classe-scuola-professore-1

 

 

di Pietro Marinelli

 

Leggo le tracce della prima prova d’esame 2024; ne vedo una su Ungaretti, una su Pirandello, una sulla “guerra fredda”, una sulla valorizzazione del patrimonio artistico-culturale dell’Italia, una sulla nuova modalità di tenere un diario in rete ….. Sono un po’ perplesso: ma siamo sicuri che siano le tracce del 2024? Non è che ho sbagliato e sto leggendo quelle del 1994? O addirittura quelle del 1954? Che cosa mi fa capire che sono le tracce della maturità di quest’anno?

Cerco affannosamente uno straccio di riferimento alla realtà drammatica che stiamo vivendo, ma invano: non c’è nulla sul conflitto Russia-Ucraina, che rischia di degenerare in guerra nucleare, non c’è nulla sullo sterminio dei palestinesi ad opera di Israele, non c ‘è nulla sulla pace e sulle 140 situazioni di guerra nel mondo …..non c’è nulla sulla NATO, che ha raggiunto la massima espansione ed è arrivato a 32 Stati membri; ma non c’è nulla nemmeno sull’Unione europea, anche ci sono appena state le elezioni del Parlamento, non c’è nulla sul G7 appena tenutosi in Puglia con la presidenza italiana, non c’è nulla sul BRICS e sulla costituzione di un polo alternativo a quello dei Paesi occidentali.

Insomma… la realtà è rimasta totalmente al di fuori dall’ufficio dell’ispettrice del Ministero della Pubblica Istruzione che ha redatto queste solite, scontatissime e noiosissime tracce di maturità. E’ l’ennesima conferma che tale esame serve all’omologazione più completa delle giovani generazioni e a favorire il loro totale disimpegno dalle questioni di attualità. Servono giovani “lobotomizzati”, che non si pongano problemi e domande su ciò che sia giusto o ingiusto, sulle scelte da operare in campo sociale e politico. Servono giovani che al massimo sappiano chi era Ungaretti o Pirandello (questo però magari nei licei classici o scientifici) ma non si chiedano il perché delle cose e soprattutto non agiscano di conseguenza.

Infatti il ​​commento di Giuseppe Valditara è stato “l’esame va bene così”; certo, a lui va bene così, che agli studenti non si chieda di prendere posizione sulle questioni reali, ma si rassegnino a “non disturbare il manovratore”; va bene così, certo, perché è meglio che i ragazzi maggiorenni non si pongano nemmeno il problema che rischiano di essere trattati come “carne da cannone”, anche nel senso letterale del termine.

Ah, dimenticavo…. c’era anche una traccia sul “silenzio” (non so se degli innocenti o cosa), come per dire “state zitti, se potete”!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments