L’Alleanza internazionale dei medici e degli scienziati medici ha annunciato il loro sostegno alla fine dell’emergenza nazionale riguardante il COVID-19, poiché non è più necessario proteggere la salute pubblica.

 

Washington, il Campidoglio
Washington, il Campidoglio

 

Dopo due anni di ricerche scientifiche, dati clinici e prove da parte di professionisti medici in prima linea che trattano centinaia di migliaia di pazienti, l’alleanza internazionale di più di 17.000 medici e scienziati medici ha concluso che la malattia COVID-19, altamente curabile, che è meglio affrontata con l’immunità naturale e i farmaci sperimentati, non richiede più lo status di emergenza nazionale.

I vaccini non sono riusciti a ridurre la diffusione del COVID-19 e presentano diversi rischi per la salute, mentre l’immunità naturale per bambini e adulti sani si è dimostrata più efficace. Inoltre, i protocolli di trattamento che utilizzano farmaci ben studiati e approvati dalla FDA si sono dimostrati efficaci nel prevenire gravi malattie e la morte da Covid-19.

Con il successo dei trattamenti e l’ampia immunità naturale in mezzo alla forza calante delle varianti di COVID-19, non c’è più la necessità credibile di un’emergenza nazionale negli Stati Uniti.

Il 13 marzo 2020, Donald Trump ha usato un ordine esecutivo ai sensi del National Emergency Act per dichiarare un’emergenza nazionale riguardante il COVID-19. Il 24 febbraio 2021, l’ordine è stato esteso dal presidente Biden. Da allora, i diritti costituzionali degli americani sono stati calpestati permettendo ai governi allineati con le compagnie farmaceutiche di sfruttare i propri cittadini. L’estensione dell’emergenza nazionale da parte di Biden il 18 febbraio 2022 ignora gli estesi dati medici e scientifici, confermando un’agenda non medica della Casa Bianca.

Gli oltre 17.000 medici e scienziati medici indipendenti, che rifiutano gli interessi corporativi delle aziende farmaceutiche, chiedono al Congresso di respingere l’estensione del presidente Biden dell’emergenza nazionale che è stata dichiarata dal presidente Trump, per ripristinare la nostra democrazia costituzionale, ripristinare le relazioni medico-paziente, la privacy medica e la scelta medica personale, e porre fine alle tattiche coercitive e agli obblighi.

Facebook Comments