concerto
concerto (Photo: Depositphotos.com)

 

Da un articolo pubblicato su dutchnews.nl:

“Circa 1.000 visitatori di un festival a Utrecht tenutosi nel primo fine settimana di luglio hanno contratto il coronavirus. In totale, 20.000 persone hanno partecipato al festival all’aperto di Verknipt e le infezioni sono state diffuse in entrambi i giorni, secondo i dati del consiglio sanitario locale. Il festival era un evento con “test per l’ingresso”, il che significa che i visitatori erano ammessi se potevano mostrare un codice QR che mostrava che erano stati vaccinati, avevano un test di coronavirus negativo o avevano recentemente avuto la malattia. È la prima volta che così tante infezioni sono state ricondotte a un singolo evento e probabilmente nei prossimi giorni verranno identificati più casi, ha affermato un portavoce del consiglio sanitario. La sindaca di Utrecht Sharon Dijksma, che ha partecipato lei stessa all’evento, aveva descritto la presenza di così tante persone senza maschere e distanziamento sociale come “speciale e un po’ tesa” sui social media.”


Che cosa ci dice questo episodio? Che il green pass è poco più che una favola, buona per chi ama le favole. Poi basta guardare quali sono i dati che vengono dalla Gran Bretagna.

traduzione del tweet che ha pubblicato il sindaco di Utrecht Sharon Dijksma:

Presente al festival #Verknipt per dare uno sguardo prima e dietro le quinte. Speciale e anche molto emozionante vedere così tante persone di nuovo insieme dopo tanto tempo. Persone che possono accedere solo con un codice QR, perché anche il 1,5 m non vale più qui.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print