fondamentali della discussione aperta, del sano scetticismo e del dubbio, nonché della ricerca imparziale e di alta qualità.

Durante gli anni del COVID-19, si è affermata una significativa polarizzazione delle pubblicazioni scientifiche a favore della narrazione dell’establishment, e l’approccio ad altre opinioni è stato ignorato o messo a tacere in modo aggressivo.

Coloro che osavano pensare in modo critico venivano accusati di disinformazione, mentre il più delle volte erano le pubblicazioni delle autorità sanitarie a essere guidate dall’agenda, parziali e piene di errori.

Ne sono un esempio le artificiose affermazioni sull’efficacia del vaccino, la negazione dell’efficacia dell’immunità naturale derivante dall’infezione e che fornisce una protezione più solida del vaccino, e la raccomandazione – senza precedenti in medicina – di vaccinare gli individui che sono guariti dall’infezione.

L’indifferenza e la totale negazione del Ministero della Salute israeliano riguardo agli effetti collaterali del vaccino e al sospetto eccesso di mortalità sono incoerenti con l’imperativo fondamentale della medicina di “primo, non nuocere” e riflettono una mancanza di compassione e di riconoscimento della sofferenza di molte persone.

 

Narrativa 7: Paura e manipolazione

La paura, il più potente motivatore del comportamento umano, ha giocato il ruolo più cruciale nella crisi del COVID-19. Come se non avessimo imparato nulla dalla storia, i nostri governi ci hanno deluso moralmente usando la propaganda per intimidire e terrorizzare il pubblico piuttosto che affidarsi a norme e protocolli consolidati per responsabilizzare i cittadini di fronte alle emergenze.

Questa propaganda ha avuto un pesante impatto, diffondendo ansia e depressione tra la popolazione.

E come sempre in questi casi, c’erano capri espiatori mirati: Nell’Europa medievale, erano gli ebrei a soffrire durante le pestilenze; in Israele, è iniziata con gli ultraortodossi e gli arabi. Durante la pandemia di COVID-19, coloro che hanno scelto di non vaccinarsi sono stati svergognati e bullizzati come “anti-vaxxers”, così come gli scienziati e i medici che hanno osato pensarla diversamente.

L’incitamento sponsorizzato dal governo ha eroso i sentimenti sociali e interpersonali in modo da consentire la delegittimazione di ampi gruppi della popolazione.

Il governo ha usato i media come strumento per diffondere la propaganda. Non ha adempiuto al suo ruolo di critica del governo, per renderlo responsabile. Ha invece contribuito all’intimidazione dei cittadini e alla violazione dei loro diritti civili e delle libertà umane fondamentali.

Ora si scopre che in Israele i giornalisti sono stati istruiti a non pubblicare nulla che contraddicesse la politica del governo, con l’incentivo di enormi budget pubblicitari per i media forniti dal governo.

 

La distruzione della democrazia

La violazione dei diritti dei cittadini e dei pazienti durante il periodo COVID-19 è senza precedenti. La legge sul coronavirus del 2020 – che il governo israeliano ha ora esteso – conferisce al governo un potere enorme e, in pratica, ha già abolito la supervisione della Knesset (il parlamento israeliano) e la separazione dei poteri.

L’Alta Corte non ha accolto la petizione contro il discriminatorio “lasciapassare verde”, che in pratica costringeva le persone a ricevere cure mediche non per reale scelta, ma per mantenere il diritto al lavoro e alla libertà di movimento.

Indubbiamente, il governo ha approfittato della pandemia di COVID-19 per ottenere potere e controllo sulla popolazione. L’insopportabile facilità con cui un regime “democratico” ha violato le libertà fondamentali con il pretesto di un’emergenza che non è mai esistita dimostra che ciò che l’opinione pubblica israeliana teme di più è già accaduto.

 

Affrontare la realtà: ritenere il potere responsabile

Quella che avrebbe dovuto essere una bella ora per la medicina, la scienza e i governi democratici si è invece trasformata in una marcia della follia di un fallimento colossale, sia dal punto di vista professionale che da quello della violazione delle libertà fondamentali e della perdita di fiducia del pubblico.

Non è stata colpa delle équipe mediche che hanno lavorato duramente e con grande dedizione; questo è accaduto a causa del palese fallimento delle autorità sanitarie. Tra queste, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la cui missione dichiarata è quella di lavorare “in tutto il mondo per promuovere la salute, mantenere il mondo sicuro e servire le persone vulnerabili”, la FDA e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e il Ministero della Salute israeliano, che si sono tutti concentrati sul COVID-19 trascurando il loro ruolo di promozione della salute generale e di protezione del pubblico.

Nella sua ampia definizione, l’OMS definisce la salute come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non solo l’assenza di malattia o infermità”. Guardare a una crisi con una visione a tunnel e vedere solo il virus ignorando tutti gli altri aspetti della salute non dovrebbe mai più accadere.

L’approccio fanatico e le misure draconiane impiegate contro una malattia che, da qualsiasi punto di vista, era considerata lieve o moderata – eppure non era diversa dalle pandemie influenzali degli anni ’60 e ’70 – hanno causato danni profondi con effetti a catena che si faranno sentire per gli anni a venire, provocando una significativa spaccatura sociale e instabilità economica e politica.

Sarebbe ingenuo pensare che a causare questo fallimento siano state solo la visione a tunnel e la cecità manageriale e non interessi di potere, controllo e denaro.

Nel gennaio 2020, quando la COVID-19 era una notizia da un Paese lontano sull’ultima pagina del giornale, ho scritto un articolo sull’israeliano TheMarker intitolato “Prima della prossima pandemia, dovremmo prepararci alle malattie come ci prepariamo alla guerra”. L’articolo è stato scritto dal mio punto di vista di persona che da anni promuove la preparazione alle emergenze.

Poco dopo, nel maggio 2020, ho scritto sullo stesso giornale: “Gli errori della crisi COVID: La cura è più dannosa della malattia”. Non sono stati necessari tre anni per capire la portata degli errori e per evitare il disastro che i governi hanno provocato con le loro stesse azioni.

Se le autorità sanitarie avessero ascoltato gli scienziati e i medici israeliani e di tutto il mondo con la voce della ragione, il disastro sarebbe stato evitato e i danni causati dalle misure aggressive adottate in risposta a una pandemia minore avrebbero potuto essere minimizzati.

Coloro che fanno parte dell’establishment che si ostinano a negare i fatti e continuano ad alimentare la narrativa secondo cui la pandemia è stata la fine dell’umanità e la vaccinazione è stata la “cura miracolosa” per salvare l’umanità, lo fanno perché le ramificazioni professionali, pubbliche, etiche e forse anche legali o penali sono così significative che per loro è meglio rinnegare la propria coscienza.

Attualmente, Israele è l’unico Paese ad estendere le leggi di emergenza senza una giustificazione medica. Affrontare la verità sarà particolarmente difficile per la comunità medica, dato che l’etica medica fondamentale è “primo, non nuocere”.

Per imparare lezioni cruciali per le future pandemie, ripristinare la fiducia nel sistema sanitario e promuovere la resilienza pubblica, è essenziale riportare la coscienza del pubblico a uno stato più naturale.

Affrontare la realtà richiede un’indagine onesta e completa sulla gestione della crisi COVID-19 e dei suoi effetti disastrosi. Questa crisi può essere trasformata in un’opportunità se le persone con coraggio e compassione parleranno e se la vera narrazione prevarrà.

Yoav Yehezkelli

 

Yoav Yehezkelli è un medico specializzato in medicina interna e gestione medica, docente di gestione delle emergenze e dei disastri e cofondatore del Team israeliano di gestione delle epidemie. È membro del Consiglio di emergenza pubblica israeliano per la crisi COVID-19. È anche medico di famiglia e consulente del KI Research Institute per la medicina computazionale.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments