Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Eric Sammons e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco triste
Papa Francesco triste

 

Oggi (ieri, ndr) è il decimo anniversario dell’elezione di Jorge Bergoglio al papato. È consuetudine, in occasione degli anniversari, guardare indietro e riflettere sugli anni trascorsi insieme, ma mia madre mi ha anche detto che se non posso dire qualcosa di carino, non dovrei dire nulla, quindi non so cosa fare oggi. Credo che ignorerò la mamma.

La cruda realtà è che il papato di Francesco, da qualsiasi punto di vista cattolico, è stato un disastro. Non è che a volte non abbia fatto qualche buona azione o pronunciato qualche buona parola; è che l’orientamento generale del suo pontificato è stato di confusione, ideologia politica e scandalo.

Nel primo anno di pontificato Francesco ha pronunciato le famigerate parole “Chi sono io per giudicare?” e da allora ha fatto molto più per confondere i fedeli che per confermarli. Mentre i “popesplainers” (coloro che cercano di spiegare il significato delle parole di Papa Francesco, ndr) hanno creato un’industria del settore cercando di spiegare perché il significato semplice delle parole di Francesco non è il suo vero significato, la maggior parte delle persone ragionevoli ha capito che egli intende ciò che dice, anche quando ciò che dice ha poco senso. Inoltre, le sue singole affermazioni non sono state pronunciate nel vuoto: se da un lato si può interpretare ognuna delle sue affermazioni più problematiche in senso pienamente cattolico se si strizza l’occhio a sufficienza, dall’altro, se si considera l’insieme di dieci anni, è chiaro che Francesco vuole minare molte delle pratiche – e persino degli insegnamenti – che i cattolici hanno avuto a cuore per secoli.

C’è una cosa, tuttavia, su cui il Papa non è confuso: la sua agenda politica. Papa Francesco ha trasformato il Vaticano essenzialmente in una ONG politica. Anche se ogni papa dovrebbe giustamente commentare la politica, l’ufficio del papato non è quello di sostenere l’ultima iniziativa delle Nazioni Unite o il piano del World Economic Forum. È quello di proclamare il Vangelo salvifico di Gesù Cristo come si trova nella Chiesa cattolica. Eppure, Francesco sembra usare la sua autorità morale non per esortare le persone a convertirsi al cattolicesimo (anzi, sembra aborrire le conversioni), ma per promuovere l’ultima agenda politica globalista, come la lotta al cambiamento climatico o la riforma dell’immigrazione. Associando se stesso – e quindi la Chiesa cattolica – a questi obiettivi mondani, egli sminuisce la capacità della Chiesa di elevarsi al di sopra delle differenze politiche per indicare un percorso spirituale di salvezza.

E sebbene i media, in particolare quelli cattolici, vogliano ignorarlo, questo papato è stato pieno di scandali. Oltre allo scandalo delle parole confuse dello stesso Francesco, c’è la moltitudine di scandali che coinvolgono prelati e sacerdoti abusivi che hanno ricevuto un trattamento preferenziale se ideologicamente allineati con Francesco. La rivelazione pubblica dell’ex cardinale Theodore McCarrick come mostro ha seriamente minato l’obiettivo dichiarato di Francesco di ripulire la Chiesa. Si trattava di un uomo che era conosciuto come un predatore da molti cattolici di alto rango – compreso lo stesso Papa – eppure era stato inserito nella “cerchia ristretta” da Francesco all’inizio del suo pontificato.

Innumerevoli altri scandali hanno disseminato gli ultimi 10 anni, ma quello più recente riguardante p. Marko Rupnik, S.J., potrebbe essere il più preoccupante. Le accuse contro Rupnik sono scioccanti, e il fatto che egli sembri godere ancora del favore del Vaticano nonostante tali accuse rivela una Curia profondamente dissestata. Se si combina l’inazione del Vaticano nei confronti di Rupnik con la sua jihad contro i cattolici tradizionali, si ottiene la ricetta per una Roma in disordine.

Confusione, ideologia politica e scandali sono stati i nostri continui compagni di viaggio negli ultimi 10 anni e non c’è motivo di credere che le cose cambieranno finché regnerà questo Papa. Alcuni cattolici cercano di spiegare questi problemi (o addirittura affermano che sono cose positive!); altri cattolici fanno del loro meglio per ignorarli. Purtroppo, molti cattolici hanno rotto la comunione con la Chiesa cattolica per ateismo/agnosticismo, ortodossia o sedevacantismo. Sebbene ognuno sia responsabile delle proprie decisioni, anche Papa Francesco dovrà rispondere di queste defezioni nel giorno del suo giudizio particolare.

Da parte mia, vedo ancora una speranza in mezzo a questi problemi. Se non altro, le disavventure di Papa Francesco hanno permesso ai cattolici di comprendere più profondamente il papato, sia la sua autorità che i suoi limiti. Mentre molti cattolici ortodossi avrebbero potuto vivere in uno stato di beato iperpapalismo sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, Francesco ci ha ricordato che il vero capo della Chiesa è Gesù Cristo, e il suo vicario non ha la garanzia di essere fedele a Lui in tutto ciò che fa.

Inoltre, i tempi di prova, come quelli in cui viviamo ora, sono i migliori per crescere nella santità. È ampiamente accettato che il modo migliore per raggiungere la forma fisica è quello di sottoporre il corpo a stress in vari modi, sia attraverso il sollevamento pesi, la corsa, il digiuno o altre attività faticose. Allo stesso modo, anche la forma spirituale si ottiene solo attraverso lo stress: essere spinti a scegliere il Signore nonostante le tentazioni di abbandonarlo. In un’epoca di pontificato problematico, dobbiamo decidere di seguire Cristo e di aggrapparci a lui nonostante la confusione, l’ideologia politica e lo scandalo che attualmente proviene da Roma.

Eric Sammons

 

Eric Sammons è caporedattore della rivista Crisis.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments