Dario E. Viganò nominato vice Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze

Papa Francesco e Dario Edoardo Viganò

Papa Francesco e Dario Edoardo Viganò – Foto: Vatican Media / ACI Group

 

 

di Sabino Paciolla

 

La Sala stampa della santa Sede con un comunicato ha reso noto che Monsignor Dario E. Viganò è stato nominato da Papa Francesco Vice Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, con specifica competenza per il settore della comunicazione. A quanto riportano i giornali, la carica di Vice Cancelliere non esisteva in precedenza. Prima di questo nuovo incarico, egli ricopriva il ruolo di assessore del dicastero per la comunicazione, con il mandato di proseguire nel lavoro di riforma avviato quando era Prefetto dello stesso dicastero.

Paolo Ruffini, attuale Prefetto del Dicastero per la Comunicazione, lo ha salutato dicendo

“Nel giorno in cui, per volere del Papa, monsignor Dario Edoardo Viganò lascia il Dicastero per la Comunicazione per andare a ricoprire il ruolo di Vice Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, desidero ringraziarlo per il suo grande contributo umano e professionale al servizio del Santo Padre, della Santa Sede e della Chiesa tutta, prima come Prefetto e poi come Assessore del Dicastero per la Comunicazione. (…) 

In questo anno trascorso insieme ho potuto sempre contare sul sostegno e sulla amicizia di monsignor Viganò, che ringrazio anche per lo stile, la riservatezza, la disponibilità.

Oggi che il Santo Padre gli chiede – valorizzando la sua storia accademica di studioso di Comunicazione, Economia, Dottrina Sociale della Chiesa – di svolgere un altro importante servizio alla Chiesa e alla Santa Sede, come Vice-Cancelliere in quello che Pio XI definì “Senato di Sapienti”, a monsignor Dario Edoardo Viganò vanno insieme al nostro grazie gli auguri più sinceri di tutto il Dicastero”.

Mons. Dario Edoardo Viganò, come detto, è stato Prefetto del Dicastero delle Comunicazioni vaticane fino al marzo 2018, quando si è dovuto dimettere in seguito allo scandalo scoppiato per il “Lettergate“, in cui il sacerdote, nel presentare ai media una lettera del Papa emerito Benedetto XVI, aveva offuscato alcune righe e omesso interi paragrafi, alterando il pieno significato. Il Vaticano, in seguito al grande clamore scoppiato, ammise che la foto della lettera di Benedetto XVI era stata alterata.

Dopo le dimissioni, Papa Francesco, che elogiò il suo lavoro svolto con una lettera, gli “ritagliò” un posto su misura presso il Dicastero delle comunicazioni. Infatti, lo nominò “assessore”, carica prima inesistente.

Le dimissioni di Viganò hanno avuto luogo poche settimane dopo la pubblicazione del messaggio di Francesco per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni del 2018, giornata dedicata alla condanna degli abusi giornalistici e delle “false notizie”. In quel convegno di alto profilo dedicato in buona sostanza alle “fake news”, fu lo stesso Viganó a tenere una relazione. 

Per questo, sei settimane dopo le dimissioni, Viganò tornò sotto il tiro delle critiche. Infatti, durante la tavola rotonda del 28 aprile, dal titolo “Fake News and the Ethical Responsibilities of Media”, Viganò parlò dell’importanza della trasparenza nei media, dicendo: “Il giornalista, come il medico, ha la capacità di avvelenare i suoi lettori [ma] con una differenza, che è quella che il giornalista può avvelenare più lettori di quanto possa fare un medico con i suoi pazienti”. Egli, però, non fece alcun cenno alla sua storia.

 

Se il vice Prefetto sarà Dario Viganò, è bene tener presente che il Prefetto della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali è mons. Marcelo Sánchez Sorondo, argentino, il quale, il 2 febbraio dell’anno scorso, di ritorno da un viaggio in Cina, aveva detto: “In questo momento, quelli che realizzano meglio la dottrina sociale della Chiesa sono i cinesi”. “Essi, (i cinesi, ndr) tengono al bene comune, subordinano le cose al bene comune”. “Ho incontrato una Cina straordinaria: ciò che la gente non capisce è che il principio centrale cinese è il lavoro, lavoro, lavoro. Non c’è altro. Al fondo è come diceva san Paolo: chi non lavora, non mangia”. “Non ci sono baraccopoli, non hanno droga, i giovani non usano droga. Vi è come una coscienza nazionale positiva, essi desiderano dimostrare che sono cambiati, che accettano la proprietà privata”. Secondo mons. Sanchez Sorondo, Pechino “sta difendendo la dignità della persona”, seguendo più di altri Paesi l’enciclica di papa Francesco “Laudato sì”, difendendo gli accordi di Parigi sul clima.

Visto che in Cina è ammesso un solo partito, è dunque un regime, che tutto è controllato, che dal febbraio dello scorso anno ai minorenni è vietato entrare in chiesa, che l’autorità sta spingendo alla delazione, che molte chiese e santuari sono stati distrutti anche subito dopo l’accordo Cina-Vaticano, che alcuni vescovi sono stati trattenuti e altri sono scomparsi, e di essi non si è mai saputo più nulla, dove il regime sta pressando il clero ad iscriversi presso l’Associazione Patriottica (del clero cinese non riconosciuta dal Vaticano), che sta diventando pericoloso avere la Bibbia, e così via, quelle parole di mons. Sorondo suscitarono un notevole scandalo, quasi un oltraggio al buon senso. 

L’indignazione fu tale che lo scrittore George Weigel, biografo e amico di papa San Giovanni Paolo II, disse

“Se un funzionario vaticano, per quanto basso di rango, può impunemente dire stupidaggini per coprire un regime malvagio, c’è qualcosa di gravemente sbagliato in uno dei pochi centri di potere del mondo il cui fine principale è dire la verità”.

 

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

 




Ganna: “Non c’è nessun ‘gene gay'”. la scienza conferma. La realtà si impone sulla ideologia

“Non c’è nessun ‘gene gay'” dice l’autore dello studio Andrea Ganna, un genetista del Broad Institute of MIT e Harvard a Cambridge, Massachusetts. Inoltre, “Anche se alcuni ricercatori e sostenitori di LGBTQ potrebbero mettere in discussione la saggezza di condurre questo tipo di ricerca, Birney dice che è importante. C’è stata molta ricerca sociologica sui comportamenti sessuali omosessuali, dice Birney, ma questo è un argomento incredibilmente complicato. E’ tempo di introdurre nella discussione una prospettiva forte, basata su basi biologiche, dice Birney”.

Questo commento di Birney mi sembra la migliore e più saggia prospettiva per affrontare un argomento che ha assunto forti connotati ideologici. 

Riporto un articolo di Jonathan Lambert, pubblicato su Nature, una rivista scientifica considerata molto autorevole dalla comunità scientifica internazionale, che riporta i risultati di questa ampia ricerca pubblicata su Science. Eccola nella mia traduzione. 

 

Bandiera LGBT

Bandiera LGBT

 

Il più grande studio (1)  su basi genetice della sessualità ha rivelato cinque punti del genoma umano che sono legati al comportamento sessuale omosessuale – ma nessuno dei marcatori è sufficientemente affidabile per prevedere la sessualità di qualcuno.

I risultati, pubblicati il 29 agosto su Science e basati sui genomi di quasi 500.000 persone, confermano i risultati di studi precedenti, più piccoli, e confermano i sospetti di molti scienziati: mentre le preferenze sessuali hanno una componente genetica, nessun singolo gene ha un grande effetto sui comportamenti sessuali.

“Non c’è nessun ‘gene gay’,” dice l’autore dello studio Andrea Ganna, un genetista del Broad Institute of MIT e Harvard a Cambridge, Massachusetts.

Ganna e i suoi colleghi hanno anche usato l’analisi per stimare che fino al 25% del comportamento sessuale può essere spiegato dalla genetica, mentre il resto è influenzato da fattori ambientali e culturali – una cifra simile ai risultati di studi più piccoli.

“Questo è uno studio solido”, dice Melinda Mills, sociologa dell’Università di Oxford, Regno Unito, che studia le basi genetiche dei comportamenti riproduttivi.

Ma avverte che i risultati potrebbero non essere rappresentativi della popolazione complessiva – una limitazione che gli autori dello studio riconoscono. La parte del leone dei genomi proviene dal programma di ricerca britannico Biobank e dalla società di genetica di consumo 23andMe, con sede a Mountain View, California. Le persone che contribuiscono con le loro informazioni genetiche e sanitarie a queste banche dati sono prevalentemente di origine europea e sono più anziane. I partecipanti della britannica Biobank avevano tra i 40 e i 70 anni quando sono stati raccolti i loro dati, e l’età media per le persone nel database di 23andMe è di 51 anni.

Gli autori dello studio sottolineano anche che hanno seguito la convenzione per le analisi genetiche, eliminando i soggetti il cui sesso biologico e il genere in cui si auto-identificavano non si accoppiavano. Di conseguenza, il lavoro non include minoranze sessuali e di genere (la comunità LGBTQ) come le persone transgender e le persone intersessuali.

