Nei giorni scorsi la Federazione polacca “UNO DI NOI” per la protezione della Vita e della Famiglia, ha promosso un’appello internazionale a sostegno della sentenza dell’Alta Corte che ha dichiarato incostituzionale l’aborto eugenetico.

Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato sul loro sito (qui )

 

gravidanza

 

110 organizzazioni di tutto il mondo si appellano alle autorità polacche per pubblicare la sentenza della Corte Costituzionale che protegge la vita dei disabili

 

Il rispetto del principio di non discriminazione nei confronti delle persone con disabilità è uno dei pilastri fondamentali dei diritti umani in una società progressista del XXI secolo – è stato scritto in una dichiarazione firmata da più di un centinaio di organizzazioni europee e americane che difendono il diritto alla vita, facendo appello al Parlamento e al governo polacco affinché rispettino e pubblichino la sentenza della Corte costituzionale.

110 organizzazioni di tutto il mondo hanno rilasciato una dichiarazione in cui sostengono i difensori della vita polacchi e accolgono con favore la decisione del Tribunale costituzionale della Repubblica di Polonia che conferma “la reale uguaglianza tra persone disabili e malate e persone sane senza queste menomazioni e malattie“.

– Lo Stato si contraddirebbe se, da un lato, confermasse che le persone con disabilità hanno gli stessi diritti degli altri e, dall’altro, permettesse loro di essere eliminate prima della nascita a causa della loro malattia o disabilità. Questo significherebbe che la vita di una persona malata o disabile ha meno valore di quella di una persona sana – è scritto nella dichiarazione. – La possibilità di eliminare un bambino in età prenatale fino alla nascita a causa della sua malattia o disabilità è una grave violazione dei diritti delle persone disabili – ha aggiunto.

La dichiarazione ricorda una dichiarazione fatta dal Comitato delle Nazioni Unite per i diritti delle persone con disabilità (UNIC) nel 2017: “Le disposizioni che permettono esplicitamente l’aborto per motivi di invalidità violano la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità“. È stato sottolineato che, ripristinando l’uguaglianza tra bambini disabili e non disabili nel periodo prenatale, il Tribunale costituzionale polacco adegua la legge della Repubblica di Polonia al diritto internazionale.

– La Repubblica di Polonia può diventare un modello per i paesi di tutto il mondo, in quanto tutti sono chiamati ad adottare norme a tutela dei disabili e dei malati, che hanno lo stesso diritto alla vita degli altri – è stato scritto in un comunicato in cui si chiede al Parlamento e al governo polacco di rispettare e pubblicare la decisione del Tribunale costituzionale e di concentrarsi su soluzioni che migliorino la situazione di vita delle famiglie che si occupano di bambini malati o disabili.

– Il rispetto del principio di non discriminazione dei disabili è uno dei pilastri fondamentali dei diritti umani nella società progressista del XXI secolo – è stato sottolineato alla fine.

La federazione spagnola delle associazioni pro-life Federación Española de Asociaciones Provida ha preso l’iniziativa della dichiarazione. In pochi giorni ha ricevuto il sostegno di oltre un centinaio di organizzazioni di molti paesi europei e americani. Ci sono più di un milione di europei da soli che sono membri delle organizzazioni che hanno firmato la dichiarazione.

– Questo dimostra l’entità del sostegno ricevuto dalla Polonia, che con la sentenza del Tribunale costituzionale – purtroppo ancora inedita – garantisce la parità di trattamento dei disabili e delle persone sane davanti alla legge – afferma Jakub Bałtroszewicz, presidente della Federazione polacca dei movimenti di difesa della vita e della famiglia e aggiunge che tale riflessione sulla sentenza del Tribunale aiuterebbe il governo e il parlamento a invertire la discussione, e poi i passi successivi, logici, dovrebbero e devono diventare una priorità, cioè lavorare non tanto sul cattivo progetto del presidente Andrzej Duda, ma sulle soluzioni a sostegno dei disabili e delle loro famiglie. – “Concentriamoci sulle nuove soluzioni più veloci possibili nel programma “For Life”, che farà della Polonia un leader e un modello di comportamento verso i membri più deboli della nostra società. L’Europa e il mondo ci guardano”, si appella Bałtroszewicz.

Il rispetto del principio di non discriminazione dei disabili è uno dei pilastri fondamentali dei diritti umani in una società progressista del XXI secolo.

Elenco delle organizzazioni internazionali aderenti:

One of Us Nederland (Netherlands)

Ensemble pour la Vie (Switzerland)

Österreichische Lebensbewegung (Austria)

Aktion Lebensrecht für Alle e.V. (Germany)

The International Organization for the Family (USA)

Pro Vita & Famiglia Onlus (Italy)

Life Network Foundation Malta (Malta)

Prof. Dr. Manfred Spieker Universität Osnabrueck (Germany)

Bundesverband Lebensrecht (BVL) e.V. (Germany)

Member of Juristen-Vereinigung Lebensrecht (Germany)

Inštitút pre ľudské práva a rodinnú politiku, o.z. (Slovakia)

Life Institute (Ireland)

Christdemokraten für das Leben (Germany)

Cambridge Pro-Life (United Kingdom)

Europe for Family (EU)

Sdruzhenie Izobor za Zhivot / Pro-Life Choice Association (Bulgaria)

Federación Española de Asociaciones Provida (Spain)

PRO VITA Bucharest (Romania)

Alliance of Romania’s Families (Romania)

Prolife Luxembourg (non-formal initiative) (Luxembourg)

Foro español de la Familia (Spain)

Asociación Cristianos en Democracia (Spain)

TCLG (Germany)

Asociación Adevima Pro-Vida

Federation of Catholic Family Associations in Europe (FAFCE) (Belgium)

Familia y Dignidad Humana (Spain)

GRUPO PROVIDA (Spain)

European Federation One of Us (Belgium)

Asociación Provida Alcala de Henares (Spain)

Asociación Provida Torrejon de Ardoz (Spain)

Portuguese Prolife Federation (Portugal)

Asociación en Defensa de la Vida Humana ADEVIDA (Spain)

Fundación en Defensa de la Vida Humana ADEVIDA MADRID (Spain)

Lebenskonferenz (Austria)

Crossroads Pro-Life (USA)

Donum Vitae (Slovakia)

Jugend für das Leben (Austria)

#fairaendern (Austria)

Plattform Leben Vorarlberg (Austria)

American Association of Pro-Life Obstetricians and Gynecologists (USA)

Interessenvertretung ungeborener Menschen (Germany)

ANDEVI (ASOCIACIÓN NAVARRA DE DEFENSA DE LA VIDA) (Spain)

e-Cristians (Spain)

ProLife Europe e.V. (Germany)

Provida Gipuzkoa-Bizitzaren Alde (Gipuzkoa-Spain)

Pro-Life Action (Slovakia)

Movimento per la Vita (Italy)

Asociación de ayuda a la vida (Spain)

Fundación REDMADRE (Spain)

Enraizados (Spain)

ProFamilia Montoro (Italy)

Associazione Carlo Torriani o.d.v (Italy)

Nova Civilitas (Italy)

Associazione Popolo della Famiglia Umbria (Italy)

La Quercia Millenaria Lombardia o.d.v (Italy)

Centro Aiuto alla Vita di Foligno o.d.v (Italy)

Centro Amore e Vita Foligno (Italy)

Association for Life and Family (Slovakia)

Associazione Family Day (Italy)

Associazione Culturale per la Via Pulchritudinis (Italy)

Marsch fürs Leben Österreich (Austria) 

Österreichische Evangelische Allianz (Austria)

Asociación Pro Respeto a la Vida Humana (Alicante) (Spain)

Ärzte für das Leben e.V. (Germany)

Derecho a Ser Madre (Spain)

Retten til Liv (Right to Life) (Denmark)

Ora et Labora in difesa della Vita (Italy)

Iustitia in Veritate (Italy)

Ass.Difendere la Vita con Maria (Italy)

Ärzte für das Leben e.V. (Germany)

Partido político Unión Cristiano Democrata Española (UCDE) (Spain)

The Cambridge Pro-Life Group (United Kingdom) 

Solidarity House Network (Switzerland)

acTÚa FAMILIA (Spain)

Oeuvre pour la Protection de la Vie Naissante (Luxembourg)

SaveOne Europe (Austria)

Shout for Life Association (Hungary)

ASOCIACIÓN PROVIDA BADAJOZ Badajoz (Spain)

Anglican Episcopal Church of Europe – Holy Anglican Church (Italy)

Associazione Ramoscello di Ulivo (Italy)

Associazione Non si Tocca la Famiglia (Italy)

Famiglie Numerose Cattoliche (Italy)

Associazione Madonna dell’Umiltà (Italy)

Movimento con Cristo per la Vita di Ancona (Italy)

Pro Vita e Famiglia Onlus (Italy)

Human Life International (USA)

Vida Humana Internacional (USA)

International Right to Life Federation 

Life Issues Institute (USA)

Population Research Institute Director de la Oficina para América Latina (Peru)

Population Research Institute (USA)

Fundación Familia y Futuro, (Ecuador)

Unidos por la Vida (Colombia)

Disha Foundation (India)

Protecting Life Movement Trust (Kenya)

Estilo de Mujer (Argentina)

ASESCA- Asociación de Escritoras Católicas (Argentina)

Madrinas por la Vida (Uruguay)

Red por la vida y Familia (Chile)

Cristianos por la Vida (Chile)

Con MIRADA de MUJER (Paraguay)

Padres en Alerta – Central (Paraguay)

ISFEM (Chile)

Comissão Diocesana em defesa da vida de Presidente Prudente, São Paulo (Brasil)

Associação Nacional de Peregrinação do Rosário (Brazil)

Coyhaique por la Vida (Chile)

Благотворительный фонд защиты жизни и семьи “Открытые сердца” (Belarus)

Всеукраїнський благодійний фонд “За гідність людини” (Ukraine)

The National Catholic Bioethics Center (USA)

American College of Pediatricians (USA)

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1