 

Necessità di ulteriori dati

 

Gli scienziati hanno a lungo pensato che i geni di alcuni abbiano in parte influenzato il loro orientamento sessuale. Ricerche degli anni Novanta (2) hanno dimostrato che gemelli identici hanno maggiori probabilità di condividere un orientamento sessuale rispetto a gemelli fraterni o fratelli adottati. Alcuni studi hanno suggerito che una parte specifica del cromosoma X chiamata regione Xq28 fosse associata all’orientamento sessuale di persone che erano biologicamente maschili – anche se ricerche successive hanno messo in dubbio questi risultati.

Ma questi studi avevano tutti campioni di dimensioni molto piccole e più focalizzati sugli uomini, dice Mills. Questo ha ostacolato la capacità degli scienziati di rilevare molte varianti associate all’orientamento sessuale.

Nel recente studio, Ganna e i suoi colleghi hanno utilizzato un metodo noto come studio di associazione genome-wide genoma (GWAS) per esaminare i genomi di centinaia di migliaia di persone per cambiamenti di DNA a una sola lettera chiamati SNPs. Se molte persone con un tratto in comune condividono anche alcuni SNPs, è probabile che gli SNPs siano in qualche modo legati a quella caratteristica.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti allo studio in due gruppi – quelli che hanno riferito di aver fatto sesso con qualcuno dello stesso sesso e quelli che non lo hanno fatto. Poi i ricercatori hanno eseguito due analisi separate. In una, hanno valutato più di un milione di SNPs e guardato se le persone che avevano più SNPs in comune con l’altro avessero anche segnalato comportamenti sessuali simili. Gli scienziati hanno scoperto che la genetica potrebbe spiegare dall’8% al 25% della variazione del comportamento sessuale.

Per la loro seconda analisi, Ganna e i suoi colleghi volevano vedere quali particolari SNPs fossero associati a comportamenti sessuali omosessuali e ne hanno trovati cinque più comuni tra questi individui. Tuttavia, questi cinque SNPs hanno spiegato collettivamente meno dell’1% della variazione del comportamento sessuale.

Questo suggerisce che ci sono un sacco di geni che influenzano il comportamento sessuale, molti dei quali i ricercatori non hanno ancora trovato, dice Ganna. Una dimensione del campione ancora più grande potrebbe aiutare a identificare le varianti mancanti, dice Ganna.

Ma Ganna avverte che questi SNPs non possono essere utilizzati per prevedere in modo affidabile le preferenze sessuali in un qualsiasi individuo, perché nessun singolo gene ha un grande effetto sui comportamenti sessuali.

 

È complicato

 

Anche se i ricercatori hanno identificato alcuni degli SNPs coinvolti in comportamenti sessuali omosessuali, non sono sicuri di cosa facciano le varianti genetiche. Uno è vicino a un gene legato all’olfatto, che Ganna dice avere un ruolo nell’attrazione sessuale. Un altro SNP è associato alla calvizie maschile – un tratto influenzato dai livelli di ormoni sessuali, il che suggerisce che questi ormoni siano anche legati al comportamento sessuale con lo stesso sesso.

I risultati dimostrano la complessità della sessualità umana, dice Ganna. Hanno anche rappresentato una sfida per i ricercatori dello studio, che sapevano che sarebbe stato difficile spiegare al grande pubblico risultati sfumati su un argomento così delicato.

Per garantire che i loro risultati non vengano fraintesi, i ricercatori dello studio hanno collaborato con gruppi di sostegno LGBTQ e specialisti della scienza della comunicazione sul modo migliore di comunicare i loro risultati nel  documento di ricerca e al pubblico. I loro sforzi hanno compreso la progettazione di un sito web che presenta i risultati – e i loro limiti – al pubblico, utilizzando un linguaggio sensibile e privo di parole gergali.

Ewan Birney, genetista e direttore dell’EMBL European Bioinformatics Institute vicino a Cambridge, Regno Unito, plaude a questo sforzo. “È un campo minato per le comunicazioni”, dice.

Anche se alcuni ricercatori e sostenitori di LGBTQ potrebbero mettere in discussione la saggezza di condurre questo tipo di ricerca, Birney dice che è importante. C’è stata molta ricerca sociologica sui comportamenti sessuali omosessuali, dice Birney, ma questo è un argomento incredibilmente complicato. E’ tempo di introdurre nella discussione una prospettiva forte, basata su basi biologiche, dice Birney.

(1 ) Ganna, A. et al. Science 365, eaat7693 (2019).

(2) Pillard, R. C. & Bailey, J. M. Hum. Biol. 70, 347–365 (1998).

 

[wpedon id=”15469″ align=”center”]